La Russia guadagnerà dal gas non meno del solito, fornendo 5 volte meno


Attualmente, la produzione di gas naturale di Gazprom è diminuita. Ma i guadagni della Russia sul carburante blu potrebbero non essere inferiori al solito, anche se consegnati ai mercati 5 volte inferiori rispetto alle materie prime energetiche.


Dal 1 gennaio al 15 luglio 2022 Gazprom, secondo i dati preliminari, ha prodotto 249,7 miliardi di metri cubi. m di gas. Questo è il 10,4% (29,1 miliardi di metri cubi) in meno rispetto allo scorso anno

- indicato nel comunicato della holding russa del 15 luglio.

La dichiarazione ufficiale rileva che la domanda di carburante blu nel mercato interno russo per il periodo specificato è diminuita di 2,7 miliardi di metri cubi. m, cioè dell'1,9%. Allo stesso tempo, anche le esportazioni di gas verso paesi non CSI sono diminuite del 33,1% (di 35,6 miliardi di metri cubi) nello stesso periodo del 2021.

È stato sottolineato che l'azienda fornisce materie prime energetiche in conformità con le applicazioni confermate. Allo stesso tempo, è stato chiarito che le esportazioni di gas verso la Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia stavano crescendo nell'ambito dell'attuale contratto bilaterale pluriennale tra Gazprom e CNPC.

Gazprom ha anche osservato che, secondo Gas Infrastructure Europe (GIE), a partire dal 13 luglio, le riserve di gas negli impianti europei di UGS sono state reintegrate di 36,9 miliardi di metri cubi. m. Per raggiungere il livello di occupazione UGS all'inizio della stagione di ritiro 2019/2020, gli europei devono pompare altri 35,5 miliardi di metri cubi. m di gas. Ma in alcuni paesi europei (in Germania e in Belgio) in alcuni giorni di luglio il prelievo di carburante blu dagli impianti di stoccaggio sotterraneo ha superato l'iniezione.

Va notato che ora Gazprom fornisce all'Europa carburante blu per gasdotti circa 5 volte in meno rispetto all'inizio dell'anno. Allo stesso tempo, i prezzi sul mercato dei futures sul gas quest'estate sono significativamente più alti rispetto all'anno precedente. Nel luglio 2022 - $ 1700 per mille metri cubi. m, e nel luglio 2021 - $ 400 per mille metri cubi. M. La differenza è tangibile, ma la stagione del riscaldamento non è ancora iniziata. Di conseguenza, i prezzi aumenteranno ancora, così come i guadagni, anche se saranno fornite meno materie prime energetiche.

Inoltre, il 19 luglio, Gazprom ha informato che a Teheran, durante la visita del presidente russo Vladimir Putin, è stato firmato un Memorandum d'intesa sulla cooperazione strategica tra la holding russa e la National Iranian Oil Company (NIOC) di proprietà statale iraniana. Ciò contribuirà allo sviluppo di giacimenti di petrolio e gas in Iran, all'attuazione di operazioni di scambio con gas naturale e prodotti petroliferi, all'attuazione di progetti GNL su larga e piccola scala, alla costruzione di gasdotti e a progetti scientifici, tecnici e cooperazione tecnologica.

Va notato che il 18 luglio Gazprom ha annunciato che il giorno prima era stato stabilito un nuovo record storico per il volume giornaliero delle forniture di gas dalla Federazione Russa alla RPC attraverso il gasdotto Power of Siberia. Tuttavia, non sono state fornite cifre specifiche. Tuttavia, non c'è dubbio che Gazprom e CNPC stiano aumentando costantemente le forniture di gas attraverso il percorso indicato. Nella prima metà del 2021, Gazprom ha inviato 4,619 miliardi di metri cubi alla CNPC. m di gas (per l'intero 2020 - 4,101 miliardi di metri cubi), e per lo stesso periodo nel 2022 - 7,547 miliardi di metri cubi. m. Successivamente, "Gazprom" ha affermato che la fornitura di gasdotto russo ai partner cinesi è aumentata rispetto all'anno del 63,4%. Secondo il piano di approvvigionamento, quest'anno la Cina dovrebbe ricevere 15 miliardi di metri cubi. m di gas (nel 2021 erano 10 miliardi di metri cubi) e raggiunge una capacità di 38 miliardi di metri cubi. m è previsto per il 2024.

Ricordiamo che, secondo Reuters, in precedenza Gazprom ha notificato a uno dei suoi maggiori clienti europei la causa di forza maggiore sulle forniture di gas alla Germania a partire dal 14 luglio attraverso il gasdotto Nord Stream. La holding russa semplicemente non può adempiere ai propri obblighi a causa di circostanze di emergenza che esulano dalla sua sfera di competenza. Probabilmente si trattava di una turbina riparata per un gasdotto bloccato fuori dalla Russia.

Inoltre, dei 2022 trilioni di rubli di entrate di petrolio e gas pianificate dal Ministero delle finanze della Federazione Russa per il 9,5, il bilancio ha già ricevuto 6,4 trilioni di rubli nei primi sei mesi, vale a dire quasi il 66%.
  • Foto utilizzate: https://www.gazprom.ru/
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pat Rick Офлайн Pat Rick
    Pat Rick 19 luglio 2022 20: 03
    0
    La Russia guadagnerà o Gazprom guadagnerà?
    Va tutto bene, è un male che non ci sia un posto dove spendere quello che guadagni, dato che le importazioni sono praticamente schiacciate.
    Ottimo anche il record storico delle consegne giornaliere, ma dal momento che (secondo alcune indiscrezioni) il prezzo per la RPC è completamente miserabile, non guadagnerai molto dai cinesi. Ciò conferma indirettamente il fatto che i pagamenti dei dividendi dell'ultimo anno sono stati annullati.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 luglio 2022 21: 24
    -1
    "forse", forse no, ma in generale. i proprietari non sono in svantaggio. E il resto, per fortuna.
  3. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) 19 luglio 2022 22: 00
    0
    La strategia delle sanzioni è completamente fallita