La piattaforma di perforazione nel Mar Nero, attaccata dalle forze armate ucraine un mese fa, continua a bruciare


Una delle piattaforme di perforazione nel Mar Nero vicino alla Crimea, attaccata dalle forze armate ucraine il 20 giugno, è ancora in fiamme. Questo, in particolare, è indicato dalle immagini satellitari scattate il 21 luglio. Mostrano chiaramente l'accensione nell'area della piattaforma di perforazione.


Inoltre, i dati del Fire Information for Resource Management System (FIRMS) della NASA, che monitora gli incendi su larga scala in tutto il mondo, testimoniano i fatti della continuazione dell'incendio in questa struttura.

Un mese fa, le forze armate ucraine hanno attaccato tre torri russe di Chornomorneftegaz situate nel giacimento di gas di Odessa. Ustioni e ferite da schegge furono ricevute da cinque persone su 109 che si trovavano in quel momento sulle torri. Tutto il personale della struttura è stato evacuato. Il 26 giugno, le unità ucraine hanno sparato di nuovo sulle piattaforme petrolifere.

In risposta a tali atti dell'Ucraina, il presidente del parlamento della Crimea, Vladimir Konstantinov, in onda sul canale televisivo Millet, ha osservato che il regime di Kiev nelle sue azioni "è scivolato nel terrorismo".

Il capo del comitato investigativo russo, Alexander Bastrykin, ha ordinato di aprire un procedimento penale sul fatto del bombardamento delle piattaforme. Le persone responsabili hanno promesso di assicurare alla giustizia tutte le persone coinvolte in questo caso e di punirle nella misura massima consentita dalla legge.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 23 luglio 2022 03: 59
    0
    Dovremo incontrarci di nuovo a Istanbul.