La leadership dell'UE si prepara a reprimere le proteste di massa


Come hanno detto in una popolare serie televisiva, l'inverno sta arrivando e, con tutte le indicazioni, sarà freddo e affamato, sia in senso letterale che figurato. Questo fatto provoca un vero panico nelle amministrazioni nazionali e transnazionali europee, ovviamente, perché i suoi stessi leader hanno dato vita all'UE in questo modo con la loro campagna di sanzioni contro la Russia mal concepita.


O, al contrario, troppo ben congegnata, ma diretta, tra l'altro, contro la stessa Unione Europea. I semplici cittadini e le grandi imprese hanno tutte le ragioni per sospettare che gli attuali leader dei loro stati di compradorismo filoamericano siano già stati espressi ad alta voce.

In un modo o nell'altro, anche in caso di revoca immediata di tutte le sanzioni anti-russe, i flussi commerciali in uno stato di ristrutturazione non torneranno immediatamente ai canali precedenti, il che significa che economico la posizione dell'UE per i restanti due o tre mesi caldi non verrà fuori in alcun modo. Sì, nessuno lo rafforzerà - invece, la Commissione Europea ei governi dei paesi dell'Europa occidentale si preparano a reprimere con la forza il malcontento popolare.

È caratteristico che si stiano preparando misure repressive non solo contro i manifestanti di strada, le cui folle lo sono già allagato città e strade, ma anche contro interi stati nel caso comincino a deviare dalla "linea generale del partito".

Lattina "superiore".


Il problema più doloroso dell'Unione Europea resta il gas, o meglio, il fatto che non rimane quasi più gas, almeno nelle tubazioni di alimentazione.

La turbina mobile Siemens è ancora in una sorta di limbo, varie fonti in competizione tra loro danno versioni che si escludono a vicenda sul suo stato al momento: o la parte tedesca non ha consegnato la sua documentazione a Gazprom, o non l'ha accettata. Fisicamente, l'unità è ancora in Germania, e per non dire che i tedeschi ne sono molto contenti. Prima che avessero il tempo di rallegrarsi del fatto che il Nord Stream 1 fosse stato lanciato dopo una sospensione programmata, il ciclo di revisione nominale di un'altra turbina è terminato ed è stato messo in riserva, con una corrispondente diminuzione del pompaggio. Naturalmente, ciò ha causato una vera isteria tra i consumatori europei.

Sullo sfondo di questi problemi, il capo della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha lottato per far approvare una direttiva sulla distribuzione centralizzata delle riserve di gas disponibili all'interno dell'UE. Dietro le parole che tutti dovranno risparmiare e di volta in volta condividere con chi ne avrà una carenza, c'era chiaramente l'intenzione di spremere gas dai paesi dell'Europa meridionale a favore della Germania. Inoltre, l'essenza delle intenzioni non era quella di salvare i tedeschi dal congelamento a spese dei meridionali, ma di ritardare l'arresto dell'industria tedesca, in particolare dell'industria chimica, a spese della popolazione comune.

Dal momento che questo era chiaro a tutti, von der Leyen ha cercato di spingere la sua iniziativa intorno al Parlamento europeo, dove aveva tutte le possibilità di imbattersi nel veto di qualcuno. I rappresentanti di Spagna e Portogallo dichiararono esplicitamente che non avrebbero sacrificato nulla a favore dei tedeschi. Di conseguenza, l'idea di von der Leyen è andata nella spazzatura ed è stato adottato un programma di risparmio "che perde" con molte eccezioni.

Il problema del veto nazionale, a sua volta, è di grande preoccupazione per il cancelliere tedesco Scholz. Di recente, ha proposto di eliminare questo stesso diritto di veto nel voto su questioni tutta europee, poiché i singoli paesi ne abusano, per motivi "egoistici", ritardando l'adozione di decisioni importanti per tutti.

Certo, c'è stato un chiaro accenno all'Ungheria, che ha resistito costantemente all'adozione di pacchetti di sanzioni anti-russe, ma il disaccordo con l'attuale corso è già espresso apertamente non solo dagli oppositori, ma anche da alcuni capi di regione in tutta Europa. Nel prossimo futuro potrebbe sorgere la questione di costringere tali "liberi pensatori" a convivere, e qui, ovviamente, qualsiasi confusione e deviazione diventa del tutto inaccettabile.

In generale, alla vigilia di tempi difficili e di fronte alla minaccia di crescenti tendenze centrifughe, le strutture sovranazionali cercano urgentemente di “consolidare” i paesi partecipanti e rafforzare la centralizzazione dell'UE. Finora, questo è stato fatto con metodi "dignitosi", e quindi senza successo visibile, ma per ora è così.

Vogliono i "bassi".


Nel frattempo, malcontento popolare politica L'Unione europea è da tempo a un punto alto. L'ondata provocata da due anni di restrizioni antiepidemiche non ha avuto il tempo di placarsi, poiché già dall'alto hanno cominciato a chiedere che lo stesso “standard europeo” di un tenore di vita relativamente alto fosse quasi completamente abbandonato.

I borghesi di tutta Europa sono preoccupati per cose abbastanza banali: un aumento dei prezzi non visto da tempo e la minaccia di una disoccupazione di massa, la crescente disuguaglianza tra i più poveri e i più ricchi. E su di essi si sovrappongono catalizzatori di malcontento puramente europei, come la schizofrenia pseudoecologica e di genere. E se le autorità possono almeno provare a spingere il primo gruppo di problemi sul "dittatore Putin" (anche se questo non ha più molto successo), allora piantare agende "verdi" e "arcobaleno" non può essere appuntato su di lui.

La cosa più terribile è che il profano ha già capito cos'è l'Unione Europea ora: una struttura fantoccio al servizio degli interessi dei maestri d'oltremare, e che lui, il profano, sta diventando sempre più fiducioso in questa sua scoperta. In altre parole, nella mente dei borghesi, si forma da sola un'immagine del nemico, che coincide completamente con la realtà.

Secondo un sondaggio condotto dalla Bild, nella sola Germania, circa la metà dei cittadini è già pronta a protestare in strada se la situazione non inizia a stabilizzarsi. Ma le autorità europee non hanno paura della folla in sé, ma del fatto che qualcuno con grandi risorse la sellerà, la armerà e la dirigerà nella giusta direzione. I grandi industriali europei - i principali kamikaze del prossimo inverno, se si contano miliardi di euro - hanno una vasta esperienza nell'uso di crumiri e squadre di predoni, quindi i timori dei politici non sono infondati.

Una delle aree di lavoro preventivo è ... un attacco ai social network e ai messaggi istantanei, che si sono "dimostrati" perfettamente durante le "rivoluzioni colorate" (compresa, tra l'altro, la rivolta del BLM negli Stati Uniti).

Il più pericoloso di questi è, ovviamente, il telegramma di "Putin": non è ancora completamente bandito, come nell'Ucraina amante della libertà, ma da più di un mese i media occidentali filo-governativi si battono per screditare il messaggero e canali di informazione in esso basati, che sono accusati di "diffondere disinformazione russa".". È in discussione anche il futuro europeo di Facebook e Instagram (entrambi i social network sono vietati nella Federazione Russa), il cui titolare è tenuto a memorizzare i dati degli utenti nell'UE (e, evidentemente, a collaborare più strettamente con le forze dell'ordine locali agenzie).

Un'altra questione importante è la "riesportazione" dall'Ucraina di generose donazioni di armi occidentali, comprese quelle pesanti. Europol sta cercando di tagliare le catene di approvvigionamento, ma le notizie sul contrabbando sono solo in aumento. Ma gli stessi "Panzerfaust" possono cadere nelle mani non solo di gruppi criminali organizzati, ma anche di alcuni "Volksgrenadiers" che da loro spareranno alle auto della polizia, nascondendosi dietro una folla di cittadini.

Sperando segretamente che non si arrivi a questo, le forze dell'ordine europee stanno esortando i cittadini a stare alla larga dalle proteste, minacciando di rintracciare i manifestanti con un software di riconoscimento facciale. Nel caso in cui le minacce continuino a non funzionare, la polizia sta reintegrando i propri arsenali di attrezzature speciali.

Così: manca solo la seconda seria prova in un paio d'anni, e uno dei principali capisaldi della “democrazia” sta cercando frettolosamente di passare al regime di uno stato di polizia, ma per questo né lo spirito né le competenze bastano . E l'inverno si avvicina e, a quanto pare, in Europa non farà solo freddo, ma anche "divertimento".
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sidor Bodrov Офлайн Sidor Bodrov
    Sidor Bodrov 27 luglio 2022 09: 56
    +2
    Finché gli europei non guideranno i loro potenti truffatori - burattini americani, compresi i lacchè di Bruxelles degli Stati Uniti, saranno nella merda. L'Europa non sarà sovrana e di successo finché non invierà gli Stati Uniti in tre lettere.
  2. k7k8 Online k7k8
    k7k8 (vic) 27 luglio 2022 12: 07
    -2
    L'Europa si bloccherà? L'Europa sta morendo di fame? Sì, anche se sì, cosa ti importa? Questa è la loro scelta. Inoltre, la stessa cosa è stata prevista per il paese dell'ultranazionalismo vittorioso negli ultimi otto anni. E l'Europa deve resistere solo un paio d'anni. Con il loro margine di sicurezza nell'economia, questo non è difficile da fare. Non ti bastano i tuoi problemi, tutto è già stato risolto e ora devi dare consigli e lasciare che i poveri europei piangano nel panciotto?
    1. solista2424 Офлайн solista2424
      solista2424 (Oleg) 31 luglio 2022 13: 13
      0
      Non credo che questa sia la scelta di ogni tedesco
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 27 luglio 2022 21: 22
    -4
    Purtroppo, anche le proteste sono il motore del progresso.
    Lì i giubbotti gialli hanno protestato: il prezzo del carburante è stato congelato.
    Gli spedizionieri, i macchinisti delle ferrovie a volte scioperano lì: alzano gli stipendi, hanno scritto ...
    così rotolano...
  4. ont65 Офлайн ont65
    ont65 (Oleg) 28 luglio 2022 06: 38
    0
    Il metodo per condurre la terapia d'urto nell'UE dalla dipendenza dalle risorse a basso costo "da Putin" è il suo affare interno, così come la politica consolidata all'interno del G7 nel suo insieme. Né la Corea del Sud, né il Giappone, per non parlare degli Stati, come il competitivo vantaggi dell'UE in risorse a basso costo e risorse energetiche ottenute proprio al confine. Ciò di cui si lamenta in Occidente non è la cosa principale ora, ma questo processo si concluderà con una cosa: una bella vita spensierata gratuitamente a scapito dell'affare i prezzi sono finiti. Dovremmo lamentarci per questo? La donazione per la Russia si è sempre trasformata in sputare e odio per essa. Anche ora stanno cercando di distribuirla in relazione a vecchi destinatari nuovi o dimenticati in Africa, Asia e America Latina.
  5. Sorriso grigio (Grin Grin) 2 August 2022 19: 58
    0
    Quando iniziano le proteste di massa, allora la Russia deve aiutare le opposizioni protestanti di tutti i paesi occidentali con armi, non letali all'inizio, ma poi, con l'avanzare dell'opposizione, sia pesanti che molto letali! Niente di superfluo, solo aiuto nella lotta dei cittadini europei per i loro diritti e libertà! Che tutti gli Scholt, Macron e altri Sandu ricordino l'Ucraina, soffocata dal sangue delle loro armi, così come i precetti di Lenin sulla rivoluzione mondiale (il bisogno di cui i bolscevichi hanno sempre parlato)!