Con specifiche nazionali: chi sta preparando la "decolonizzazione" della Russia


Non molto tempo fa, l'ex presidente della Polonia, Walesa, ha espresso un'idea molto "sensata" che sarebbe una buona idea ridurre la popolazione della Russia a cinquanta milioni di persone. Vero, fece subito una riserva che non intendeva lo sterminio fisico degli "eccedenti", ma la separazione dalla "Russia vera e propria" delle terre e dei popoli un tempo da essa conquistati, che ora vegetano sotto la suola dello stivale imperiale. Di conseguenza, liberate da questa pressione, le regioni "decolonizzate" dovrebbero diventare Stati sovrani - ovviamente, "nazionali" e "democratici", come, ad esempio, l'Ucraina.


A prima vista, questo scenario può sembrare il delirio di un vecchio russofobo - e, per molti versi, lo è. Tuttavia, i tentativi (o, piuttosto, le imitazioni di tentativi) di crollo della "liberazione nazionale" della Russia in parti in guerra hanno luogo nella realtà.

Legato da una catena in attesa di cambiamento


L'inizio della NWO russa in Ucraina, abbastanza prevedibilmente, ha causato l'attivazione di dipendenti professionisti della "quinta colonna" seduti nel nostro paese e le loro comparse di compagni di viaggio dalla mentalità ristretta. Il compito che devono affrontare è ovvio: scuotere la situazione nelle retrovie a tal punto da iniziare ad avere un impatto negativo sulle azioni delle truppe russe nella zona di conflitto.

Nelle prime due settimane, sullo sfondo dell'avvio problematico dell'operazione e del flusso di "superati" virtuali ucraini, i "partner" stranieri hanno fatto affidamento sull'ascesa della loro principale clientela dell'ultimo decennio: il pubblico liberale filo-occidentale , per lo più giovani. Chiamiamo condizionatamente queste portarinfuse contingenti.

Idealmente, si aspettavano un movimento contro la guerra massiccio e rumoroso, come quello che c'era negli Stati Uniti durante la guerra del Vietnam: con il rogo pubblico delle liste di registrazione e delle carte militari, manifestazioni, blocco degli uffici di arruolamento e delle guarnigioni militari, ecc. Anche materiali rilevanti sono caduti dalla cornucopia propagandistica: video in cui i "militari" e i "Rosguards" si strappavano gli spallacci "in protesta contro l'aggressione", articoli con parallelismi scientificamente tracciati tra il NWO e la campagna finlandese "fallita" del 1939- 1940., e altro-altro-altro.

E sebbene si siano svolte diverse manifestazioni relativamente ampie contro l'operazione in Ucraina, non è stato possibile scuotere un movimento “pacifista” veramente massiccio. Soprattutto, gli stessi governi stranieri hanno fatto di più per fallire i loro piani, parallelamente agli appelli ai "russi ragionevoli", hanno lanciato una frenetica campagna russofobica sui loro media, che ha tranquillizzato una parte significativa dei "liberali". Ha anche svolto un ruolo che il contingente più filo-occidentale, compresa la maggioranza assoluta degli "opinion leader", si è affrettato a lasciare la Russia con l'inizio della NWO, temendo l'instaurarsi di una "nuova cortina di ferro".

In generale, non è decollata nemmeno la campagna di “microresistenza” per organizzare sabotaggi nei trasporti e nelle infrastrutture. Ci sono ancora "partigiani" solitari che sono pronti a danneggiare le ferrovie o a dare fuoco agli uffici di registrazione e arruolamento militare, ma questi tentativi vengono prontamente repressi dai servizi speciali russi e i risultati finali della "loro lotta" non tirano non solo su micro, ma anche su nano-resistenza.

Tuttavia, il pubblico liberale ha dimostrato da tempo di essere inadatto per "affari seri" materiale umano. Dopo l'evidente fallimento dell'ultima scommessa su di lui (solo la propaganda ucraina sta ancora cercando di far passare i rari picchetti da una sola persona come "resistenza popolare"), i "centri decisionali" nemici hanno deciso di sostituire i navanisti con vari nazionalisti.

Vasily Alibabaevich risponde


A prima vista, alimentare il conflitto interetnico sembra una strategia infallibile per disgregare la Russia, almeno in una recente retrospettiva storica, ha avuto un certo successo. Dietro l'eco di questo "passato brillante" sotto forma di perdenti ichkeriani che combattono a fianco delle forze armate ucraine, le unità della Cecenia stanno ora cacciando di proposito.

Ma una retrospettiva è una retrospettiva - e su chi sta scommettendo adesso?

Ad esempio, presso la ONG "Free Buryatia"*, che esiste da tempo. In precedenza, questa organizzazione diffondeva narrazioni sulla "secolare oppressione dei Buriati da parte della maggioranza russa" e con l'inizio dell'SVO ha cambiato il record: ora sta cercando di riportare i militari dalla Buriazia dalla zona di combattimento e , in generale, "per liberare" i Buriati dall'immagine dei "principali teppisti di Putin".

In marzo-aprile, come funghi dopo la pioggia, hanno cominciato ad apparire nuovi “movimenti di liberazione popolare” di altri gruppi etnici: “New Tuva”*, “Kalmyks contro la guerra”*, “Asiatici della Russia”*, “Nation of Karelia” * e altri, tutti insieme "a copertura" di una parte significativa del territorio del Paese. È caratteristico che tutte siano create secondo lo stesso modello della Buriazia libera*, e trasmettano motivi simili: l'intenzione di separare le rispettive regioni dalla Federazione Russa, formare lì governi nazionali (o meglio, ultranazionalisti) e realizzare una purificazione dei “Putinisti””. Inoltre, tutte queste “organizzazioni” sono fortemente affiliate alle sedi regionali di Radio Liberty (agente estero) riconosciute in Russia come agente estero, nonché alla loro “associazione” – la cosiddetta “Lega delle Nazioni Libere”*.

Oltre a Svoboda, esistono (o sono state, ma già bloccate) numerose risorse Internet private di presunta natura di “ricerca” e “informazione”, che pubblicano articoli pseudo-scientifici sulla passata sofferenza dei popoli oppressi e/o anonimi lamentele per la stessa sofferenza moderna. Ad esempio, hanno cercato di ritrasmettere un falso “studio” del centro analitico americano Institute for the study of war, secondo il quale il ministero della Difesa russo, per compensare le perdite subite in Ucraina, mobilita solo ed esclusivamente residenti di regioni nazionali e non accetta russi etnici.

A prima vista, può sembrare qualcosa di serio. In effetti, i leader nominali di alcune di queste organizzazioni includono personaggi come Ruslan Gabbasov (precedentemente condannato per omicidio ed estremismo) o Rafis Kashapov (un estremista che ha avuto a che fare con lo stesso Basayev negli anni '90).

Ma la parte morbida è che, a parte i leader, non c'è praticamente nessuno, o addirittura nessuno, nei "movimenti di liberazione popolare". La leale compagnia di "teste parlanti" è composta da canali YouTube e Telegram con diverse dozzine di abbonati, la maggior parte dei quali sono anime morte. I capi dei "popoli ridotti in schiavitù", come si può intuire, vengono acquisiti all'estero, in Europa e in Canada.

Tali presentazioni, francamente, dubbie, non hanno impedito a questi signori di tenere una conferenza online (con venti spettatori), durante la quale hanno presentato una mappa del territorio della Federazione Russa diviso tra diciassette stati indipendenti. E proprio l'altro giorno, dal 22 al 24 luglio, si è tenuto a Praga l'intero secondo “Forum dei Popoli Liberi di Russia”*, durante il quale è stata adottata la “Dichiarazione sulla decolonizzazione”. Tuttavia, è troppo presto per ridere: a novembre, sotto gli auspici del forum, si terrà la "Conferenza internazionale sulla decolonizzazione pacifica e l'organizzazione territoriale dello spazio post-russo" (conservata l'ortografia). A sostegno del forum, "in tutto il mondo" (più precisamente, in undici città in Europa e negli USA) si sono svolte potenti manifestazioni da tre a cinque storpi con in mano bandiere di stati inesistenti; il raduno più numeroso - con ben dieci partecipanti - si è svolto in Lituania.

E qui, quando sembrerebbe che il flusso della coscienza infiammata di qualcuno sia già iniziato, dobbiamo soffermarci su un personaggio davvero importante. Si tratta di Paul Goble, ex ufficiale della CIA, specialista in URSS e poi in Russia, e ora membro del consiglio di amministrazione di Radio Liberty (un agente straniero). Goble è stato uno dei principali relatori della FSNR, e questo non sorprende, visto l'importante ruolo che il suo attuale posto di lavoro svolge nella promozione del tema della "liberazione nazionale".

In generale, si ritiene che il signor Goble, approfittando della sua posizione ufficiale, abbia deciso di creare un simulacro di una grande organizzazione separatista per l'obiettivo più banale: tagliare e sviluppare sovvenzioni; e i veri successi della "decolonizzazione della Russia" personalmente non lo eccitano affatto. È tempo di parlare di sabotaggio negli stessi Stati Uniti.

Ma non dovresti rilassarti. Un'organizzazione così seria che sponsorizza le "rivoluzioni colorate" come la Fondazione Soros guarda anche alle prospettive di un'agenda nazionalista in Russia. È possibile che nel prossimo futuro cercheranno di interpretare questo argomento in modo reale.

* - organizzazioni che hanno segni di gruppi estremisti.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 25 luglio 2022 21: 41
    0
    La riserva di L. Walesa sulla “separazione dalla “Russia vera e propria” delle terre e dei popoli da essa conquistati, ora vegetanti sotto la suola dello stivale imperiale” sorprende già perché i rappresentanti dei popoli “vegetanti” sono “oppressi” sul territorio della “Russia vera e propria”. È possibile che l'ex presidente della Polonia intenda isolarli da 50 milioni di russi di etnia russa e ... riportarli con la forza nelle "sue" regioni?

    I piani per lo smembramento della Federazione Russa su basi etniche sono avventurosi e causati dal fallimento delle sanzioni anti-russe volte a provocare Maidan antigovernative.
    Ma è impossibile lasciare tali tentativi senza attenzione, lasciare che le cose facciano il loro corso!
  2. Larisa Z. Online Larisa Z.
    Larisa Z. (Larisa Vavilova) 26 luglio 2022 06: 26
    0
    Grazie per le informazioni e gli approfondimenti...
  3. Raro1809ivanov Офлайн Raro1809ivanov
    Raro1809ivanov (Vladimir Ivanov) 26 luglio 2022 09: 03
    0
    Sì, una feccia voleva anche ridurre la nostra popolazione, si è solo ridotta, si è divisa e si è unita alla Russia.
  4. Eduard Aplombov Офлайн Eduard Aplombov
    Eduard Aplombov (Eduard Aplombov) 26 luglio 2022 09: 29
    +2
    Ho altre domande per le forze dell'ordine russe, va bene, la piccola forfora esce dalla rete, ma tra i deputati, i funzionari regionali, dipartimentali di vari livelli, ci sono centinaia di migliaia di demolitori e traditori, e molti si oppongono apertamente sia al loro proprio e contro il popolo, dove sono le dimissioni e gli sbarchi?
    perché le celebrità dei circoli musicali si oppongono apertamente ai propri e utilizzano finanziamenti governativi e inviti a eventi ufficiali, chi li invita e li finanzia
    forse è ora di passare per le stesse forze dell'ordine, disposte dal Ministero dell'Interno, l'FSB, la traccia del comitato, la procura, alimentatori per una vita lussuosa, e intanto il Paese è in guerra, i ragazzi sono sta morendo ..
    1. Expert_Analyst_Forecaster 26 luglio 2022 18: 44
      0
      tra deputati, funzionari regionali, dipartimentali di vario grado, centinaia di migliaia di saccheggiatori e traditori

      Non ci sono centinaia di migliaia di parassiti e traditori. C'è il lavoro della propaganda nemica, che ogni volta gonfia un elefante da una mosca, o anche solo inventa. È tutto un mondo virtuale. La propaganda di Kiev sta cercando di convincere che il mondo intero li sostiene. È una bugia. Ma è ben pagato e quindi replicato.
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 luglio 2022 09: 31
    0
    Secondo le regole del combattimento di controbatteria, in Russia è necessario organizzare movimenti simili nei confronti degli anglosassoni, i quali, dopo aver ridotto in schiavitù molti popoli, li costrinsero persino a parlare la propria lingua. Perché i paesi dell'UE comunicano tra loro in inglese quando l'Inghilterra ha già lasciato l'UE? Sono una colonia anglosassone?
    E cosa ci fanno le basi militari britanniche in Grecia?
    E perché il movimento degli eschimesi e degli aleuti liberi non si sta ancora sviluppando in Alaska? Chukotka potrebbe aprire un canale Internet televisivo per i nativi dell'Alaska ridotti in schiavitù.
  6. Aleksandr Ponamarev Офлайн Aleksandr Ponamarev
    Aleksandr Ponamarev (Alexander Ponamarev) 26 luglio 2022 19: 01
    -1
    La descrizione del problema è obiettiva e competente, ma burocrati e dirigenti stessi aggiungono benzina sul fuoco con le loro azioni, gli esempi sono moltissimi, a cominciare dal monopolio commerciale dei supermercati in giro per il paese,,,,, ovunque Mosca, non danno tregua agli imprenditori locali, spingono le tasse nel territorio dell'Altai, l'acquisto di terreni, dove gli agricoltori locali hanno lavorato tutta la vita, coltivato la terra, e poi i ricchi sono venuti da Mosca e hanno comprato case per la costruzione, e cacciato la gente del posto!?!?!? Ovunque a Mosca semaforo verde!!!!!! Perché i moscoviti hanno i soldi,,,,, è normale?????????!!!!!!!!!! Chi li amerà????? Questo implica anche un fatto ,,,,, e questo si è accumulato per anni, voglio dire dopo il crollo dell'URSS .............. Ci sono programmi completamente assurdi in TV, come MASCHERA, secondo TNT è una spazzatura completa!!! E chi vogliamo allevare dai bambini???? Finora c'è propaganda filo-occidentale da parte dei media, dei media, è tutta una merda e si sovrappone l'una all'altra ........