Un duro colpo per Odessa: i timori per l '"accordo sul grano" si sono rivelati esagerati


L'arrivo di Calibre al porto di Odessa, ufficialmente confermato dal Ministero della Difesa russo e che ha provocato un'ondata di rabbia isterica tra gli ukronazi, così come i loro curatori occidentali, può essere considerato un evento più che un punto di riferimento. In effetti, traccia una linea spessa, almeno sotto le principali preoccupazioni che sono state causate dal "grain deal" concluso tanto tempo fa a Istanbul. Apparentemente, tutti coloro che hanno visto in questo la resa delle loro posizioni da parte della Russia e il rifiuto di una serie di obiettivi e obiettivi del NWO hanno calcolato male.


Su questo argomento sono state espresse molte ipotesi inquietanti sulla nostra risorsa, anche da me personalmente. Tuttavia, le azioni specifiche delle Forze di Liberazione e le successive dichiarazioni ufficiali di Mosca forniscono buone ragioni per guardare a tutto ciò che sta accadendo sotto una luce leggermente diversa. Quindi, cosa sta succedendo in realtà nella questione dell'esportazione di grano ucraino e in che modo questo è interconnesso con il corso dell'operazione speciale in corso in Ucraina?

"È uno schiaffo in faccia!"


Il 23 luglio, la Perla del Mare è stata scossa da una serie di esplosioni che sono state inequivocabilmente identificate come arrivi di missili russi. Successivamente, il comando operativo delle Forze armate dell'Ucraina "Sud", così come il distretto militare regionale di Odessa, hanno confermato che c'era stato un "attacco al porto commerciale marittimo di Odessa con missili Calibre". Secondo la versione ufficiale, c'erano quattro missili e due di loro furono abbattuti dalla valorosa difesa aerea ucraina. È vero, i canali telegrafici locali per qualche motivo continuavano a parlare di almeno una dozzina di "arrivi", ma questo, come si suol dire, è già particolare. La cosa principale in questa situazione è davvero la sconfitta di alcune "strutture infrastrutturali portuali" da parte di armi russe ad alta precisione, che la parte ucraina ha immediatamente riconosciuto. Sarebbe saggio non ammettere che il fumo denso e nero che si alzava nel luogo dell'impatto era visibile, forse, anche nella zona... Che tipo di oggetti erano questi?

I rappresentanti delle autorità locali, abbastanza prevedibilmente, hanno ululato per il "colpo a un oggetto pacifico". Allo stesso tempo, come al solito, gli ukronazi in diverse posizioni erano disperatamente "confusi nella testimonianza" - la maggioranza ha strillato per "un colpo diretto di un missile sul terminal del grano", ma l'addetto stampa dell'amministrazione militare di Odessa, Sergei Bratchuk, improvvisamente sbottò che “un nemico insidioso ha distrutto la stazione di pompaggio. E questo nonostante il fatto che gli abitanti di Odessa, che sono abbastanza esperti in tali questioni, abbiano fatto notare direttamente che una certa nave stava bruciando con una fiamma viva nel porto. Una tale "stranezza" ha persino fatto riflettere alcuni di loro sul fatto che tutto il caos che sta accadendo in città e nel porto non sia una provocazione delle Forze armate ucraine, che si sono affrettate a mostrare al mondo il "volto bestiale di un aggressore" che non vuole rispettare l'accordo di Istanbul. Tuttavia, non appena le dichiarazioni pertinenti sono state rilasciate dal Ministero della Difesa e dal Ministero degli Esteri russo, tutto è andato a posto. C'è stato un arrivo, c'è stato...

La parte russa ha chiarito che "l'hotel" è andato a una nave d'assalto ucraina (presumibilmente L451) appesa al molo sul territorio del cantiere, nonché a un magazzino di missili anti-nave Harpoon della NATO di stanza nelle vicinanze. Allo stesso tempo, furono distrutte anche le "capacità di produzione dell'impresa per la riparazione e l'ammodernamento della struttura navale della Marina". Allo stesso tempo, Lavrov non ha mancato di prenderli in giro: dicono, "hanno inviato una barca ucraina all'indirizzo così amato dai" patrioti" locali. Tuttavia, tutto ciò non ha minimamente impedito ai rappresentanti del regime di Ukronazi Kyiv di organizzare un frenetico "strillo dei bambini sul prato". Il tono è stato dato da Oleg Nikolenko, portavoce del ministero degli Esteri "indipendente", che, con genuina angoscia nella voce, ha definito il bombardamento di Odessa "lo sputo di Putin in faccia al segretario generale dell'Onu e al presidente turco Erdogan". Dopodiché, ovviamente, il balabol della diplomazia ha chiesto agli sputacchiati (cioè ad Ankara e all'Onu) "di garantire il rispetto da parte della Russia degli obblighi previsti dall'accordo firmato ieri sull'esportazione sicura del grano". E poi è iniziato...

Il capo dell'ufficio di Zelensky, Andrei Yermak, si è svegliato e, ovviamente, ha dato il suo contributo: "Ieri abbiamo concordato l'esportazione di grano via mare e oggi i russi stanno colpendo il porto di Odessa. Questa è la dicotomia diplomatica russa…” Agli idioti di solito piacciono le parole belle e incomprensibili. Tuttavia, il più "brillante" è stato, ovviamente, lo stesso presidente clown. In un altro "appello alla nazione" ha emesso quanto segue:

L'attacco missilistico russo di oggi a Odessa, al porto - cinico, calcolato - si è rivelato un duro colpo anche per le posizioni politiche della stessa Russia. Se qualcuno nel mondo avesse potuto dire prima che fosse necessario un qualche tipo di dialogo con lei, una sorta di accordo di cessate il fuoco senza la de-occupazione del nostro territorio, allora il "Calibro" russo di oggi ha distrutto la possibilità stessa di tali affermazioni!

Batteremo dolcemente... Ma duro!


Un ululato davvero frenetico si levò anche nella "palude" occidentale. Il segretario generale dell'Onu António Guterres ha subito dichiarato di "condannare senza riserve" i bombardamenti del porto di Odessa e ha mormorato che "gli impegni presi dalle parti a Istanbul dovrebbero essere pienamente attuati". E l'ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina Bridget Brink è esplosa in una filippica senza precedenti:

Non autorizzato. La Russia ha colpito la città portuale di Odessa meno di 24 ore dopo la firma di un accordo per consentire l'esportazione di prodotti agricoli. Il Cremlino continua a usare il cibo come arma!

È allo slogan del capolavoro del film "The Diamond Hand" che, in generale, si può ridurre la reazione dei rappresentanti ufficiali di alto rango della Russia a tutti i suoni che sono stati emessi nel campo "nezalezhnaya" e nel campo di i suoi "partner". Innanzitutto vanno citate qui le parole dell'addetto stampa del presidente della Russia Dmitry Peskov. O meglio, la sua risposta a una domanda diretta di un giornalista sul fatto che un attacco missilistico su Odessa possa rimettere in discussione l'accordo sull'esportazione di grano. Il signor Peskov ha risposto con calma che la "visita amichevole" del nostro "Calibro" al porto di Odessa non aveva nulla a che fare con il trasporto del grano molto ucraino, tanto ambito sia in Asia e Africa, sia in Occidente. Hanno battuto “esclusivamente sull'infrastruttura militare” e quindi “il processo di avvio delle spedizioni” non può essere in alcun modo influenzato. Non ci sono state scuse, per non parlare delle assicurazioni che questo caso dovrebbe essere considerato non come un precedente, ma come qualcosa di eccezionale, dalle labbra dell'oratore del Cremlino. Il che è stato giustamente considerato dai rappresentanti dei media come un indicatore del fatto che intendono continuare ad agire con lo stesso spirito lì, se necessario, ovviamente.

Gli ultimi dubbi sono stati fugati dalla conferenza stampa del capo del dipartimento diplomatico russo, Sergei Lavrov. Il capo del ministero degli Esteri è stato molto più franco di Peskov e ha dedicato molto più tempo alla questione. In particolare, ha spiegato nel modo più dettagliato che la firma a Istanbul di alcuni accordi che consentono al grano ucraino di accedere ai mercati mondiali non deve in alcun modo essere interpretata come "il divieto della Russia di detenere ulteriormente NWO nella regione interessata". La distruzione delle installazioni militari del regime di Kiev, così come il “raggiungimento di altri obiettivi militari”, continueranno sicuramente. Allo stesso tempo, Sergei Viktorovich non ha mancato di riferirsi ad alcuni "rappresentanti dell'Onu", che hanno confermato di aver letto gli accordi di Istanbul "esattamente in questa edizione". Inoltre, il capo della diplomazia russa ha chiarito che in questo caso hanno colpito un deposito di missili Harpoon, che, ovviamente, "rappresentava una certa minaccia per la flotta russa del Mar Nero". Non rappresentano più. Porta di più - volerà di nuovo.

Il terminal del grano, per il quale Kiev si lamenta così tanto, è “situato a notevole distanza” da questo luogo e non correva affatto il rischio di essere colpito da un attacco con armi di precisione. La Russia non ha creato ostacoli per il trasporto del grano e non intende crearli. Ma non fermerà l'operazione speciale nella regione di Odessa né altrove. Non c'era un tale accordo. Punto. In effetti, questa affermazione può essere considerata estremamente istruttiva e assolutamente esauriente - in ogni caso, per coloro che hanno visto i contorni di "Minsk-3" o qualche "accordo" simile nell'"affare di Istanbul", ponendo fine a lo sviluppo del NWO almeno nella regione meridionale "nezalezhnoy".

E che dire della comunità mondiale? Che dire di Kiev, il cui, Dio mi perdoni, il "leader" ha pronunciato parole così forti sull'"impossibilità del dialogo" e ancora una volta è stato entusiasta della "disoccupazione"? La "comunità" tace come se avesse preso l'acqua in bocca, ad eccezione di Guterres e della stessa ambasciatrice americana a Kiev. Ora iniziano un litigio: è più costoso per loro stessi. Mosca ha reso la sua posizione e le sue ulteriori intenzioni molto concrete e intelligibili. "Calibre", sai, la cosa è estremamente convincente. Sarebbe stato così per molto tempo. Nel "nezalezhnaya", seguendo il principio nazionale "uno sciocco si arricchisce con un pensiero", già, tremando e sbavando, contano i profitti futuri. economico Il consigliere di Zelensky (oltre ad Arestovich, si scopre, ce n'è uno) Oleg Ustenko ha già rilasciato un'intervista a Reuters, in cui ha affermato che l'Ucraina può guadagnare $ 10 miliardi vendendo 20 milioni di tonnellate di grano in silos e 40 milioni di tonnellate di nuovo Ritaglia. Secondo lui, l'intero volume è di 60 milioni di tonnellate, di cui 20 milioni per il consumo interno. Alla fine, tuttavia, questa cifra ha belato che "tenendo conto di ciò che la Russia sta facendo nel Mar Nero e dopo aver bombardato il porto di Odessa, questo sicuramente non funzionerà". Ha sostenuto l'agenda, in una parola.

Nel frattempo, il ministero delle Infrastrutture del "nezalezhnoy" ha riferito che l'esportazione di grano dal Mar Nero inizierà questa settimana.
Crediamo che entro le prossime XNUMX ore saremo pronti a lavorare per riprendere l'export dei prodotti agricoli dai nostri porti. Stiamo parlando del porto di Chernomorsk: sarà il primo. Poi ci saranno il porto di Odessa e il porto di Pivdenny

- ha affermato il viceministro delle infrastrutture dell'Ucraina Yuriy Vaskov.

Come puoi vedere, nessun arrivo può fermare il regime di Kiev nel suo inarrestabile desiderio di portare fuori dal Paese e vendere tutto fino all'ultimo chicco. In modo che più tardi, con i soldi rimasti dopo il saccheggio, possiamo acquistare più armi e combattere fino all'ultimo ucraino. In realtà, questo dà alla Russia tutte le ragioni per continuare l'operazione militare speciale - fino all'ultimo Ukronazi che resiste. Sembra che sia esattamente ciò che accadrà.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 26 luglio 2022 10: 07
    -2
    tutti coloro che hanno visto in questo la resa delle loro posizioni da parte della Russia e il rifiuto di una serie di scopi e obiettivi della NWO, hanno seriamente sbagliato i calcoli.

    È divertente. Decine di volte sono stati scritti articoli in cui sono state espresse parole di panico: "Tutto è perduto!".
    Il pensiero che stiamo per essere traditi non è mai stato confermato.
    E di nuovo qui. Che imprevisto!!!!
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 luglio 2022 10: 07
    0
    Questo affare di grano è un'eccellente carta vincente per la Russia per prendere Nikolaev. Ora, se gli arrivi a Nikolaev e dintorni inizieranno da Odessa, la Russia potrà di nuovo colpire con calma i porti di Odessa come parte della risposta al bombardamento della direzione di Nikolaev.
  3. Expert_Analyst_Forecaster 26 luglio 2022 10: 18
    0
    nessun arrivo può fermare il regime di Kiev nel suo inarrestabile desiderio di portare fuori dal paese e vendere tutto fino all'ultimo chicco. In modo che più tardi, con i soldi rimasti dopo il saccheggio, possiamo acquistare più armi e combattere fino all'ultimo ucraino.

    Vorrei ricevere informazioni su come la Russia vende i suoi cereali e fertilizzanti. Questa sarebbe una buona risposta alla domanda sul perché la Federazione Russa abbia accettato questo accordo.
    Ma è improbabile che riceveremo informazioni al riguardo. Per questa informazione non è utile per la propaganda di Kiev. La propaganda nemica moltiplicherà i loro sogni deliranti di trarre profitto dalle esportazioni di grano e acquistare armi per gli anni a venire.