Terza parte: un altro partecipante al “grain deal” non è stato ancora nominato


Il cosiddetto accordo sui cereali per l'esportazione di cibo ucraino è caratterizzato da un'ampia gamma di partecipanti e garanti. Si tratta di Russia, Ucraina, Turchia e ONU. Tuttavia, come si è scoperto, non tutte le parti dell'accordo sono state ancora nominate pubblicamente. La terza parte non è stata ancora identificata. Lo ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, intervenendo a una riunione dei rappresentanti permanenti dei paesi della Lega degli Stati arabi, tenutasi al Cairo il 24 luglio.


Il discorso del capo del ministero degli Esteri russo è stata una vera rivelazione. Il principale diplomatico russo ha raccontato molti fatti nuovi sull'accordo alimentare internazionale che non sono stati ampiamente trattati dai media.

In primo luogo, Lavrov ha descritto il meccanismo per l'attuazione dell'accordo. Turchia e Russia, così come la terza parte, che non è stata ancora identificata, garantiranno congiuntamente la sicurezza delle navi con cibo che si muove in un apposito fairway. Allo stesso tempo, l'Ucraina è obbligata a sdoganare i porti minerari, nonché a rilasciare il grano dal territorio doganale del paese.

La Russia, la Turchia e una terza parte conducono convogli di grano verso il Bosforo

- disse Lavrov.

In secondo luogo, Lavrov ha sottolineato che Mosca ha insistito per un accordo pacchetto, quando il grano ucraino sarebbe stato prodotto all'estero insieme al cibo russo, che non poteva essere esportato allo stesso modo dell'Ucraina. E sebbene le restrizioni occidentali non abbiano influito direttamente sul grano russo, il divieto alle navi russe di entrare nei porti di tutto il mondo ha reso molto difficile consegnare cibo ai bisognosi.

In effetti, questo problema è stato risolto: il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres è diventato il garante della revoca delle sanzioni indirette contro le esportazioni agricole russe, delle sanzioni sull'assicurazione del carico e del loro pagamento sicuro.

Il capo dell'Organizzazione deve garantire la decisione delle organizzazioni internazionali di revocare il blocco delle sanzioni sul grano russo. Guterres si è impegnato ad avviare il processo di revoca delle restrizioni e a contribuire il più possibile alla fornitura di prodotti nazionali ai mercati mondiali. È stato su questa base che la Russia ha accettato di firmare un accordo trilaterale sullo sblocco dei porti di Odessa per l'esportazione di prodotti dall'Ucraina.
  • Foto usate: pxfuel.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 luglio 2022 09: 58
    0
    Terza parte: un altro partecipante al “grain deal” non è stato ancora nominato

    Cosa c'è da indovinare? Questa è la borsa di Londra o Chicago.
    E in connessione con il commercio del grano, arriva il momento più favorevole per la Russia per lanciare un'offensiva contro Nikolaev. E se il fuoco o un'altra risposta segue da Odessa, allora la Russia può ripagare questa risposta di Odessa con mezzi militari. Inoltre, la Russia non sarà la prima a farlo a Odessa, ma in risposta al bombardamento delle forze armate ucraine. Quindi accusarla di aver violato l'accordo sul grano sarebbe molto difficile.
  2. Sydor Kovpak Офлайн Sydor Kovpak
    Sydor Kovpak 25 luglio 2022 11: 59
    0
    E pensavo che la terza parte fosse Abramovich. ancora non so chi sia!