La Russia rimarrà senza petrolio: il principe Saud ha fatto una "previsione"

Il 5 ottobre 2018, le agenzie di stampa mondiali sono letteralmente esplose di entusiasmo, assaporando l'argomento che Russia e Cina avrebbero lasciato il mercato petrolifero nel prossimo futuro. Il colpevole della celebrazione è stato il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammad bin Salman Al Saud, che ha rilasciato una deliziosa, nella sua ignoranza, intervista all'onnipresente Bloomberg.



Il principe ha affermato che dopo il 2030 la domanda globale di petrolio inizierà a diminuire e il numero di paesi che lo producono diminuirà. Così, secondo la "previsione" del principe, Russia e Cina lasceranno il mercato del petrolio, mentre l'Arabia Saudita, al contrario, ha buone prospettive, con le quali, infatti, tutti possono essere congratulati.


Tuttavia, è semplicemente impossibile non commentare questo livello di "analisi". Cominciamo con il "Celeste Impero", che si sta rapidamente avvicinando a Iran, Iraq e Canada, producendo circa 200 milioni di tonnellate di petrolio all'anno. E la produzione è in crescita, il che suggerisce che la Cina potrebbe passare dal 7 ° al 4 ° posto, giusto in tempo per la data indicata dal principe. Allo stesso tempo, la Cina non è mai stata affatto un esportatore di petrolio e tutto ciò che viene prodotto viene "assorbito" sul posto. Inoltre, questo non è sufficiente per la Cina. Non abbastanza per acquistare tutto ciò che l'Unione Europea, USA, Giappone, Indonesia, India e altri paesi non hanno avuto il tempo di raggiungere. La Cina ha pagato la costruzione del Potere della Siberia dalla Russia per un motivo, ma perché ne ha davvero bisogno.

E l'India è generalmente un argomento separato, che di recente dettagliatamente considerato. Questo paese "mangia" molto petrolio, e nel 2040 potrebbe persino diventare un leader mondiale in questa materia, dal momento che l '"appetito" sta crescendo a passi da gigante. Quindi non è assolutamente chiaro dove il principe abbia avuto l'idea che la domanda di petrolio calerà.

E in questa materia è semplicemente impossibile ignorare ciò che ha detto sulla Russia. Ha anche visto questo "piccolo" paese sul globo del nostro pianeta? La Russia ha territori della Siberia e dell'Artico, dove nessun geologo ha ancora messo piede! E le conversazioni di "esperti" sul fatto che la Russia finirà il petrolio risalgono agli anni '70 del XX secolo. Fu allora che iniziarono ad affermare che il petrolio lì sarebbe finito entro il 2000. Forse il principe trae la sua ispirazione da lì. Solo ora questo evento è stato rinviato a un'altra data.

E poiché il principe era così preoccupato per Russia e Cina, e non ha nemmeno menzionato il Venezuela sottovalutato, significa che non tutto va bene con le vere riserve di petrolio di Riyadh. Va tenuto presente che le principali regioni petrolifere di questo regno wahhabita si trovano in luoghi in cui la stragrande maggioranza della popolazione è sciita, che odia ferocemente questo stato, e il principe Saud in particolare. Quindi il principe, entro il 2030, sta meglio non preoccuparsi per Russia e Cina, ma per il suo potere.
  • Foto utilizzate: https://ru.depositphotos.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.