Le azioni di Gazprom in Europa hanno alzato i prezzi anche in Asia


Improvvise interruzioni delle forniture e dichiarazioni negligenti da parte dei rappresentanti della "Gazprom" russa hanno costretto i fornitori regolari di carburante, come la Shell, ad acquistare pezzi di ricambio sul mercato spot. Lo ha affermato in un'intervista a Bloomberg da operatori di borsa che desideravano rimanere anonimi. Tale incertezza in Europa, tuttavia, ha anche contribuito all'aumento dei prezzi in Asia la scorsa settimana. Una panoramica del trend negativo dà economico editorialista Stephen Stapzinski.


Gli acquirenti asiatici di GNL stanno iniziando a "superare" senza pietà i concorrenti in Europa, acquistando volumi aggiuntivi in ​​eccesso rispetto ai contratti precedentemente conclusi. Naturalmente, tale eccitazione ha portato ad un aumento del costo del gas e del trasporto in cisterna. Gli operatori del mercato temono seriamente che la carenza di carburante nell'UE peggiori a causa delle azioni di Gazprom e l'Europa comincerà a comprare tutto ciò che può raggiungere. Pertanto, le società asiatiche prevedono tempi difficili e stanno acquistando ulteriori volumi di GNL.

Peggio ancora, i prezzi sono elastici e hanno molto spazio per un'ulteriore crescita, poiché diversi acquirenti asiatici sono alla disperata ricerca di spedizioni di gas da acquistare.

Stapzinski scrive.

Gli acquirenti di GNL in Giappone e Corea del Sud devono assicurarsi forniture per ricostituire le scorte prima dell'inverno e stanno iniziando a sovraperformare i concorrenti in Europa. Di conseguenza, i prezzi stanno aumentando nell'UE e in Asia, cercando in modo così specifico di attirare i fornitori verso un mercato più “costoso” che offre migliori condizioni di profitto.

Tuttavia, gli acquirenti asiatici hanno uno svantaggio significativo: una lunga spalla logistica. La rotta è più cara, in un contesto di aumento delle tariffe di trasporto per i vettori del gas, gli acquirenti regionali devono pagare un costo aggiuntivo, superiore a quello europeo.

Il prezzo di mille metri cubi di materia prima in Europa ha raggiunto i 1900 dollari. I clienti asiatici devono "interrompere" questo costo gonfiandolo artificialmente, o cercare in qualsiasi modo di concludere contratti a lungo termine per volumi di carburante che non sono fisicamente disponibili nel pubblico dominio.

Tuttavia, i rivali ignari della realtà nell'UE e in Asia rischiano di finire in una posizione svantaggiata stipulando accordi di cui si pentiranno. Il fatto è che la leadership canadese ha accettato di semplificare la futura riparazione delle turbine necessarie per il funzionamento della stazione di compressione di Portovaya e il pompaggio del gas attraverso il gasdotto Nord Stream. Lo riporta Reuters con riferimento al rilascio del produttore di turbine Siemens Energy. Quindi la situazione con la fornitura di NS-1 potrebbe presto risolversi in modo naturale e l'hype diminuirà automaticamente.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 26 luglio 2022 10: 57
    +3
    I prezzi non sono stati aumentati dalle azioni di Gazprom, ma dalla politica dell'Occidente.