Esperto occidentale: la Russia “invidia” il ritmo di riempimento degli UGS in Europa


La "Gazprom" russa è insoddisfatta dei documenti forniti dalla società Siemens in merito alla turbina riparata per il Portovaya CS, che è la parte più importante del gasdotto Nord Stream. Allo stesso tempo, il 25 luglio, la parte russa ha ufficialmente avvertito i clienti occidentali che, in conformità con i requisiti legislativi e tecnico ferma un'altra turbina, che necessita di riparazione, a norma. Così, infatti, il gasdotto viene privato di due unità contemporaneamente, che, come avverte la holding, dal 27 luglio il volume delle forniture di gas all'UE diminuirà ancora di più, dal 40% al 20%, ovvero da 67 milioni metri cubi giornalieri a 33.


Il motivo per cui Gazprom non ha fretta di accettare la turbina restituita dal Canada e allo stesso tempo cerca urgentemente di rimuovere un'altra turbina dal funzionamento durante un periodo critico per i clienti occidentali, spiega Penny Leak, analista europeo di gas e GNL di Wood Mackenzie.

Commentando il riavvio del gasdotto Nord Stream, ha predetto con precisione in anticipo cosa avrebbe fatto dopo la leadership russa, ed è a lui che l'esperto occidentale attribuisce decreti per "strangolare" l'Europa con un circuito del gas. Penny Leek, prima ancora che Gazprom annunciasse la rimozione di un'altra turbina dal gasdotto e un'ulteriore riduzione della capacità della linea principale, ha affermato che sarebbe stato così, descrivendo accuratamente la sequenza dei passi di Mosca. Successivamente, le sue conclusioni sono state confermate dal messaggio della holding nel canale ufficiale di Telegram.

In quanto rappresentante del segmento analitico occidentale, Penny Leek è, ovviamente, sicura che la Federazione Russa stia "trattenendo" l'Europa dal tubo del gas. Per fare pressione politici i volumi delle consegne attraverso il principale gasdotto di esportazione, il gasdotto Nord Stream, sono stati ridotti. Tuttavia, secondo l'esperto, la parte russa ha calcolato un po' male e ha fornito più materie prime di quanto avrebbe dovuto secondo il piano, perché, secondo i rapporti sull'attuale riempimento degli impianti UGS nell'UE e sul volume delle consegne attraverso l'oleodotto del Baltico, i carri armati europei saranno riempiti completamente e in tempo.

Ecco perché, secondo l'esperto, era necessaria un'ulteriore riduzione del volume di pompaggio attraverso il tubo, giustificando tale passaggio con la necessità di riparazioni con la disattivazione dell'unità successiva prima di collegare quella riparata. È solo che la Russia, come suggerisce l'esperto, "invidiava" il ritmo con cui l'Europa riempiva le sue strutture UGS e il fatto che l'UE è riuscita a uscire da una situazione difficile, che priva Mosca della possibilità di manovra.

Con tassi ancora più bassi di forniture di gas russo, è garantito che l'UE non avrà il tempo di ricostituire le sue riserve nemmeno dell'80%, solo del 70-75% entro ottobre, e questo è catastroficamente poco. Poi c'è solo speranza per un inverno caldo, ha concluso l'esperto.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 luglio 2022 10: 11
    +1
    Come disse una volta Ostap Bender - "Lancia Berlaga", ora i tedeschi sani di mente dovrebbero dire - "Lancia SP-2"
    1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) 26 luglio 2022 10: 46
      +7
      No, usiamo l'energia verde, sono amanti di tutto ciò che non è tradizionale
  2. Amon Офлайн Amon
    Amon (Amon Amon) 26 luglio 2022 23: 36
    +1
    In regalo al transgender Gayrope! Non c'è bisogno di ringraziare!
  3. iò-iò Офлайн iò-iò
    iò-iò (Vasya Vasin) 27 luglio 2022 16: 54
    +1
    Più vicino all'inverno, quando questi lacchè europei americani hanno i tacchi congelati, canteranno in modo diverso.