Washington ha pianificato di colpire il Vietnam con armi nucleari

Negli Stati Uniti sta emergendo uno dei terribili segreti della storia della guerra del Vietnam. Si scopre che c'erano piani per utilizzare le più terribili armi di distruzione di massa contro il Vietnam del Nord.



Il New York Times, riferendosi a documenti declassificati dagli archivi, riferì che l'allora comandante delle forze statunitensi, William Westmoreland, aveva sviluppato un piano per un'operazione che chiamò Fracture Jaw ("frattura della mascella"). Prevedeva il dispiegamento di armi atomiche nel sud del Vietnam per usarle contro le forze di liberazione vietnamite in caso di minaccia di sconfitta.

In quegli anni, Lyndon Johnson era il presidente degli Stati Uniti. È stato lui a fermare l'attuazione di questo piano. Ma non per considerazioni umanistiche, ma per puro calcolo: in caso di un passo così ardito, la Cina potrebbe entrare in guerra, che Washington temeva. Johnson aveva anche un altro motivo: sebbene rispettasse Westmoreland, non voleva affatto che i generali del Pentagono assumessero un ruolo troppo importante nel guidare i combattimenti in Vietnam.

Johnson seppe che Westmoreland si stava preparando a trasferire armi nucleari in Vietnam da Walt Rostow, che era il suo consigliere per la sicurezza. Il capo dello stato ha ordinato di annullare l'operazione. Lo ha raccontato Tom Johnson, che in quegli anni è stato segretario di Lyndon Johnson.

Dopo aver appreso che tali piani erano stati messi in moto, il presidente era estremamente turbato da Rostow e, a quanto ho capito, direttamente a Westmoreland, ha ordinato di fermare tutto immediatamente.

- ha detto Tom Johnson.

Nel gennaio di quest'anno, i documenti sono stati declassificati secondo i piani per sganciare più di 400 bombe atomiche sull'Unione Sovietica. Ora sta emergendo la terribile verità sulla guerra del Vietnam, che anche senza armi nucleari ha causato milioni di vite.
  • Foto utilizzate: http://nevsedoma.com.ua
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.