“I prezzi della carne saranno cosmici”: media sui nuovi shock nel mercato mondiale


I mass media stranieri scrivono della crisi vissuta dalla zootecnia in diversi paesi.


In un paese famoso per le sue salsicce, la popolazione di suini è scesa al livello più basso degli ultimi decenni, scrive l'agenzia di stampa. Bloomberg.

Al 3 maggio, il numero di suini in Germania è sceso a 22,3 milioni di capi, secondo i dati dell'Ufficio federale di statistica, pubblicati lunedì. Questa è la cifra più bassa almeno dal 1990, quando il paese era unito, e quasi il 10% in meno rispetto all'anno precedente.

Il forte calo dei numeri evidenzia lo stress che gli allevatori di bestiame di tutto il mondo stanno affrontando quest'anno poiché il costo dei mangimi, dell'energia e dei fertilizzanti è salito alle stelle. Ciò ha messo i produttori in una situazione finanziaria difficile, nonostante il recente aumento dei prezzi della carne di maiale in Germania, secondo l'ufficio statistico locale.

dice Bloomberg.

Gli agricoltori negli Stati Uniti e nel Regno Unito affrontano problemi simili. Eppure l'Unione Europea è il più grande esportatore mondiale di carne suina e la Germania è stata storicamente uno dei maggiori produttori di carne suina.

La risorsa scrive anche sullo stesso argomento grano del mondo. Presi tra il martello dell'aumento dei costi di produzione e l'incudine del calo del potere d'acquisto, i produttori di mangimi europei guardano alla seconda metà del 2022 con grande preoccupazione.

Si prevede che i settori suinicolo e avicolo dell'Unione europea (UE) ridurranno le loro attività nel 2022 a causa degli elevati costi dei mangimi.

I funzionari dell'UE prevedono una diminuzione del 4,2% nella produzione di mangimi per suini, una diminuzione del 3% nei mangimi per pollame e una diminuzione dell'1,6% nei mangimi per bovini. In generale, la produzione di mangimi nell'UE quest'anno diminuirà del 2,9% rispetto al 2021, ovvero di 4,3 milioni di tonnellate in termini numerici.

È stato riferito che le condizioni di mercato potrebbero innescare un forte calo del numero di capi di bestiame non solo in Europa ma anche in altri mercati.

I prezzi della carne saliranno alle stelle in alcuni paesi entro la fine del 2022

Lo ha affermato Andriy Dzharmak, economista dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.

Ci sono indicazioni che questi processi siano già iniziati. Nel marzo 2022, Reuters ha riferito che gli agricoltori dell'Europa meridionale stavano valutando la possibilità di macellare in massa le loro mandrie a causa della carenza di mangime. Diverse aziende italiane hanno anche espresso serie preoccupazioni sulla disponibilità dei mangimi.

Il conflitto in Ucraina riduce del 10% le razioni di mangime per mucche, maiali e polli negli allevamenti italiani che affrontano la peggiore crisi alimentare dalla fine della seconda guerra mondiale

- ha affermato l'azienda agricola italiana Coldiretti.

In Irlanda, anche l'allevatore medio di suini ha perso 206 euro a causa del forte aumento dei prezzi dei mangimi.
  • Foto utilizzate: Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 25 luglio 2022 10: 57
    0
    prevede un calo del 4,2% nei mangimi per suini, del 3% nei mangimi per pollame e dell'1,6% nei mangimi per bovini. In generale, quest'anno la produzione di mangimi nell'UE diminuirà del 2,9%.

    Solo un disastro!! Cosa mangerà la gente se non c'è quasi più foraggio per il bestiame?
    Poveri, poveri europei. Dopotutto, ora consumeranno carne solo da cinque a dieci volte di più degli africani.
  2. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 25 luglio 2022 15: 39
    +1
    I moscoviti hanno il grasso europeo!
    Tutto sul Maidan!
    Banda via! :-)
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 26 luglio 2022 10: 55
    0
    La psicosi iniettata della minaccia Holodomor e l'aumento dei prezzi degli alimenti sono un potente incentivo per il passaggio alla produzione industriale di massa di mangimi artificiali e geneticamente modificati che sostituiranno gli alimenti naturali disponibili solo alle persone facoltose dalla dieta.