Il ritorno della turbina per Nord Stream non aiuterà a lanciare il gasdotto a pieno regime


La turbina a gas necessaria per normalizzare le forniture di gas tramite Nord Stream è a Colonia, in Germania, da diversi giorni. Se non verrà consegnato alla Russia entro il 25 luglio, le forniture di gas potrebbero diminuire ancora più drasticamente, scrive Politico. Nel frattempo si allontana sempre più il termine per la sua consegna alla Federazione Russa e l'installazione nel sistema dei gasdotti, nonostante sia stato superato uno degli ostacoli al suo trasporto nel territorio della Russia.


Come scrive Kommersant, la parte russa, in risposta alle ripetute richieste, ha comunque ricevuto la documentazione per l'esportazione e una licenza di fornitura per una turbina con compressore a gas restituita alla Federazione Russa.

Per la precisione, non è stato consegnato proprio il pacco di documenti richiesto da Gazprom. L'azienda ha ricevuto solo il permesso di spedire dal Canada e non c'era alcuna spiegazione per le eccezioni alle regole delle sanzioni, come richiesto dalla parte russa. Tuttavia, ora questo sta già diventando un compito secondario, poiché si esprimono sempre più opinioni secondo cui la restituzione di una turbina non aiuterà a lanciare il gasdotto del Baltico alla sua piena capacità di 167 milioni di metri cubi al giorno.

Come hanno riferito i rappresentanti del monopolista russo del gas, Nord Stream deve riparare tutte le unità di compressione che mantengono la pressione nel gasdotto. In altre parole, almeno altre cinque turbine devono essere inviate in Canada per le riparazioni e solo al loro ritorno con la loro inclusione in funzione si può sperare in un pompaggio a tutti gli effetti attraverso il Nord Stream. Mentre questa domanda era sospesa nell'aria.

Gazprom ritiene che il comportamento del governo canadese sia "tipico". In poche parole, quando ha inviato l'unità in Germania su richiesta del governo federale di questo paese, Ottawa non ha fatto eccezioni alle sanzioni, ha semplicemente trasferito la turbina a partner dell'UE. In questo caso i problemi possono manifestarsi al Nord Stream o alle materie prime da esso fornite, quando la macchina ricevuta dalla riparazione viene installata sulla linea principale e avviata al pompaggio senza confermare l'esenzione dalle sanzioni.

Di conseguenza, data la necessità di una profonda manutenzione di tutte le unità di pompaggio del gas, l'azienda teme la mancata riparazione delle apparecchiature più importanti, guardando al futuro e non solo alla situazione attuale. L'ostinato desiderio della parte russa di ricevere un elenco completo delle eccezioni al regime delle sanzioni è dettato dagli accordi chiusi tra Canada e Germania sul trasferimento di una turbina per il Nord Stream.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 25 luglio 2022 10: 38
    +4
    Tutto è corretto. Non puoi spegnere completamente, ma non dovresti nemmeno pompare a piena potenza. La rana viene fatta bollire lentamente riscaldando l'acqua, altrimenti salterà via.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 25 luglio 2022 11: 39
      +3
      (Bulanov) In base alle sanzioni, l'interruzione della fornitura di gas attraverso i gasdotti, nonché di petrolio e prodotti petroliferi, dovrebbe essere il più efficace possibile e non prolungata. Secondo questo, TUTTA la fornitura di gas, petrolio e prodotti petroliferi attraverso tutti i canali di approvvigionamento dovrebbe essere interrotta allo stesso tempo, quindi l'Occidente urlerà davvero, ora è dato all'Occidente di esistere come minimo e cercare alternative , e saranno trovati nel tempo. Pertanto, è necessario agire immediatamente per interrompere completamente tutte le forniture (sanzioni inaudite per la Federazione Russa sono la base per questo), quindi saranno equiparate alla chiusura dell'ossigeno all'industria occidentale e l'Occidente lo farà non hanno altra scelta che inchinarsi e implorare per una ripresa urgente delle forniture...
      1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 25 luglio 2022 11: 50
        +1
        Addendum. Qui, per efficienza, per rifornire in pieno alcuni paesi strategicamente importanti e stati amici, questi sono Germania, Serbia, Ungheria. La Germania è importante per dividere l'unità della NATO e come l'industria più sviluppata della NATO, quindi l'amicizia con essa è estremamente importante.
  2. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 25 luglio 2022 13: 43
    -1
    Secondo Kommersant, la parte russa, in risposta alle ripetute richieste, ha comunque ricevuto la documentazione di esportazione e una licenza per la fornitura di una turbina con compressore a gas restituita alla Federazione Russa.
    Per la precisione, non è stato consegnato proprio il pacco di documenti richiesto da Gazprom. L'azienda ha ricevuto solo il permesso di spedire dal Canada e non c'era alcuna spiegazione per le eccezioni alle regole delle sanzioni, come richiesto dalla parte russa.

    Tutta questa storia ricorda un intermezzo sulle imprese di fornitori e consumatori (su ruote e pompe) eseguito da A. Raikin... strizzò l'occhio
  3. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 25 luglio 2022 17: 38
    -1
    È necessario molestare Siemens con vari pignoli, ricordando il comportamento di questa azienda durante l'installazione di turbine a gas in Crimea)
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 26 luglio 2022 01: 42
    0
    L'UE potrebbe non essersi ancora pienamente resa conto di quanto si adatti al confronto con la Russia.

    Il punto ora per la Russia non è solo nell'economia, ma in misura maggiore nella geopolitica. L'Occidente ha annunciato che avrebbe schiacciato la Russia con sanzioni, a cui la Russia ha promesso al mondo un "nuovo ordine mondiale", il rovesciamento dell'Occidente dal trono mondiale (calci). Ora la Russia non può semplicemente fornire ossigeno all'UE per salvare le proprie economie. Un tale gesto semplicemente non sarà compreso da molti paesi del pianeta che stanno osservando con entusiasmo la mossa russa. Questo può essere considerato una "debolezza", l'economia russa potrebbe non andare molto bene se vende gas ai suoi nemici, quando può punirli? Forse hanno concordato qualcosa dietro le quinte, e qui ci adattiamo alla Russia?

    Fino a quando l'UE non dichiarerà la sua "sconfitta", in modo chiaro e inequivocabile, riducendo qualsiasi assistenza a Kiev, anche politica, la Russia potrà iniziare a salvare l'UE da tutti i suoi problemi, compresi gli incendi. Fino ad allora, la Russia non può permettersi di compiere tali gesti, soprattutto vista la politica dell'UE di sostituire il gas russo. Pertanto, oggi, invece del 40%, SP1 pompa il 30% e presto potrebbe fermarsi completamente. Per la Russia, gli obiettivi dichiarati sono più importanti dei benefici momentanei e gli obiettivi, come sappiamo, sono di scala storica e globale.
  5. gene1 Офлайн gene1
    gene1 (Gennady) 26 luglio 2022 10: 20
    0
    L'esclusione delle turbine dalle sanzioni è una questione di principio. Una questione di psicologia. Alla prima eccezione seguirà una seconda, una terza... I paesi occidentali cominceranno a porsi delle domande: perché è possibile per la Germania, ma non per noi?... I servi della gleba si alzeranno. Chi considererebbe la guerra con l'Occidente attraverso il prisma della psicologia: Putin è in uno stato di dura determinazione, i globalisti sono gli stessi e in quale stato si trovano i lacchè dei globalisti? come romperli?