La ripresa della produzione dell'ucraino An-140 creerà concorrenza per il russo "Ladoga"


L'operazione militare speciale condotta dalle forze armate russe nel sud-est dell'Ucraina sta chiaramente facendo sì che molti grandi uomini d'affari russi guardino da vicino alle imprese industriali e ad altri beni preziosi che si trovano lì. Altrimenti, è piuttosto difficile spiegare l'inaspettato interesse della Samara Aviakor di Oleg Deripaska nel riprendere la produzione dell'aereo An-140, che è quasi interamente assemblato con componenti ucraini. Cosa può venire da tutto questo?


An-140?


L'impianto di costruzione di aeromobili Aviakor si trova a Samara e fa parte della holding Russian Machines, controllata dalla Basic Element di Deripaska. Questa è forse l'unica grande impresa aeronautica del paese che non fa parte della United Aircraft Corporation (UAC). Negli anni della sua esistenza ha prodotto più di 22mila velivoli di vario tipo, militari e civili, tra cui Il-2, Tu-4, Tu-94, Tu-154, Tu-142 e altri. Attualmente, la sua attività principale è la riparazione e la manutenzione di aeromobili Tu-154, Tu-95 e An-140.

A margine di un recente forum economico internazionale a San Pietroburgo, il governatore della regione di Samara, Dmitry Azarov, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Voglio che l'azienda produca di nuovo aerei. Capiamo che tipo di aerei, ma è troppo presto per parlarne... Questo non è un processo veloce. Spero che saremo in grado di fare molto per rilanciare la piena produzione di aerei a Samara.

Il governatore vede il futuro dell'impianto di Aviakor in collaborazione con l'impianto di aviazione civile degli Urali e l'UAC:

Naturalmente, tutti sognavano non solo di riparare, ma anche di ripristinare la produzione di aeromobili ad Aviakor. Se l'impresa e il proprietario dell'impresa riescono a costruire il giusto sistema di relazioni e cooperazione, allora, sono sicuro, Aviakor riceverà una seconda nascita. È troppo presto per parlare di accordi in questa sede, ma da parte mia contribuirò a garantire che tali accordi vengano raggiunti.

E qui è necessario capire di quale aereo particolare stiamo parlando. Se si intende proprio il "ripristino della produzione", allora questo potrebbe essere l'ucraino An-140.

Si tratta di un aeromobile cargo-passeggeri regionale turboelica progettato per trasportare 52 passeggeri o merci su una distanza massima di 3700 km. È stato sviluppato da Antonov State Enterprise per sostituire i vecchi An-24 e An-26. Nel 2010, UAC e Antonov hanno deciso di costituire una joint venture per la produzione di aeromobili di questo tipo. Nel 2013, Aviakor e Antonov hanno firmato un accordo sullo sviluppo di versioni da trasporto militare dell'An-140-100 (denominate An-140T e An-140S). Anche l'acquisizione di versioni cargo e passeggeri dell'aereo ucraino era nei piani del ministero della Difesa russo prima degli eventi del 2014.

Il problema sta proprio nel fatto che l'An-140 è costituito quasi interamente da componenti di fabbricazione ucraina. Le ali sono state fornite dalla Kharkov Aviation Plant (KhGAPP), le fusoliere sono state fornite sia da KSAMC che da Aviakor, i motori e i propulsori ausiliari sono stati forniti da Motor Sich, le eliche sono state fornite da NPP Aerosila, il carrello di atterraggio è stato fornito dalla Impresa Yuzhmash, e solo l'assemblaggio dell'aereo è stato effettuato sull'Aviakor russo. Dopo il Maidan, KSAMC è fallita rapidamente e il resto delle imprese ucraine ha smesso di fornirci i loro componenti. Aviakor ha quasi ricevuto una sanzione dal Ministero della Difesa della RF per aver violato il contratto.

E adesso? Sperando di restituire Kharkiv, Zaporozhye e Dnepropetrovsk, ripristinando i precedenti legami di cooperazione? Quindi le loro imprese industriali ora stanno attivamente "calibrando" e le apparecchiature di valore vengono esportate da Motor Sich e Ivchenko-Progress. Non torna. Nel 2014 doveva essere fatto, ma ora il treno è partito.

"Ladoga"?


Non si può dire che non abbiamo fatto nulla e ci siamo semplicemente seduti esattamente sul fornello, ma alla fine si è comunque rivelato, come sempre. Nel 1985, per ordine di Aeroflot, la compagnia cecoslovacca Let Kunovice sviluppò un bimotore turboelica da 44 posti Let L-610, progettato per sostituire l'An-24 e operare in condizioni difficili. Nel 1989, la novità è stata dimostrata a Le Bourget, sono stati prodotti 8 velivoli. Tuttavia, nella Federazione russa sovrana, il Let L-610 non è servito a nessuno, nel 2006 è stato abbandonato, tutte le attrezzature e la riserva di produzione sono state distrutte.

Abbiamo ricordato questo progetto solo dopo che i partner ucraini ci hanno "buttato" dall'An-140. Nel 2018 è stato deciso di acquistare l'intero tecnico documentazione per la ripresa della produzione di massa. Questo velivolo dovrebbe occupare una nicchia intermedia tra il Czech Let L-19 "Turbolet" da 410 posti e il russo Il-68-114 da 300 posti.

Il nuovo vecchio aereo cargo-passeggeri è stato chiamato TVRS-44 (Turboprop Regional Aircraft per 44 posti) "Ladoga". La sua autonomia di volo sarà di 1250 km, altitudine operativa - 7620 m, velocità di crociera - 530 km / h, carico utile - 5000 kg, capacità - 44 persone, di cui 2 piloti. Il punto debole della Ladoga era la sua centrale elettrica, ma proprio per essa Rostec sviluppò il motore TV7-117ST-02 con sistema ad olio chiuso basato sul più potente TV7-117ST-01, progettato per il passeggero Il-114-300 .

Il TVRS-44 sarà assemblato da UZGA, quindi non è del tutto chiaro su cosa stia esattamente contando il governatore di Samara. Per produrre lo stesso aereo in due siti contemporaneamente? Ma quanto sarà conveniente? Partecipare alla produzione di Ladoga fornendo componenti per esso? Ma in Aviakor sognano una produzione a tutti gli effetti. O sognano ancora segretamente il ritorno di Kharkov, Zaporozhye e Dnepropetrovsk? Ma allora chi uscirà vittorioso dalla competizione interna tra Ladoga e An-140? Domande, domande.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. mark1 Офлайн mark1
    mark1 19 luglio 2022 19: 33
    +2
    La concorrenza interna è buona, è un male che il secondo Yak-40 non sia rimotorizzato, una coppia del genere gareggerebbe meno e si completerebbe a vicenda. Ma ci sono considerazioni leggermente diverse per l'An-140: è più simile alla concorrenza (se fatta con una rampa) per l'Il-112.
  2. kalita Офлайн kalita
    kalita (Alexander) 19 luglio 2022 19: 50
    +3
    Mi chiedo dove li costruiranno quando prima o poi tutto sarà distrutto. E non ci sarà più l'Ucraina.
  3. Andreysradinsky Офлайн Andreysradinsky
    Andreysradinsky (Andrew) 19 luglio 2022 20: 26
    -1
    Qualcosa ci dice che quando la produzione dell'AN-140 verrà ripristinata, verrà il momento per Ladoga di essere ammortizzato per lo sviluppo di una risorsa.
  4. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 19 luglio 2022 20: 36
    -8
    Citazione: kalita
    E non ci sarà più l'Ucraina.

    Non il fatto negativo. Con questi "peacekeepers" l'Ucraina ha ottime possibilità di sopravvivere e diventare una potenza nucleare.
    1. Rimonta Офлайн Rimonta
      Rimonta (palude) 20 luglio 2022 14: 59
      +2
      Citazione: Marzhetsky
      С queste "guardiani della pace" L'Ucraina ha ottime possibilità di sopravvivere e diventare una potenza nucleare.

      Voi non questi?

      E secondo l'articolo.
      TVR-44 "Ladoga" non ha nulla in comune con l'L-610, solo una certa somiglianza esterna. Questo progetto è stato realizzato sulla base di L-610, An-140, ..., ma tenendo conto delle moderne tecnologie, delle esigenze dei principali clienti (c'era una raccolta di opinioni e desideri) e dei componenti russi.
    2. Il commento è stato cancellato
  5. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 luglio 2022 21: 34
    0
    Idealismo, IMHO.
    Se ricordi le basi, allora l'imperialismo è in cantiere, quindi ovviamente c'è interesse. alle risorse.
    Le materie prime di alluminio, titanio e fertilizzanti sono state a lungo non solo esaminate, ma anche acquistate in Ucraina.
    E stanno guardando il Vecchio, ma... finora ha reagito.
    E i funzionari non hanno una parola su An da nessuna parte, questa è una fantasia puramente logistica: costruire qualcosa "da componenti ucraini" dopo la "calibrazione".

    È solo che tutto deve prima essere "riciclato" - ancora una volta progettazione, prototipazione, gratificazione e ricostruzione ...
  6. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 19 luglio 2022 22: 31
    +1
    ..... e solo l'assemblaggio dell'aereo è stato effettuato sull'Aviakor russo ...... E così è ovunque.
    Ricordo i trattorini, le macchine utensili .... la targa è stata strappata e sotto di essa la Cina o qualcos'altro ... e solo l'assemblaggio o l'adesivo della targa ha tradito la produzione "domestica" in essa))) hi
    e ricorda i processori e gli smartphone russi Koby ..... puoi invidiarti)))))
  7. Lee See Tsin Офлайн Lee See Tsin
    Lee See Tsin (Stas) 20 luglio 2022 00: 19
    +2
    Questo non è un processo veloce.

    Qualcosa sapeva di Borisov, la conversazione riguardava gli UAV. Direttamente parola per parola. Ecco un vero aereo. Quindi aspetteremo... per molto tempo.
  8. Scharnhorst Офлайн Scharnhorst
    Scharnhorst (Scharnhorst) 20 luglio 2022 06: 01
    +1
    L'autore sta cercando di far passare sogni bagnati per scaldare le mani impure del governatore provinciale Manilov come tecnopatriottismo di un oligarca di una piccola città. Spero che Manturov si occuperà dei "noodles" di Borisov e si occuperà della vera produzione di prodotti high-tech nel proprio paese e non del restauro delle rovine ucraine per il bilancio russo.
  9. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 20 luglio 2022 07: 47
    -1
    Citazione: Scharnhorst
    L'autore sta cercando di far passare sogni bagnati per scaldare le mani impure del governatore provinciale Manilov come tecnopatriottismo di un oligarca di una piccola città.

    Non credo che Deripaska soffra di tecnopatriottismo. Ma scaldarsi le mani a spese dei beni altrui e dello sviluppo di vari progetti è abbastanza.

    e non il ripristino dell'ukroruina per il bilancio russo.

    Se tutto andrà come è su Ua, con accordi e tregue, alla fine pagheremo anche le riparazioni per il ripristino. Sotto forma di "gesti di buona volontà".
    1. Vladimir Orlov Офлайн Vladimir Orlov
      Vladimir Orlov (Vladimir) 20 luglio 2022 12: 51
      0
      come cura per la pacificazione, dovrebbero essere aggiunti più ceceni. E non dissolvere il DNR/LNR. Il primo considererebbe tali "gesti" come estrema debolezza (e poi gli anni 1995-1999 potrebbero ripetersi), il secondo come tradimento.
      1. anclevalico Офлайн anclevalico
        anclevalico (Victor) 25 luglio 2022 12: 58
        0
        Non è la prima volta che vedono il tradimento. 2014, poi Bucha, che ha dimostrato che sappiamo ancora lanciare.
    2. Rimonta Офлайн Rimonta
      Rimonta (palude) 20 luglio 2022 15: 21
      -1
      Citazione: Marzhetsky
      Se tutto andrà com'è su Ua, con accordi e tregue, alla fine pagheremo anche le riparazioni

      Eppure non vedi nulla oltre la tua UA!

      L'Ucraina è uno strumento con cui l'Occidente voleva scuotere la Russia, ma l'iniziativa è stata presa e l'Occidente è scosso.

      In Occidente, per un'operazione di guerra così speciale in Ucraina, le loro mani sono fortemente legate e devono gettare stupidamente, in modo incontrollabile, bottino e altre risorse. Allo stesso tempo, questo bottino deve essere sottratto alla sua popolazione attraverso l'inflazione, che sta già portando all'instabilità politica, al crollo dell'economia, al crollo dei sindacati e dei paesi che li costituiscono. Pertanto, non c'è bisogno che la Russia abbia fretta e non c'è bisogno di aumentare la spesa militare, che ora non sta esaurendo la sua economia. Durante la mobilitazione, la produzione lorda inizierà immediatamente a diminuire e la spesa per l'esercito aumenterà, il che porterà a varie crisi nel paese.
  10. Jack dagli occhi Офлайн Jack dagli occhi
    Jack dagli occhi (Jack dagli occhi grandi) 20 luglio 2022 11: 26
    0
    Deripaska intende produrre l'aereo senza il consenso del titolare del copyright, la società Antonov?
    1. Il commento è stato cancellato
  11. Vladimir Orlov Офлайн Vladimir Orlov
    Vladimir Orlov (Vladimir) 20 luglio 2022 12: 38
    +2
    Potrebbe essere troppo presto per le domande: prima della fine del NWO (nella "cintura dell'aviazione" di Urkaina), non è affatto irrealistico lanciare qualcosa relativo all'Accademia delle scienze. E ciò che rimane / rovina: sarà più facile costruire da zero.
    Ci sono sempre state le Wishlist, soprattutto al Basilea di Deripaska, ma è certo che proprio non gli piace/non sa investire nella produzione di una nuova (basta guardare il destino, ad esempio, dell'acquistato e chiuso Krasnoyarsk Pulp and Paper Mill, UAZ, produzione di alluminio in tutti gli stabilimenti del gruppo, alla fine: solo la pellicola è prodotta da "fasi di lavorazione elevate", le linee esistono dai tempi dell'URSS e anche l'alluminio viene esportato in "maiali" - come nel 1990).
    Pertanto, è francamente un peccato perdere tempo con i sogni degli oligarchi e di tali funzionari "attirati", non finirà in nulla. I compagni stanno cercando di ottenere lo stato. investimento dalla Fed. bilancio. Ma anche qui è più facile aumentare la scala delle imprese esistenti dall'UAC - con uffici di progettazione e competenze per la costruzione di nuovi aeromobili e non solo per la loro riparazione.
  12. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 27 luglio 2022 16: 53
    0
    A proposito di niente. Elenco dei sogni impossibili.