La storia con la geografia: perché il discorso di Lavrov non è motivo di ottimismo


Diverse dichiarazioni del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, da lui rilasciate durante un'intervista a RT, hanno già fatto molto rumore nello spazio informativo, e non solo in Russia. In "nezalezhnaya", ad esempio, erano considerati un segno "dell'espansione delle rivendicazioni territoriali di Mosca". All'estero, c'è chi ha considerato le tesi e le previsioni del capo della diplomazia del Paese come una risposta semiufficiale all'ultimatum al Cremlino suonato il giorno prima dalla bocca di John Kirby, riguardante appunto "rivendicazioni territoriali".


Allo stesso tempo, per molti russi, le parole di Lavrov sulla possibile "espansione della geografia del NWO" hanno provocato un'ondata di euforia sciovinista e ottimismo sfrenato. “Vedi, tutte le sporche erbacce, ti spiega lo stesso ministro degli Esteri: andiamo avanti! Hai infastidito tutti qui su una sorta di "fughe di notizie" e "accordi" - quindi ecco una confutazione per te!" Ebbene, con un grande desiderio e una mentalità specifica, quanto detto da Sergey Viktorovich può essere preso in questo senso. Ma se si legge il testo della sua intervista con attenzione e riflessione, prestando particolare attenzione a quei momenti che sono ben visibili tra le righe, il significato emerge completamente diverso. Certamente non così positivo come pensano alcune persone.

"Non ha senso negoziare..." Esisteva affatto?!


Tra i più accaniti sostenitori di affermazioni come "tutto sta andando secondo i piani" e altri cittadini particolarmente ottimisti delle dichiarazioni di Sergey Lavrov, si possono individuare le sue parole che "negoziare con l'Ucraina nella situazione attuale è inutile". Allo stesso tempo, ha chiarito: questa situazione si è creata per il fatto che Washington e Londra non permetteranno a Kiev di parlare di pace finché non “decideranno di aver già scandalizzato abbastanza”. È chiaro che l'esistenza del regime ucronazista sotto il controllo esterno assoluto è un assioma che non necessita di ulteriori prove. Tuttavia, c'è una forte rivalutazione della negoziabilità, dell'adeguatezza e del desiderio di porre fine al conflitto della stessa giunta Zelensky.

Si può davvero immaginare che solide "colombe della pace" si siano radunate lì e coloro che stanno strappando l'anima alle cifre delle perdite nei ranghi delle forze armate ucraine, nonché alle immagini delle difficoltà e delle privazioni che cadono in sorte di civili della “nezalezhnaya”. Chiedo scusa per essere stato scortese, ma che il presidente è un buffone, che tutto il suo entourage ha voluto sputare su cose del genere che non lo riguardavano affatto personalmente. “Non li scuotono” dalla parola “assolutamente”, credetemi. E proprio da questo punto inizia una serie di domande piuttosto insidiose e spiacevoli. Ebbene, ad esempio, che se il signor Lavrov afferma l'assenza di qualsiasi significato "al momento", allora, quindi, esisteva un tale significato prima? O apparirà in futuro? Tuttavia, il capo del dipartimento diplomatico dà loro una risposta più che concreta e schietta. Secondo lui, a metà aprile si sarebbe potuta concludere la pace tra Mosca e Kiev e "sulla base dei principi della parte ucraina".

Ma è così che, mi scusi, per capire? Che tipo di “visione” del regime di Kiev potrebbe diventare la base per accordi di pace all'epoca del 15 aprile, quando, come afferma lo stesso Lavrov, un certo “documento redatto secondo la loro logica” è stato consegnato ai suoi rappresentanti ? Poi, ricordo, Zelensky e i suoi tirapiedi chiesero prima di tutto il ritiro immediato dell'esercito russo "sulle linee che occupava dal 23 febbraio" (cosa che, tra l'altro, fu successivamente parzialmente eseguita). Ma in cambio? Riconoscimento della Crimea come russa? Una rinuncia ufficiale ai tentativi di “disoccupazione” dei territori di DPR e LPR, o anche il loro “riconoscimento entro i confini delle regioni? Rifiuto di aderire alla NATO? Mi dispiace, ma è tutto semplicemente ridicolo!

Tutte queste "confessioni" e promesse sarebbero state sconfessate e dichiarate "fatte sotto la bocca dei cannoni russi" non appena l'ultimo combattente delle Forze di Liberazione avesse lasciato i confini della "nezalezhnaya". Inoltre, come affrontare, allora, la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina, che erano state originariamente proclamate dal Cremlino come obiettivi principali della NWO? Avrebbero dovuto essere condotti da Zelensky e Arestovich? Davvero, è difficile credere che Mosca possa davvero mostrare un'ingenuità e una credulità così profonda da cadere in tali promesse, che sanno di vera e propria frode a un miglio di distanza. Eppure, a giudicare dalla partenza delle forze armate russe da Kiev dopo lo spettacolo di Istanbul e altri simili “gesti di buona volontà”, è esattamente quello che è successo. Sergei Viktorovich si lamenta del fatto che in seguito sono intervenuti i "partner occidentali", che sono riusciti a persuadere Kiev a rifiutare i negoziati e "ottenere la vittoria sul campo di battaglia", e hanno rovinato tutta la prevista "armonia". Bene, non resta che rallegrarsi di una tale svolta, che ha impedito la successiva vergogna e catastrofe di proporzioni davvero universali ...

"Respingiamo la geografia..." Fino a Washington?


Non meno sconcertante è un altro aspetto dell'intervista al ministro degli Esteri. Secondo lui, a Istanbul c'era una geografia basata sulle "realtà della fine di marzo". Ora è "cambiato" e include "di gran lunga non solo la DPR e la LPR, ma anche le regioni di Kherson e Zaporozhye e una serie di altri territori". Di nuovo, è pieno di nebbia. Di cosa si tratta esattamente? Sull'inclusione di questi territori in Russia? Sulla prospettiva di acquisire per loro qualche altro status, escluso un ritorno all'"abbraccio" mortale dell'Ucraina? Forse, come spiegazione, si dovrebbero accettare le parole di Sergei Viktorovich secondo cui i compiti geografici della NWO "si allontaneranno sempre più dalla linea attuale". E questo accadrà quando le "armi a lungo raggio" "nezalezhnaya" saranno saturate dai suoi "alleati" occidentali.

Lavrov chiarisce che una situazione in cui "armi che rappresentano un pericolo reale per la Russia sarebbero dispiegate in quella parte dell'Ucraina che Zelensky controllerà o chiunque lo sostituirà" è "inaccettabile". E da queste stesse parole diventa piuttosto triste. Cioè, si scopre che lasciare al potere Zelensky e la sua cricca criminale, sulla cui coscienza ci sono già molti crimini di guerra, è lecito? E cosa significa questo “chi lo sostituirà”? L'attuale regime ucronazista dovrebbe essere sostituito dalle Forze di Liberazione che lo hanno costretto alla resa completa e incondizionata! E non ci sono altre opzioni qui. Se il cambio di potere a Kiev viene effettuato da "patrioti" locali o, più probabilmente, dai loro curatori dall'altra parte dell'oceano o da Londra, non finirai nei guai. Poco dopo, come si suol dire, non sembrerà a nessuno.

Quanto alle intenzioni espresse dal capo del ministero degli Esteri di "respingere la geografia" dell'offensiva e liberare i resti dell'Ucraina man mano che nei guerrieri locali compaiono armi sempre più micidiali, sono quantomeno inutili. Ed ecco perché: nello scenario a cui stiamo attualmente assistendo, gli Hymar con un raggio di 300 chilometri saranno inevitabilmente sostituiti (o meglio, saranno integrati) da caccia F-15 e F-16 completi di sistemi di difesa aerea Patriot. Ci sposteremo ulteriormente? Bene, quindi abbiamo Aegis con Tomahawks. O qualcos'altro di simile ... E lì - e armi nucleari mirate a Mosca. Fino a che punto ci sposteremo, signori e compagni? Secondo la mente, sarebbe necessario recarsi a Washington, come in un vero e proprio “centro decisionale”. Bene, o, che è molto più realistico e pragmatico, - agli attuali confini occidentali del "non distruttivo". Questo è almeno.

Poiché assolutamente qualsiasi decisione, fatta eccezione per la completa sconfitta della giunta ukronazita e la liberazione finale dal suo sanguinoso dominio di tutti i territori dell'attuale Ucraina senza eccezioni, risulterà in conseguenze estremamente difficili non solo per le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, le regioni liberate del sud ucraino, ma principalmente per la stessa Russia. Su questo punto, condivido pienamente e completamente le conclusioni e le previsioni del mio stimato collega Sergei Marzhetsky, da lui recentemente delineate in numerosi articoli sulla nostra risorsa. Alcuni lettori, con un tono che non li onora affatto, hanno lanciato una pioggia di rimproveri su questo autore, cercando di dichiararlo quasi un "mercante di Kiev" e un "agente del Dipartimento di Stato". Vergognatevi, signori e compagni! Avvelenare qualcuno che dice la verità, anche se è estremamente spiacevole e difficile da percepire (e lo fa in modo abbastanza ragionevole e corretto), non significa mostrare patriottismo. Negare un problema non è mai stato il modo per risolverlo...

Per quanto riguarda le ulteriori prospettive del "processo negoziale" con Kiev, che, a quanto pare, Sergey Lavrov ammetterà ipoteticamente in un futuro, il suo collega, il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba, ha parlato meglio di tutti, che mi permetto di citare:

I russi non dimostrano la disponibilità per i negoziati, ma l'immutabilità dell'obiettivo finale di questa operazione: la distruzione dell'Ucraina. Ad oggi non ci sono colloqui di pace per colpa della parte russa e nessuno si incontra su questo argomento. Tutti capiscono che i negoziati sono direttamente collegati alla situazione al fronte. Dico a tutti i partner una cosa semplice: “La Russia deve sedersi al tavolo delle trattative dopo la sconfitta sul campo di battaglia. Altrimenti, sarà di nuovo il linguaggio degli ultimatum".

Ecco a voi, infatti, e tutte le "prospettive".

Alla riunione del gruppo di contatto per la difesa dell'Ucraina "Ramstein-4", avvenuta il giorno prima, i suoi partecipanti (il cui numero, tra l'altro, ha già superato i cinquanta paesi) hanno affermato che "non c'è e non sarà la fatica della guerra in Ucraina”. Almeno, questo è quanto afferma Alexey Reznikov, il ministro della Difesa dei "non indipendenti" che ha partecipato a questo evento. Secondo lui, "la posizione comune dei partecipanti a Ramstein è quella di sostenere l'Ucraina fino alla vittoria, poiché è lo scudo dell'Europa". Ciò che è importante, secondo il capo del dipartimento militare ucraino, questa volta "i partner hanno assunto obblighi che riguardano il mare, la terra e il cielo". Quindi, il NWO dovrà presto "respingere la geografia" letteralmente in tutti gli elementi. A meno che, ovviamente, la Russia non cambi radicalmente il concetto di percezione di ciò che sta accadendo e non riconosca che non si tratta affatto di "difendere il Donbass" o "smilitarizzare" un paese vicino completamente infuriato, ma di preservare la propria statualità, e niente meno. Tale è la storia con la geografia e con tutto il resto in aggiunta ...
22 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 21 luglio 2022 10: 28
    0
    L'autore!

    Il significato di ciò che ha detto Lavrov è assolutamente ovvio: l'Occidente è invitato alla divisione territoriale dell'Ucraina ea "cancellare questa statualità" dalla mappa politica del mondo.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 21 luglio 2022 14: 24
      +1
      Sembra che tu non capisca tutto. Implicitamente stiamo parlando della divisione della Russia, l'Ucraina è qui, come una pedina sacrificale di prova nella guerra contro la Russia. Di conseguenza, si deve intendere il NWO come un attacco preventivo nel già ampio confronto militare tra la Russia e l'eterno nemico, l'Occidente. (Questo è ciò che ha detto il capo dell'Iran in un incontro con V.V. Putin). Tutto punta a questo: isteria russofobica senza precedenti in tutto il mondo, sanzioni senza precedenti della Federazione Russa, ampio supporto militare diretto al nemico delle forze armate ucraine, ecc. Russia per secoli ... E le dichiarazioni di S. Lavrov sono uno scherzo diplomatico sulla fornitura di armi più formidabili per le forze armate ucraine ...
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 21 luglio 2022 11: 08
    +8
    Il pericolo di tradimento del governo stesso non è piccolo, dei tre rappresentanti due tradirebbero volentieri per la restituzione del rubato.
    1. nurmag07 Офлайн nurmag07
      nurmag07 (Magomed Nurmagomedov) 21 luglio 2022 11: 40
      +3
      Esatto!
    2. k7k8 Офлайн k7k8
      k7k8 (vic) 22 luglio 2022 08: 20
      -1
      Citazione: kriten
      Il pericolo di tradimento del governo stesso

      Nemici di nuovo in giro?
  3. Znah Ovest Офлайн Znah Ovest
    Znah Ovest (Ingvar b) 21 luglio 2022 11: 59
    +3
    Niente di nuovo. La periferia deve essere completamente disinfettata.
  4. dingo Офлайн dingo
    dingo (Victor) 21 luglio 2022 12: 07
    +4
    Tutto mi ricorda qualcosa nella memoria di A. Kozyrev, che ha chiesto al Dipartimento di Stato un "cartellino verde" ... Non per se stesso, la sua amata (dopotutto, un intero ministro degli affari esteri ...) - per sua moglie. Spiegando la sua umile richiesta "la precarietà della sua posizione...".
    Bene, era ancora sotto la "famiglia" Eltsin ... La famiglia rimase - il "proprietario" cambiò ...
  5. zuuukoo Офлайн zuuukoo
    zuuukoo (Sergey) 21 luglio 2022 12: 13
    +1
    C'è il sospetto che gli obiettivi REALI e i "confini" della NWO siano stati annunciati direttamente e inequivocabilmente nell'autunno del 2021 in un messaggio alla NATO.
    Lo status neutrale dell'Ucraina e il non schieramento di basi militari straniere sul territorio.
    Tutto qui. Il punto
    In effetti, sono stati doppiati da Medinsky ai colloqui all'inizio di marzo.
    E loro, credo, continuano ad essere rilevanti per il presente.
    MOLTO modestamente secondo l'opinione dei patrioti del divano che si preparano a celebrare la cattura di Kiev, Odessa e Lvov, ma più che realistico.
    Soprattutto considerando come tutto ciò che abbiamo ... è problematico con lo stato reale delle forze armate RF e la vera sostituzione delle importazioni.
    Tutto il resto non è altro che una forte pressione ad accettare queste condizioni piuttosto semplici e modeste.
    Come finirà tutto alla fine... non è chiaro.
    1. ksa Online ksa
      ksa 27 luglio 2022 07: 44
      0
      Questo non è abbastanza. Un prerequisito è la smilitarizzazione del Paese. Cioè, la liquidazione delle forze armate e delle imprese per la produzione di armi. Più o meno come è stato fatto con la Germania e il Giappone nel 1945. Permettetemi di ricordarvi che la NWO iniziò dopo che Zelensky annunciò apertamente che avrebbe iniziato a produrre armi nucleari. In effetti, probabilmente lo ha già fatto.
  6. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 21 luglio 2022 12: 18
    +1
    Caro autore! Leggo i tuoi articoli da molto tempo e mi piacciono molto. Ma in questo caso, non dimenticare che la posizione di Lavrov è tale che direbbe ciò che è benefico per noi e non per i nostri nemici. La storia non ha stato d'animo congiuntivo. Pertanto, è possibile e necessario appellarsi a determinati fatti per i propri scopi, ma non vale la pena trarne conclusioni, il tempo passa e mostra che finché tutto è fatto correttamente e le risorse dell'Occidente e tutti i nemici della La Russia si sta esaurendo...
  7. Kade_t Офлайн Kade_t
    Kade_t (Igor) 21 luglio 2022 13: 18
    +1
    Ci sono solo due opzioni, un'epurazione completa o una divisione territoriale, e un'epurazione completa si trasformerà in una grande merda, quindi la divisione è una decisione sana, il resto dei territori finirà con un paese NATO e tutti capiscono il prezzo della questione di una guerra tra Russia e NATO, ci sarà ordine.
  8. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) 21 luglio 2022 17: 17
    +1
    Quasi sei mesi dopo, qualcuno di geografia?! Sul serio?!
    Nel frattempo:

    C'erano dati sulla contrazione degli istruttori stranieri in direzione slava. Arrivano insieme alle armi fornite dall'Occidente. Gli Stati Uniti e i loro alleati si sono impegnati a fornire all'Ucraina più di 20 sistemi di missili a lancio multiplo HIMARS, di cui 12 sono già stati trasferiti a Kiev.

    e arrivano non per teletrasporto, ma lungo quegli stessi ponti e strade e un pezzo di ferro...
    Per qualche ragione, nessuno spiega perché un numero infinito di missili russi ad alta precisione non possa colpire seriamente i ponti sul Dnepr. Anche se è su questi ponti che i rinforzi ucraini e le armi dei paesi occidentali si stanno spostando al fronte in un flusso continuo. Questo vale anche per il ferro. E ai valichi di frontiera, dove i treni cambiano le scarpe, ecc. Per non parlare dei famigerati "centri decisionali", almeno ucraini?! Non un solo nazista di alto rango è stato affatto danneggiato dalla parola, né dagli attacchi missilistici, né dalle azioni delle forze speciali. È quello dei decreti del clown nazista sul rimescolamento del personale.

    ma i nemici non sono timidi e non scelgono le parole, esprimendo chiaramente:

    Il presidente Nancy Pelosi ha avvertito il segretario di Stato Anthony Blinken che il Congresso stesso avrebbe elencato la Russia come uno stato sponsor del terrorismo se il Dipartimento di Stato non lo avesse fatto. Inoltre, si recherà in visita a Taiwan, cosa inaccettabile per Pechino e che potrebbe provocare un conflitto intorno all'isola.

    Nel frattempo:

    Gli Stati Uniti non escludono il trasferimento dell'aviazione militare in stile occidentale dalla parte ucraina, ha affermato il capo di stato maggiore generale dell'aeronautica americana Charles Brown nel suo discorso al forum annuale sulla sicurezza dell'Aspen Institute in Colorado.
    Toccando il tema della presenza di equipaggiamenti stranieri nelle forze armate ucraine, Brown ha affermato che "c'è un F-15 americano, un F-16, c'è un JAZ39 Gripen svedese, c'è un Euroflighter, c'è un Rafale. " "Ci sono diversi sistemi d'arma che possono essere forniti all'Ucraina", ha detto, aggiungendo che non intendeva i combattenti in stile sovietico, poiché "sarà più difficile ottenere pezzi di ricambio per loro".

    Data la determinazione e il desiderio dell'Occidente di distruggere la Russia e combattere fino all '"ultimo ucraino", non ci sono praticamente dubbi sui nuovi rifornimenti.
    e che tipo di diplomazia "velata" in "guanti bianchi" ed espressioni "tolleranti" nei rapporti con un chiaro nemico?! quando lui (il nemico) dichiara apertamente la sconfitta e la distruzione della Russia?!
    Semplicemente, a parole e sulla carta, tutto è “bello” e “benevolo” tra politici e funzionari, e le conseguenze di questa “bontà” e “diplomazia” vengono poi districate dai soldati e ufficiali russi che combattono i nazisti, e sentite dai civili nel Donbass e in Russia .. .
  9. vlad127490 Офлайн vlad127490
    vlad127490 (Vlad Gor) 21 luglio 2022 19: 45
    +1
    Se preso sul serio, nell'interesse del popolo russo.
    "La Russia ha bisogno di una legge sull'Ucraina".
    È necessario legiferare che l'intero territorio dell'Ucraina, sequestrato dai separatisti con l'aiuto della NATO, è di proprietà della Russia.
    Quindi, in conformità con la legge, l'operazione militare condotta dalla Federazione Russa in Ucraina è la liberazione del territorio della Russia occupato dai separatisti, il ripristino dell'integrità territoriale della Russia, la riunificazione dei popoli, l'inclusione dell'economia, popolazione, territorio dell'Ucraina nella sfera dell'attività economica della Russia.
    La presenza della legge designerà l'obiettivo, darà certezza sul futuro ai cittadini ucraini. I cittadini che vivono sul territorio dell'Ucraina non dovranno temere in futuro per se stessi, per la persecuzione del regime fascista. I militari dell'Ucraina passeranno in massa dalla parte della Federazione Russa, sapendo che in futuro diventeranno cittadini della Russia e, se lo si desidera, personale militare delle forze armate russe.
    Tutte le azioni dell'esercito russo sul territorio dell'Ucraina rispetteranno la legge. La legge non consentirà alla NATO di intervenire, di portare truppe dalla Polonia, Romania, Ungheria nel territorio dell'Ucraina e l'annessione dell'Ucraina da parte di questi paesi scomparirà automaticamente.
    L'appello unilaterale adottato il 5 dicembre 1991 dal Consiglio supremo dell'Ucraina "Ai parlamenti e ai popoli del mondo", con il quale annunciava che "l'Ucraina considera il Trattato del 1922 sull'istituzione dell'Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche rispetto a stesso nullo” è nulla, poiché nel 1936 una nuova Costituzione dell'URSS, con l'entrata in vigore della quale la Costituzione dell'URSS del 1924 ha cessato di funzionare, compreso il Trattato sulla formazione dell'URSS del 1922. Il trattato sulla formazione dell'URSS del 1922 non esisteva come documento legale indipendente.
    Il ritiro della Repubblica d'Ucraina dall'URSS è stato possibile solo con una decisione positiva ricevuta al referendum dell'URSS e l'attuazione della legge sull'URSS del 3 aprile 1990 n. 1409-I "Sulla procedura per la risoluzione delle questioni relative al ritiro di una repubblica sindacale dall'URSS”.
    La Costituzione dell'URSS del 1977 è stata adottata da tutti i popoli dell'URSS e solo l'intero popolo dell'URSS poteva autorizzare l'Ucraina a lasciare l'URSS.
    L'uscita dall'Ucraina senza referendum nazionale in URSS e il mancato rispetto della legge del 3 aprile 1990 n. 1409-I è un reato senza prescrizione.
    Il Trattato "Sull'amicizia, la cooperazione e il partenariato tra la Federazione Russa e l'Ucraina" del 31 maggio 1997 ha cessato di essere valido il 1 aprile 2019 a causa della sua denuncia da parte dell'Ucraina. La cessazione del presente Trattato esonera la Federazione Russa da ogni obbligo nei confronti dell'Ucraina.
    L'URSS è il successore - il successore dell'Impero russo e la Federazione Russa-Russia è il successore - il successore dell'URSS. Tutti loro sono lo stesso soggetto di storia e diritto internazionale (RF), che ha un nuovo nome e un diverso sistema socio-politico. La Federazione Russa-Russia e l'URSS hanno pagato tutti i debiti, compresi quelli dell'Impero russo, per i quali esistono decisioni giudiziarie o altri documenti giustificativi. Ad esempio, tra il 1997 e al 2000 Dal bilancio della Federazione Russa sono stati effettuati pagamenti per un importo totale di 400 milioni di dollari USA a favore del governo della Repubblica francese per i debiti del governo dell'Impero russo. Nell'agosto 2006, la Federazione Russa ha completamente rimborsato il debito di prestito e locazione agli Stati Uniti. Non ci sono debiti in essere, non consideriamo i prestiti moderni. Questo è un fatto che la Federazione Russa ha assunto unilateralmente l'obbligo di essere il successore - successore dell'Impero russo e dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS).
    La Russia non ha trasferito, venduto o donato i suoi territori all'ex repubblica sovietica dell'URSS Ucraina, così come i suoi beni esteri.
    È urgente che la Federazione Russa-Russia, in quanto successore dell'Impero russo e dell'URSS, e in quanto proprietaria del territorio dell'ex repubblica ucraina dell'URSS, si assicuri la proprietà russa di questo territorio entro i confini del 1975. (Accordi di Helsinki) per via legislativa, unilateralmente.
    Esempio. Nel 2005 la Cina ha approvato la legge antisecessione. Secondo il documento, in caso di minaccia alla riunificazione pacifica della terraferma e di Taiwan, il governo della Repubblica popolare cinese è obbligato a ricorrere alla forza e ad altri metodi necessari per preservare la sua integrità territoriale.
    Il 15 giugno 2022, la Cina ha adottato il quadro giuridico dell'Esercito popolare di liberazione cinese (PLA) per le operazioni militari non militari. Ciò consentirà all'esercito della RPC di partecipare a operazioni non legate alla guerra.
    L'assenza di una legge che affermi che il territorio dell'Ucraina è di proprietà della Russia consente ai nemici della Russia di interpretare l'operazione militare speciale in corso come aggressione e occupazione da parte della Russia e consente ai paesi della NATO di annettere questo territorio di nessuno.
    C'è solo una decisione sull'Ucraina a favore del popolo russo. Lo stato dell'Ucraina deve cessare di esistere. L'intero territorio dell'Ucraina dovrebbe tornare alla Russia, sotto forma di regioni e repubbliche. Non c'è bisogno di chiedere il permesso a nessuno, tutto deve essere fatto unilateralmente. Non c'è stato dell'Ucraina, non ci sono debiti, non c'è governo dell'Ucraina in esilio, non ci sono partecipanti ucraini in varie organizzazioni internazionali, non c'è stato ostile al confine con la Russia.
    Se lo stato dell'Ucraina viene lasciato, oggi e in futuro la Russia avrà sempre mal di testa. L'Ucraina entrerà sicuramente a far parte della NATO. Tutto ciò che è promesso e sarà esplicitato nella Costituzione dell'Ucraina, nei suoi documenti, l'Ucraina cambierà, nel modo che è vantaggioso per gli Stati Uniti e i suoi satelliti.
    1. k7k8 Офлайн k7k8
      k7k8 (vic) 22 luglio 2022 08: 27
      0
      Hai provato, invece di mettere dei calzini, a dare semplicemente dei link al materiale? Inoltre, un post con questo contenuto è già stato pubblicato più volte qui. Chi è interessato darà un'occhiata. E chi non lo fa, passerà. E i calzini rendono la discussione illeggibile.
  10. svit55 Офлайн svit55
    svit55 (Sergey Valentinovich) 21 luglio 2022 20: 46
    +2
    Lavrov è il ministro della vecchia formazione, ora il tempo è diverso. Ha tutti i "partner", quelli che ci chiamano nemici, e quelli che cacciano i nostri diplomatici. Lavrov ha rilasciato un'intervista e il secondo giorno di politica, gli esperti stanno cercando di decifrare quello che voleva dire. Non è per il presente.
  11. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) 21 luglio 2022 23: 04
    -1
    18.55 Lavrov ha definito vergognoso che nessuno in Europa abbia reagito alle dichiarazioni dell'ex presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko, il quale ha annunciato che non c'erano piani per attuare gli accordi di Minsk.

    impazzisci .. l'esercito russo sta combattendo i nazisti, "vola" in Russia, i civili stanno morendo nel Donbass .. e Lavrov parla di "vergognoso" ?! che peccato?! che Poroshenko?! quale Europa?! che Minsk?! di cosa sta parlando?!! Che tipo di "chiacchiere"?! resta da chiedere scusa e cancellare .... Sarebbe meglio tacere.
    intanto qualcuno che parla di "geografia" e "vergogna":

    17.55 La Gran Bretagna fornirà all'Ucraina un lotto di pezzi di artiglieria da 105 mm L-119 (36 pezzi) e 20 pezzi di cannoni semoventi da 155 mm M-109. Insieme a loro verranno consegnati 50mila proiettili.
    Kiev riceverà anche dagli inglesi più di un centinaio di droni e radar per il combattimento di controbatteria.

    e i britannici non si vergognano un po'....
    nel frattempo, chi è cosa e su cosa:

    17.10 Ramzan Kadyrov:
    "I miei cuccioli di leone albini preferiti hanno ufficialmente ricevuto i loro soprannomi... Considerando i risultati positivi dell'operazione speciale in Ucraina e la LPR, nonché i piani per la rapida liberazione della DPR, è stato deciso di nominare i cuccioli: Donnie - in onore di DONETSK, Hans - in onore di Lugansk, Marip - in onore di MARIupol".

    nessun commento ...
    1. k7k8 Офлайн k7k8
      k7k8 (vic) 22 luglio 2022 08: 28
      -1
      Invidia in silenzio
  12. anclevalico Офлайн anclevalico
    anclevalico (Victor) 22 luglio 2022 07: 38
    +3
    E nessuno ha notato la frase su Zelensky, che controllerà i territori, in relazione alla quale dovranno essere respinti i confini? Quelli. non si pretende più che questo bastardo venga demolito, ma si presume che rimanga del territorio dove continuerà a regnare. Meravigliosa prugna, vero?
  13. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 22 luglio 2022 13: 18
    +1
    Lavrov è un diplomatico che ha trascorso la sua vita più fruttuosa e attiva negli uffici delle Nazioni Unite, ma lì i problemi non sono mai stati risolti, lì si parlava, il ministero degli Esteri ha la stessa politica ora, non decidere nulla, chattare, giocare per tempo e forse tutto si risolverà da solo, ma sull'accordo a Istanbul, poi bisogna inchinarsi alla squadra di clown per aver lanciato ancora una volta il Cremlino, altrimenti tutto sarebbe finito di nuovo con un'altra Minsk
  14. ivan2022 Офлайн ivan2022
    ivan2022 (ivan2022) 22 luglio 2022 18: 30
    0
    Poiché quanto accaduto nel 1991 è stato un tradimento di tutto ciò che può essere tradito, dall'ideologia al giuramento militare, ulteriori eventi non possono che arrivare alla loro logica conclusione.
    Non importa quali frasi e immagini è tutto camuffato.

    A giudicare dalle vaghe parole di Lavrov sulla "geografia", puoi aspettarti qualsiasi cosa. A febbraio si diceva: "Ci sarà una rotta e conseguenze terribili". Raccoglilo come vuoi....
  15. Amon Офлайн Amon
    Amon (Amon Amon) 22 luglio 2022 23: 34
    0
    Tradimento ai massimi livelli! Tradito e non batterà ciglio!
  16. Sergei N Офлайн Sergei N
    Sergei N (Sergey N) 27 luglio 2022 05: 37
    0
    La geografia del NWO deve essere ampliata. Dovremo denazificare e smilitarizzare almeno l'intero Khokhland della riva sinistra.