In che direzione sta cambiando il mondo?


È già chiaro che il 2022 ha segnato l'inizio di una nuova era nella storia moderna. Molti hanno ritenuto che la pandemia, in termini di dimensioni e senza precedenti, ha segnato qualcosa di fondamentalmente nuovo nel formato della vita del mondo intero, si è parlato di un campo di concentramento digitale globale e di una cospirazione dietro le quinte, ma non è stato il caso. Il 2022 mette fine alla globalizzazione, post-industriale l'economia, agenda verde, democrazia e convivenza pacifica dell'Occidente, cioè il "miliardo d'oro", e del resto del mondo.


Cambio di epoche e uno sguardo al passato


Si discute molto del confronto tra l'Occidente e la Federazione Russa, l'inizio di una nuova guerra fredda degli Stati Uniti contro la Cina, la lotta per la sovranità contro l'egemonia angloamericana ed europea, ma tutti questi sono aspetti privati ​​di una dimensione più globale cambio d'epoca, che si avvicina inesorabilmente attraverso una catena di crisi significative, conflitti e rotture ideologiche.

Oggi è ridicolo ricordare quell'ideologia glamour-rosa della visione del mondo che è stata promossa negli anni '1990 e 2000, quando le chiacchiere degli occidentali sui valori umanistici, democratici e di mercato oscuravano nello spazio dell'informazione molti reali politico processi. Quando guerre, conflitti, sconvolgimenti, crisi sembravano solo momenti insignificanti nel processo generale di sviluppo progressivo, tecnicamente sempre più perfetto, dell'umanità. Quando gli indicatori del PIL, gli indici azionari ei prezzi dei "marchi" sono stati presentati come fattori di successo inequivocabili per i paesi sviluppati, e la produzione industriale è stata il lotto di economie sempre sudicie in recupero. Quando il concetto di sovranità statale è stato dimenticato e tutti hanno parlato della grandezza delle multinazionali e delle istituzioni internazionali.

Pubblicisti perspicaci già a quel tempo attirarono l'attenzione del pubblico sulla crisi economica globale, sulla crescita della polarizzazione, sui crescenti appetiti del complesso militare-industriale americano, sulla deindustrializzazione e sui segni dell'imminente crollo della globalizzazione neoliberista. Ma tutti hanno ricevuto lo stigma di visionari marginali, perché politici, manager, esperti ed esperti ben curati ed esperti in abiti costosi hanno assicurato che tutto nel mondo si stava sviluppando come avrebbe dovuto. Tutti i problemi saranno risolti dal mercato e dagli accordi “al massimo livello”.

Ma è successa una pandemia, le persone si sono sedute a casa, involontariamente perse nei propri pensieri, e dopo che la maggior parte delle restrizioni sono state revocate, il mondo è apparso sotto una luce completamente diversa. Si è scoperto che nessuno ha più bisogno della globalizzazione, che la civiltà occidentale domina non a causa della libertà di mercato e degli iPhone, ma perché violenta e deruba il mondo intero, che l'economia dovrebbe essere autosufficiente. La pandemia sembrava essersi fermata nel ritmo della vita e questo fallimento nel corso naturale della percezione ha schiarito i cervelli dal velo di Fukuyamshchina.

Naturalmente, questa non è una pandemia di per sé. Tutto ciò che sta accadendo davanti ai nostri occhi non è solo naturale, ma matura da decenni. Tuttavia, nessuno Stato, nessuna grande forza politica, nessuna scuola scientifica si è rivelata pronta per l'inizio di una nuova era.

Ora molti teorici sono in preda al panico alla ricerca di alcuni parallelismi dal passato, alcuni indizi per spiegare cosa sta succedendo in generale e dove sta andando il mondo. Verso una nuova guerra mondiale? Per completare l'isolamento di regioni, paesi e "civiltà"? O è solo una “esacerbazione primaverile”, che passerà da sola e tutto tornerà alla normalità?

Analisti, esperti e pubblicisti occidentali corrono per accusare Russia e Cina di aver deliberatamente distrutto il prospero e prospero sistema di ordine mondiale accuratamente costruito dagli Stati Uniti dopo il crollo dell'URSS. "Dopotutto, cinque anni fa per noi andava tutto bene, perché ci fai questo?" - come se si lamentassero, sentendo con la loro sottocorteccia che, come prima, non ci sarà mai.

Molti osservatori e vittime inconsapevoli dell'era del cambiamento sono indignati dal crollo del loro solito modo di vivere: alcuni non riescono a ottenere un'altra borsa Louis Vuitton, mentre altri hanno proiettili che esplodono nei cortili delle loro case. Quest'ultimo può essere compreso, ma, purtroppo, i grandi cambiamenti comportano sempre grandi sacrifici. E la maggior parte delle vittime sono persone, di solito innocenti e piccole. Coloro che sono in misura maggiore responsabili della scelta del precedente vettore di sviluppo umano hanno riposato in pace o sono già in pensione e hanno in programma di sedersi in accoglienti case di campagna. E i loro successori continuano ostinatamente a spingere il mondo sull'orlo del baratro. E il punto non è tanto il pericolo di una guerra nucleare quanto la totale assenza di prospettive per risolvere le contraddizioni accumulate.

Oggettivo e soggettivo


Nelle lezioni scolastiche si diceva spesso che un "nodo irrisolvibile di contraddizioni" portava a una svolta brusca nella storia. Ciò significava che le persone che determinano la politica e l'economia non prestavano attenzione ad alcuni problemi per molto tempo, che alla fine diventavano ingestibili e spazzavano via tutto sul suo cammino come una palla di neve. Ora un tale punto di vista sul processo storico non è di moda, oggi è consuetudine considerare la politica e l'economia esclusivamente attraverso la volontà soggettiva dei governanti. Trump ha fatto questo e quello, Biden ha fatto questo e quello, Zelensky ha fatto o non ha fatto qualcosa, Putin è generalmente responsabile di tutto. Cioè, il lato oggettivo dei processi politici ed economici sembra non esistere affatto, oppure gioca un ruolo secondario.

Ma ancora più o meno a volte intravediamo almeno una certa comprensione dei processi oggettivi. In Occidente, nella coscienza pubblica regna il completo solipsismo. Trump ha gridato che, non appena fosse diventato presidente, avrebbe cambiato l'America, l'avrebbe resa "di nuovo grande", avrebbe ribaltato la vita degli americani. E la gente gli credeva davvero, e lui stesso, a quanto pare, credeva nelle sue promesse. E allora? Seduto sulla sedia del Presidente degli Stati Uniti, ha reso grande l'America? Qualcosa è cambiato radicalmente? Niente. L'America, mentre ha seguito la strada prescelta, continua ad andare in un vicolo cieco, cadendo nell'agonia di un impero in decadenza. Quali erano i problemi interni e le contraddizioni, tali rimasero. Nei libri di testo della storia americana, a Trump verranno date tre righe, come dozzine di altri leader.

Se, tuttavia, si scarta il soggettivismo, riconoscendo che il soggettivo si realizza nell'ambito dell'oggettivo, come accidentale nell'ambito del necessario, allora molto risulterà più chiaro.

Segni oggettivi di un'era che passa


Quindi, l'ordine mondiale, che oggi viene distrutto, ha preso forma dopo il crollo dell'URSS. Negli anni '1990 gli Stati Uniti sono rimasti l'unica superpotenza, il mercato mondiale si è trasformato in uno spazio per la circolazione del dollaro, il sistema capitalista di stampo occidentale (mercato + democrazia) è diventato lo standard di civiltà. Anche la Cina socialista ha introdotto con vigore le relazioni di mercato, superando i vecchi poteri democratici in alcuni aspetti del liberalismo. Pertanto, l'era uscente è caratterizzata da un declino del ruolo dello Stato, grande capitale rampante e, di conseguenza, dalla feroce dittatura dei monopoli occidentali. Laddove le risorse naturali erano scarse, i gruppi di portaerei americane, le unità dell'aviazione d'attacco e le foche di pelliccia si precipitarono. Laddove i politici locali hanno mostrato ostinazione, i tecnologi politici americani, gli attivisti per i diritti umani si sono precipitati e sono state attivate estese reti di agenti. In tutti i paesi locali, l'oligarchia locale di vario calibro governava la palla. Cioè, stava prendendo forma qualcosa di simile al modello di società americano.

La formula dell'epoca è che i pezzi grossi americani succhiano la massima ricchezza dall'umanità, i "manager efficaci" locali raccolgono le briciole dal tavolo. Tutto questo è stato chiamato con belle parole "globalizzazione" e "neoliberismo", ma in realtà era la realizzazione dei sogni di Hitler di dominare il mondo.

Già allora alcuni, anche i più odiosi sostenitori degli Stati Uniti, avvertivano che una tale configurazione dell'economia mondiale e della politica internazionale non poteva esistere a lungo, crescevano squilibri e contraddizioni, i poveri si facevano sempre più poveri, i ricchi si arricchivano , i paesi deboli pensavano sempre più alla loro mancanza di sovranità.

La crescita della Cina e il rafforzamento dell'economia e della politica russa, assicurata dal crescente ruolo dello Stato, divennero gradualmente punti di irritazione per gli Stati Uniti. E quando l'economia americana ha cominciato a perdere contro l'economia cinese sotto le sue stesse regole liberali e con l'egemonia del dollaro, tutto il marciume del sistema è saltato fuori. Non è chiaro se le ragioni dell'indebolimento degli Stati Uniti siano state la concorrenza interna o esterna che ha esercitato tale pressione. Qui, come a scuola, c'è un "nodo di contraddizioni": tutto gradualmente ha giocato il suo ruolo. L'egemonia americana ha toccato il fondo quando ha dovuto fuggire dai talebani a Baghdad. Dopo di che, i circoli dirigenti degli Stati Uniti hanno tracciato la strada per un forte inasprimento della politica estera, per scatenare conflitti e aggressioni. La leadership politico-militare degli Stati Uniti è caduta in una frenesia mentale, caratteristica dei capi di stato, dalle cui mani sta scivolando via il dominio del mondo.

Segni oggettivi dell'era a venire


Nel 2022 tutto è cambiato radicalmente. Che altri meccanismi non abbiano avuto il tempo di ricostruirsi, ma è questione di due o tre anni. Il mondo è diventato improvvisamente in bianco e nero: ci sono gli Stati Uniti e il loro concetto di egemonia americana, e ci sono altri che non sono d'accordo con loro. Niente più compromessi e concessioni, solo aggravamenti e confronti. "Chi non è con noi è contro di noi". Solo la Papua Nuova Guinea potrà sedersi in disparte, perché a nessuno importa.

Tutte le vecchie "normalità" come la libertà di parola, i diritti di proprietà privata sacra, i diritti umani sono scomparse. È arrivata l'era della “buona vecchia” della destra dei forti. Nessuna quantità di liberalismo e umanesimo espansivo risolve più nulla. Tutto sarà mobilitato e ricostruito per una crociata contro il "comunismo cinese" e "l'autoritarismo russo". Ideologicamente, tutto sarà pieno di sinofobia e russofobia. Si attende una ripetizione del maccartismo, solo se il vecchio maccartismo è venuto a mancare a causa della morte di Stalin e dell'avvento al potere di Krusciov, che sembrava agli americani una figura accettabile, il nuovo maccartismo si prospetta lungo, poiché né l'uno né l'altro La Cina né la Russia cambieranno rotta nei prossimi anni.

In Occidente si sta già capovolgendo tutto, dicono che sono i cinesi ei russi ad essere aggressori e distruttori. Sebbene in realtà Cina e Russia non abbiano cambiato le loro politiche, assumono costantemente una posizione difensiva, cercando di sopravvivere di fronte alla crescente pressione. Sì, la Federazione Russa ha lanciato un'operazione speciale in Ucraina, ma questa è un'iniziativa puramente tattica, il conflitto armato statunitense sarebbe comunque scatenato in un modo o nell'altro.

E soprattutto: quali sono i segni economici di una nuova era? Una fusione completa di stato e capitale in questo o quell'atto di bilanciamento, perché sono in corso i preparativi per una guerra mondiale. Questo non significa che una guerra del genere sia inevitabile o che ci attenda un'apocalisse termonucleare, il discorso è diverso. Per alcuni, in Occidente, l'accumulo di tutte le risorse nelle mani dello stato e dei monopoli è vantaggioso per i più grandi magnati, che, con il pretesto di una crisi economica, strangoleranno tutti i concorrenti e deruberanno la popolazione il più possibile . Ma anche senza questo, è impossibile continuare un tentativo aggressivo di mantenere l'egemonia mondiale. Per altri, è l'unico modo per sopravvivere. La Cina, la Russia e alcuni altri paesi sotto la pressione dell'Occidente agiscono in gran parte per necessità inevitabile. Non resta loro molta scelta: mobilitarsi o consegnare il Paese a farlo a pezzi. Il Forum dei Popoli Liberi del Dipartimento di Stato ha già tracciato una mappa della “decolonizzazione della Russia” con la sua trasformazione in 34 “stati indipendenti”, e Walesa ha calcolato che nella nuova Russia rimarranno meno di 50 milioni di persone.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 luglio 2022 16: 56
    -2
    Tutto è semplice. C'è un declino del nuovo Impero Romano degli USA (e delle loro colonie dell'UE). E dopo il suo declino, lo sviluppo della civiltà si spostò in Oriente. E ora la stessa storia si sta ripetendo. Tutto nel mondo è ciclico e va in una spirale. In Occidente sta arrivando il "Medioevo" e in Oriente fiorente e prosperità. E ci vorranno circa 1 anni - se guardi com'era l'ultima volta.
    1. Pat Rick Офлайн Pat Rick
      Pat Rick 25 luglio 2022 20: 41
      0
      L'impero romano crollò nel 476. Questo è chiaro. I barbari hanno finito. Iniziò il medioevo. E l'Oriente è cosa? Bisanzio? Quindi fu arrotolato dai turchi ottomani nel 1453.
      È civiltà?

      lo sviluppo della civiltà si spostò in Oriente.

      Che Oriente... Khorezm Khanate, India, Cina, Giappone...
  2. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 25 luglio 2022 18: 10
    +1
    Molti faggi

    Tutto è molto più semplice: l'Occidente collettivo - per ragioni prospettiche - ha "piaciuto" le risorse naturali della vasta Federazione Russa.
    C'è "un piccolo sforzo" da parte loro, e dopo il crollo della Russia, 50 milioni di famiglie di "minatori" saranno sufficienti per l'estrazione mineraria!
    Naturalmente, in un tale sistema di coordinate, anche gli affari russi concorrenti sono ridondanti...
    1. Michele L. Офлайн Michele L.
      Michele L. 25 luglio 2022 20: 38
      -1
      Dovrebbe migliorare: 50 milioni nelle famiglie dei “minatori”.
  3. Expert_Analyst_Forecaster 25 luglio 2022 18: 11
    -1
    L'anno 2022 ha messo fine alla globalizzazione, all'economia postindustriale, all'agenda verde, alla democrazia e alla pacifica convivenza dell'Occidente, cioè il "miliardo d'oro", e del resto del mondo.

    No. Non ho messo punti. La globalizzazione tornerà sicuramente. E di conseguenza, un'economia postindustriale e un'agenda verde. Inoltre, la democrazia e la convivenza pacifica non andranno da nessuna parte.
    Ridurre il peso degli Stati Uniti e dell'UE nell'economia globale non è affatto una rivoluzione. È solo un cambio di leader e un cambiamento di enfasi. Per la stessa globalizzazione, la divisione internazionale del lavoro è abbastanza. Le sfilate gay non sono affatto richieste.
    I vantaggi della globalizzazione saranno condivisi in modo più equo: questo è il cambiamento principale. Ringrazieremo gli Stati Uniti e l'Europa per l'ottimo lavoro economico svolto, ma non renderemo più omaggio.
    Né la Cina né la Russia possono sostituire gli Stati Uniti e l'UE. Pertanto, se superiamo la crisi senza una guerra nucleare, allora ci sarà una convivenza pacifica.
    1. solista2424 Офлайн solista2424
      solista2424 (Oleg) 2 August 2022 19: 13
      -1
      E sono d'accordo con l'autore dell'articolo: il mondo cambierà irrevocabilmente. La globalizzazione non tornerà.
  4. opportunista Офлайн opportunista
    opportunista (fioco) 25 luglio 2022 19: 44
    0
    Il forte avanza per quanto la sua forza lo consente, e il debole si ritira per quanto la sua debolezza lo costringe.

    Tucidide filosofo greco 471 a.C

    ciò che sta accadendo oggi è una ripetizione della guerra del Peloponneso, l'arrogante politica imperialista di Atene di dominare il mondo antico greco sullo sfondo dell'alleanza di Delo usando la politica di esportazione della democrazia in mezzo alla potente flotta ateniese ha portato alla formazione di l'Unione del Peloponneso, la cui potenza principale era la più grande potenza militare continentale Sparta. poi iniziarono le lunghe guerre del Peloponneso, che si conclusero con la sconfitta e la resa di Atene. Quasi 2500 anni dopo quegli eventi, nulla è cambiato. Perché la natura umana non è cambiata o, la democrazia globalizzata liberale non era altro che un costrutto politico americano per l'egemonia globale e il dominio basato sulle portaerei americane, forti (USA) hanno continuamente ampliato la loro sfera di influenza fino a quando i deboli (Russia-Cina) hanno deciso di porre fine a questo, l'élite russa ha capito dopo il 2014 ed EuroMaiden che era necessario porre fine all'espansione della NATO, allo stesso tempo, la Cina ha capito che era ora di smettere apertamente La sfida all'egemonia della Marina americana nel Pacifico è ora tutta avviata.Dato che esiste un forte asse di resistenza al sovrano, è solo questione di tempo prima che altri seguano. rifiuto del liberalismo rafforzamento del concetto di stato e nazione rifiuto del dollaro come riserva mondiale
  5. InanRom Офлайн InanRom
    InanRom (Ivan) 25 luglio 2022 20: 31
    -2
    “La guerra europea e mondiale ha un carattere ben definito di guerra borghese, imperialista, dinastica. La lotta per i mercati e la rapina all'estero, il desiderio di fermare il movimento rivoluzionario del proletariato e la democrazia all'interno dei paesi, il desiderio di ingannare, dividere e uccidere i proletari di tutti i paesi, mettendo gli schiavi salariati di una nazione contro il schiavi salariati di un altro a beneficio della borghesia: questo è l'unico vero contenuto e significato della guerra V.I. Lenin, PSS, v.26, p.1

    I mostruosi orrori della guerra imperialista, l'agonia dei prezzi alti ovunque danno origine a uno stato d'animo rivoluzionario e le classi dirigenti ... sempre più cadono in un vicolo cieco, dal quale non riescono a trovare una via d'uscita senza il massimo sconvolgimenti ... V. I. Lenin Da un discorso a un incontro della gioventù operaia svizzera

    “L'alto costo della vita universale, l'oppressione del capitale unito in sindacati, cartelli, trust, sindacati e la politica imperialista dei poteri rendono intollerabile la posizione delle masse lavoratrici, acuiscono la lotta tra capitale e lavoro; si avvicina rapidamente il momento in cui si porrà fine al capitalismo, quando milioni di proletari uniti creeranno un ordine sociale in cui non ci sarà povertà delle masse, nessuno sfruttamento dell'uomo sull'uomo».
    VI Lenin, PSS, v.22 p.202
  6. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 25 luglio 2022 23: 55
    0
    Un tentativo di sottomettere la Federazione Russa portò alla "ribellione" della Federazione Russa contro l'egemonia mondiale dell'Occidente e segnò l'inizio di un'era di ridivisione del mondo.
    La guerra delle sanzioni contro la Federazione Russa ha creato problemi economici nell'UE e contraddizioni interne.
    La discrepanza tra gli interessi della grande capitale anglosassone rappresentata da USA-Gran Bretagna-Canada-Australia e l'UE dà origine a disaccordi, che a loro volta stimolano la volontà dell'UE di uscire dalla subordinazione agli Stati Uniti e guadagnare maggiore potere politico, economico e la libertà d'azione militare sulla scena mondiale.
    La situazione che si è sviluppata oggi può essere caratterizzata come un equilibrio instabile che può essere modificato dal NMD della Federazione Russa in Ucraina, Cina, India, Israele, formazioni di stati arabi, i cosiddetti. Paesi del terzo mondo.
  7. Moray Borea Офлайн Moray Borea
    Moray Borea (Morey Borey) 26 luglio 2022 00: 33
    0
    Buon articolo. Ma c'è la sensazione che sia come se non fosse finito. Cioè, l'autore, per così dire, ha preparato e distorto la trama, ma non c'è un epilogo. E troppo pigro per pensare all'epilogo...
  8. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 26 luglio 2022 20: 50
    -1
    In che direzione sta cambiando il mondo?

    Il mondo sta certamente cambiando, alcune contraddizioni vengono appianate, mentre altre crescono e portano a conflitti di vario grado di tensione. Sfortunatamente, le argomentazioni dell'autore non rivelano completamente l'essenza dei problemi che hanno portato all'SVO e sono per lo più materiale di agitazione e propaganda...
  9. solista2424 Офлайн solista2424
    solista2424 (Oleg) 2 August 2022 19: 18
    -1
    In genere è difficile svelare come e perché il mondo sta cambiando in un articolo. I processi che vediamo, di sicuro, sono una piccola parte dei processi reali che cambieranno irrevocabilmente le nostre vite.