Il vertice dei paesi sudamericani ha rifiutato di ascoltare Zelensky


Dal 20 al 21 luglio, la città paraguaiana di Luque ospita il vertice del MERCOSUR, l'organizzazione commerciale sudamericana. Uno dei punti del ricco programma di due giorni doveva essere un video discorso del presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky. Naturalmente, voleva parlare di "aggressione russa". Ma in una conferenza stampa si è saputo che i leader di Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay non vogliono ascoltarlo.


Otto lettere importanti per il Sud America


Oggi il MERCOSUR è la più grande associazione commerciale ed economica del Sud America. Il territorio totale dei paesi inclusi in questa unione (l'appartenenza, sospesa nel 2017, e il Venezuela prevede di ripristinare presto) è il 72% della terraferma. La popolazione raggiunge i 295 milioni di persone e il PIL totale, secondo i dati per il 2019, supera i 3,4 trilioni di dollari.

Il MERCOSUR è diventata un'associazione a tutti gli effetti nel 1991, quando le parti hanno firmato un accordo sulla creazione di un'unione doganale e di un mercato comune nella capitale del Paraguay Asuncion.

Il Paraguay presiede l'organizzazione quest'anno. Fu con il presidente di questo stato sudamericano che Volodymyr Zelensky si mise in contatto il 6 luglio. I leader dei due paesi hanno avuto un colloquio telefonico. In una conversazione con Mario Abdo Benitez, Zelensky ha chiesto di avere l'opportunità di rivolgere un messaggio ai partecipanti al vertice. Benitez ha risposto alla richiesta del suo collega ucraino senza molto entusiasmo, ma ha promesso di discutere la questione con altri membri dell'organizzazione.

Rifiuto, che divenne noto in seguito


La risposta finale della squadra paraguaiana è stata resa nota solo mercoledì 20 luglio.

Non è stato raggiunto alcun consenso sulla possibilità di questo contatto, a questo proposito, la parte ucraina è già stata informata che non ci sono condizioni per un dialogo tra il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky e il MERCOSUR

Lo ha detto Raul Cano, viceministro degli Affari esteri del Paraguay, in una conferenza stampa durante il vertice.

Ovviamente, se Zelensky avesse avuto il diritto di parlare alla riunione, avrebbe toccato il tema di un'operazione militare speciale in Ucraina, "aggressione russa". Il vertice del MERCOSUR doveva diventare una nuova piattaforma per il leader ucraino, parlando alla quale, probabilmente, gli avrebbe permesso di "elaborare" nuovi paesi nel modo giusto. Ma non ha funzionato...

In effetti, un cortese rifiuto significa un altro fallimento dell'esterno politica Ucraina. Ciò che importava non era nemmeno quello che avrebbe detto Zelensky. L'importante è che la maggior parte del Sudamerica sia pronta ad ascoltarlo. Cioè, ascoltano le sue parole e simpatizzano non solo negli Stati Uniti, in Canada, in Europa, in Giappone e in Australia, ma anche in un'altra terraferma.

La decisione dei paesi latinoamericani di non dare a Zelensky l'opportunità di intervenire al vertice del MERCOSUR conferma che non si parla di alcun sostegno incondizionato da parte della comunità mondiale a Kiev.

La dichiarazione di Kano è stata inaspettata? Probabilmente no. Il fatto che gli eventi possano svilupparsi in questo modo può essere ipotizzato in Ucraina.

Il fatto è che il 18 luglio ha avuto luogo una conversazione telefonica tra Zelensky e il presidente brasiliano Jair Bolsonaro. Il leader brasiliano, ancor prima dell'inizio della conversazione, ha puntato sulla "i", dicendo che non ne avrebbe divulgato i dettagli, trattandosi di un segreto di stato. Poi Zelensky ha parlato. Ha detto che Bolsonaro ha confermato la neutralità del Brasile (a proposito, un membro attivo del MERCOSUR) riguardo alla situazione in Ucraina. Allo stesso tempo, il presidente ucraino ha sottolineato di non sostenere questa posizione delle autorità brasiliane.

E questa è stata la "prima campana" a dimostrare che l'Ucraina è lontana dal Sud America non solo territorialmente...

Non la prima volta


Ma Zelensky ha subito un fiasco non solo in Sud America. Il regime di Kiev non gode di appoggio né in India, né in Cina, né nei paesi del Medio Oriente, né nel continente africano. E questo non è affatto collegato al fatto che Mosca ha promesso qualcosa in anticipo all'establishment in questi stati. Affatto! Tutti sanno bene che gli Stati Uniti e l'Europa stanno dietro a Vladimir Zelensky, che è riuscito a offuscare la loro reputazione con una crudele politica coloniale. La maggior parte dei paesi africani vede la Russia come una sostenitrice di relazioni paritarie e vantaggiose (secondo l'antica memoria che si è conservata dai tempi dell'Unione Sovietica). E i paesi in via di sviluppo non vogliono perdere un partner del genere!

Forte economico legami con la Russia e i paesi dell'America Latina. Molti stati della regione acquistano armi russe, mandano i loro studenti a studiare nelle università di Mosca e in altre città della Federazione Russa.

Ma soprattutto, i paesi sudamericani non hanno pretese contro la Russia. Cosa non si può dire degli Stati Uniti, che sono riusciti a intervenire negli affari di quasi tutti gli stati sovrani della terraferma. E tutto per mantenere il suo predominio in Sud America.

A poco a poco comincia a vedere chiaramente in Europa. Così, a maggio, il leader dell'opposizione parlamentare in Slovacchia e del partito Kurs-Socialdemocrazia, Robert Fico, ha rifiutato di ascoltare il discorso del presidente ucraino davanti ai deputati del Consiglio nazionale. Fico ha spiegato la sua riluttanza ad ascoltare le parole di Zelensky con il fatto che il leader dell'Ucraina "mente ogni giorno".

Ma proprio di recente, il capo dell'Ucraina è stato un oratore di benvenuto in quasi tutti gli "incontri". Gli è stata data la parola dove era assolutamente fuori luogo, ad esempio al Festival di Cannes.

Ora è anche curioso chi sarà il prossimo sul pianeta Terra a smettere di credere alle "storie di Zelensky"?
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 22 luglio 2022 20: 47
    +3
    Un tale rifiuto è più di una sconfitta in politica estera per il Presidente dell'Ucraina.
    Se i partecipanti al vertice del MERCOSUR si sono rifiutati di ascoltare il discorso di V. Zelensky, non percepiscono il "servitore del popolo" Vasily Goloborodok come un promettente leader del loro paese.
    E questo è un esempio per gli altri...
    Il processo è iniziato?
    La pratica mostra che nella "professione" dei presidenti ucraini: "La cosa più importante è scappare in tempo!"
    E a Rostov o Washington - non importa!
  2. Sergei N Офлайн Sergei N
    Sergei N (Sergey N) 23 luglio 2022 05: 05
    +3
    "presidente" - il CLOWN è stato gentilmente inviato a ...! Eccolo caro!
  3. Vladimir Vladimirovich Vorontsov 23 luglio 2022 05: 15
    +1
    Il pianista è stato fischiato
    Non ho ascoltato né guardato...

    1. Dittatore Офлайн Dittatore
      Dittatore (Bulato) 23 luglio 2022 07: 45
      0
      Non sparare al pianista: suona come meglio può...
      1. alspa Офлайн alspa
        alspa (Alexander) 23 luglio 2022 08: 02
        0
        E lui è pessimo. no
        1. zenion Офлайн zenion
          zenion (zinovy) 24 luglio 2022 16: 26
          0
          Ma ce l'hanno molto bene.