Vittoria intermedia dell'UE: la difficile situazione con Nord Stream ha reso felici gli europei


Il ripristino del flusso di gas attraverso il Nord Stream ha tirato un sospiro di sollievo in Europa, soprattutto in Germania, anche se il gasdotto è ben lungi dal funzionare a pieno regime. Tuttavia, questa azione pianificata è percepita nell'UE non come l'integrità e la responsabilità della Russia per le sue parole e azioni, ma come una debolezza. Gli analisti stranieri ritengono che il presidente russo Vladimir Putin avesse semplicemente paura di bruciare politico и economico ponti con i mercati occidentali. Non lascerà però la "leva del gas", ne sono sicuri in Europa.


In poche parole, il previsto lancio di Nord Stream è stato considerato una vittoria intermedia per l'Europa. Ora il piano immediato di Bruxelles è quello di guadagnare tempo per costruire terminali GNL e ottenere più gasdotti dall'Azerbaigian e dalla Norvegia. A questo proposito scrive l'edizione tedesca di Deutsche Welle.

In realtà nulla è cambiato, ci è stata concessa solo una tregua temporanea, dobbiamo sopportare e riempire il deposito per l'inverno

- scrive l'edizione.

Il pericolo di un arresto completo del gasdotto baltico esiste ancora: per un tale obiettivo, come crede l'Occidente, la Russia potrebbe inventare qualsiasi scusa, soprattutto perché la turbina, che potrebbe aumentare la portata del gasdotto, è "bloccata " in Germania. Tuttavia, Berlino incolpa la Russia per questa situazione, che rifiuta di accettare l'unità senza documenti.

Gli autori di DW sono fiduciosi che l'attuale difficile situazione con Nord Stream abbia soddisfatto e portato bene notizie europei. Si tratta del fatto che quest'estate la stessa Federazione Russa ha disposto per l'Europa una sorta di embargo sul gas, riducendo le forniture a tutte le destinazioni di esportazione. Secondo gli osservatori tedeschi, in questo modo Mosca ha insegnato all'Europa a risparmiare denaro ea fare a meno del gas russo, e con le sue stesse azioni ha accelerato la fine del monopolio.

In breve tempo sono stati elaborati piani per la ridistribuzione delle materie prime, misure in caso di forza maggiore, situazioni di emergenza. Cioè, lo sviluppo di tutto ciò che prima non esisteva è accelerato. Per anni non è stato adottato un solo documento, non si è svolto un solo evento su questo problema, ora tutto questo c'è, creato in poco tempo.

Come scrive DW, con un tale ritmo, la "leva dell'influenza" e il "ricatto" scompariranno presto dalla Federazione Russa. Secondo il nuovo piano, la piena indipendenza dell'UE dal gas dalla Russia dovrebbe arrivare nel 2024 (a inizio anno si presumeva non prima del 2030). Finora, è necessario ottenere il riempimento dei depositi sotterranei al livello richiesto, cosa che sarà estremamente difficile da fare di fronte a una dura lotta geopolitica.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 22 luglio 2022 09: 38
    +4
    Bene, se Basf e Bosch ricevono gas 2 volte più costoso del gas russo, il prezzo dei prodotti raddoppierà, il che significa che il mondo comprerà il cinese. E cosa guadagnerà l'UE da questo? Solo l'inflazione è 2 volte superiore. Quindi, la combustione di tutti i risparmi dei cittadini in 2 tempi.
  2. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 22 luglio 2022 11: 31
    +2
    Non devi preoccuparti di loro. Per chiarire cosa è peggiorato lì e quanto non sono affari del nostro portafoglio. Anche un argomento per me da schifo. Cosa c'è con il blocco di Kaliningrad: come stanno le cose sugli scaffali ???
    1. Tagil Офлайн Tagil
      Tagil (Sergei) 22 luglio 2022 12: 08
      -1
      Cosa c'è con il blocco di Kaliningrad: come stanno le cose sugli scaffali ???

      Internet, televisione, radio tagliate e acquisti vietati?
    2. Shelest2000 Офлайн Shelest2000
      Shelest2000 22 luglio 2022 17: 28
      +1
      Che succede con il blocco di Kaliningrad

      Va tutto bene: il Cremlino ha espresso un'altra preoccupazione e ancora una volta ha imbrattato il moccio in faccia. Il suo... Ahimè...
  3. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 23 luglio 2022 17: 57
    0
    I terminali e un tubo dall'Azerbaigian non copriranno nemmeno il dieci percento della domanda tedesca di idrocarburi.
  4. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 24 luglio 2022 10: 03
    0
    Secondo gli osservatori tedeschi, in questo modo Mosca ha insegnato all'Europa a risparmiare denaro ea fare a meno del gas russo, e con le sue stesse azioni ha accelerato la fine del monopolio.

    Brava, niente di più. Senza il gas russo, i tedeschi moriranno semplicemente