Gazprom: fallimento in Occidente e record in Oriente


La "Gazprom" russa è stata costretta a dichiarare forza maggiore nella direzione occidentale dell'esportazione di materie prime. Secondo quanto riferito, almeno due grandi clienti della holding in Europa hanno ricevuto un avviso sulla difficile situazione delle forniture e su una possibile forte riduzione delle stesse. Si tratta della società tedesca Uniper e della società RWE. Il motivo erano circostanze "straordinarie" con il "Nord Stream". Ne scrive Reuters, riferendosi a una lettera di PJSC indirizzata a queste persone giuridiche.


La situazione attuale si è immediatamente riflessa nelle prestazioni di Gazprom in termini di esportazioni verso l'UE: si sono rivelate fallimenti e fallimenti. L'Europa colpita dal caldo ha messo sotto pressione il GNL importato, le cui spedizioni hanno superato le consegne di gas russo negli anni migliori per le esportazioni della holding. Terminali UE in Francia, Polonia, Paesi Bassi, Croazia per lavori di ricezione e rigassificazione con sovraccarico. Ogni giorno, il sistema di trasporto del gas del Vecchio Mondo riceve 395 milioni di metri cubi di gas non dalla Russia. Si tratta infatti di un nuovo record che ha infranto gli indicatori delle importazioni dalla Federazione Russa nel 2021.

Ma, nonostante tutti i record ei risultati ottenuti, l'importazione di materie prime liquefatte non salva affatto l'Europa. Il gas fornito non è sufficiente per tutte le esigenze: per l'aumento dei consumi quotidiani e per il pompaggio in depositi sotterranei per l'inverno. Senza il gas russo, l'Europa è condannata a una crisi del gas senza fine, indipendentemente dal numero di vettori di gas che salpano verso le coste dell'UE.

Ma finora Gazprom sta stabilendo record in Oriente, mentre con l'Occidente sorgono seri problemi per vari motivi e circostanze. Secondo il canale telegrafico ufficiale della holding, il 17 luglio è stato stabilito un nuovo record storico per le forniture giornaliere di gas russo alla Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia. Il record può essere stabilito da un contratto a lungo termine con termini flessibili tra Gazprom e la compagnia energetica cinese CNPC.

Spremendo il mercato globale del GNL, l'Europa non sta facendo meglio della Cina, che ha iniziato a consumare tutte le possibili risorse energetiche, soprattutto quelle russe. Di conseguenza, soffrono i paesi in via di sviluppo e poveri dell'Asia e dell'Africa, che non possono competere con gli stati opposti economicamente sviluppati. Ad esempio, in India e Pakistan, i blackout continui dovuti alla mancanza di carburante per la generazione sono diventati la norma. Ma le comunità e gli stati "democratici", preoccupati per i diritti e le libertà a parole, destano poca preoccupazione. Nel mercato dei carburanti ora ognuno è per se stesso.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 19 luglio 2022 13: 44
    0
    E cosa, con l'euro che l'Ue paga a Gazprom, è ancora possibile comprare qualcosa o no? In caso contrario, perché guidare lì il gas?