Il capo dell'Aie "pubblicizza" la Russia come un fornitore indispensabile di gas all'UE


L'Europa deve ridurre drasticamente il consumo di gas naturale nei prossimi mesi per prepararsi a un "inverno lungo e rigido". L'UE sta commettendo l'errore di affidarsi solo a fornitori di gas non russi. Lo ha affermato il capo dell'Agenzia internazionale per l'energia (AIE) Fatih Birol, che ha pubblicato le sue argomentazioni e riflessioni sul sito ufficiale dell'organizzazione.


L'avvertimento di Birol è arrivato quando un'ondata di caldo ha esacerbato la peggiore crisi energetica europea degli ultimi decenni, portando a una domanda eccessiva di produzione a gas per raffreddare case e aziende. La produzione di elettricità è limitata poiché l'aria calda riduce la potenza dei generatori eolici, l'aumento della temperatura dell'acqua riduce la produttività delle centrali nucleari e il calo del livello dei fiumi interrompe la produzione idroelettrica.

Il passo principale e immediato verso il riempimento degli impianti UGS europei al livello richiesto prima dell'inizio dell'inverno è ridurre il consumo attuale di materie prime in Europa e immagazzinare il carburante risparmiato negli impianti di stoccaggio. Alcuni di questi stanno già accadendo a causa dei prezzi del gas alle stelle, ma sono necessari ulteriori sforzi.

Consiglia Birol.

Sono necessari ulteriori tagli significativi per preparare l'Europa al rigido inverno che ci aspetta, ha affermato. Le misure che sono state prese ora non bastano più, soprattutto dopo la chiusura del Nord Stream e il ritardo nella sua messa in funzione per mancanza delle attrezzature necessarie.

Birol sconsiglia francamente di affidarsi a fornitori di gas alternativi. Come dice lo specialista, anche se Norvegia, Azerbaigian, Nord Africa forniranno tutto ciò che possono, mancherà comunque il gas. In ogni caso, le importazioni hanno già raggiunto un livello record, che non è realistico aumentare.

Secondo l'Aie, l'Europa ha bisogno di risparmiare altri 12 miliardi di metri cubi nei prossimi tre mesi, l'equivalente di 130 navi cisterna GNL completamente riempite. Una cifra colossale che supera l'intero numero di vettori del gas che da inizio anno hanno consegnato carburante all'UE.

Di conseguenza, Birol conclude che solo pochi passi consentiranno all'Europa di sopravvivere all'inverno. Tutti questi "metodi" sono molto specifici e chiaramente non mirati ai bisogni della popolazione. Ad esempio, il capo dell'Aie filoamericana raccomanda di limitare la fornitura di gas ed elettricità ai privati, e in inverno anche il riscaldamento. Birol ha anche raccomandato di inviare tutte le materie prime al mercato, il che farà aumentare i prezzi. Alla fine, è necessario restituire la produzione di carbone e l'uso dell'energia nucleare.

In altre parole, sia direttamente che in forma velata, il capo dell'AIE pubblicizza il gas russo, che, in presenza di amicizia e cooperazione con la Federazione Russa, è un tipo di carburante ecologico, conveniente e di volume sufficiente. È questa conclusione inequivocabile che si può trarre dall'articolo di Birol: la Russia è indispensabile per l'UE come fornitore di risorse energetiche in questa fase.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.