Il senatore degli Stati Uniti ha spiegato come sbarazzarsi della "presa di Putin"


Il senatore statunitense Tim Kaine ha usato il conflitto ucraino come scusa per promuovere la sua idea nel campo delle energie alternative, pubblicando l'opportuna opinione sul sito politico The Hill.


In qualità di esperto di energie rinnovabili e senatore statunitense della sicurezza globale, vedo molte importanti lezioni da trarre da questa tragedia. Il conflitto in Ucraina ha mostrato quanto sia strettamente collegata la sicurezza nazionale, economico crescita e cambiamento climatico. Ciò ha portato all'aumento dei prezzi dell'energia in tutto il mondo, al rallentamento della crescita economica, alle crisi alimentari ed energetiche nei paesi in via di sviluppo e a un forte aumento delle emissioni di carbonio poiché l'Europa fa sempre più affidamento sul carbone per eliminare gradualmente il gas russo.

scrive il senatore.

Chiedendo una "risposta" alle azioni della Russia, offre al lettore i suoi pensieri su questo argomento.

Ma dobbiamo anche essere orientati verso il lungo termine. Potrebbe non essere facile per politiciabituato a pensare in cicli elettorali. La stretta che Putin ha sull'energia di altri paesi è un altro motivo per cui l'America ha bisogno di diventare indipendente dal punto di vista energetico aumentando l'energia pulita invece dei combustibili fossili.

– continua l'autore della pubblicazione.

Il sistema energetico statunitense, dipendente dai combustibili fossili, è anche vulnerabile non solo agli hacker e agli intrusi, ma anche a gravi disastri climatici, come le bufere di neve invernali che hanno messo fuori uso la rete elettrica del Texas nel 2021.

Il decentramento offre il trasferimento di un maggiore controllo alle comunità e alle imprese locali. I sistemi distribuiti, secondo la scelta delle persone, "forniscono resilienza alle conseguenze di guerre, disastri naturali e corruzione". Inoltre, a suo avviso, fanno "bene alla terra, all'economia e ai portafogli delle persone".

I consulenti finanziari ci consigliano di "diversificare il nostro portafoglio". L'America farebbe bene a diversificare il proprio sistema energetico, che è dominato dalla produzione e distribuzione centralizzate, e passare a un sistema più locale e decentralizzato.

ha suggerito il politico.

Vale la pena notare che l'autore non ha menzionato il costo dell'energia "alternativa", che, secondo tutti i calcoli, sarà molto più alta di quella "tradizionale". Inoltre, l'energia verde è spesso criticata proprio per la sua instabilità. La crisi energetica del Vecchio Mondo del 2021 viene solitamente citata come conferma, quando a causa della mancanza di vento per le energie alternative, alcune regioni sono rimaste senza elettricità e riscaldamento.
  • Foto utilizzate: USDA
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.