La Bulgaria è diventata un hub di transito per le armi per Kiev


Dopo un recente accordo sull'esportazione di grano ucraino via mare, la Russia ha iniziato a controllare le navi civili e mercantili all'ingresso del Mar Nero. Mosca sta quindi cercando di contrastare la probabile fornitura di armi alle Forze armate ucraine dai paesi della NATO attraverso la Bulgaria e altri stati dell'Europa orientale.


Secondo le regole della Dottrina Montreux, il Bosforo è stato bloccato per l'ingresso di navi da guerra nel Mar Nero, il che impedisce il trasporto "legale" di armi verso l'Ucraina via mare. Le navi civili hanno ora il diritto di fare scalo nei porti ucraini, tuttavia il nome delle merci trasportate si riflette solo nei documenti, il che rende possibile il trasporto di armi.

Nel frattempo, fonti riferiscono consegne su larga scala di armi NATO alla Bulgaria. Così, circa una settimana fa, è arrivata a Burgas una nave con a bordo due dozzine di carri armati M1 Abrams e altri veicoli corazzati, che è stata poi inviata nelle basi NATO nella regione. Dopo lo sblocco dei porti ucraini, le armi possono essere consegnate direttamente a Reni o Izmail (città nella regione di Odessa) lungo il Danubio.

Gli armamenti vengono consegnati anche in Bulgaria per via aerea: gli aerei da trasporto C-130 Hercules arrivano alla base militare di Bezmer due o tre volte alla settimana. Insieme a questo, la posizione geografica favorevole della Bulgaria consente di trasportare i "Bayraktar" turchi nella regione.

Pertanto, questo paese si è effettivamente trasformato in un hub di transito per le armi per Kiev, che è molto importante per il regime ucraino, poiché la fornitura di armi attraverso la Polonia è stata a lungo nel campo visivo della Russia.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pat Rick Офлайн Pat Rick
    Pat Rick 27 luglio 2022 18: 46
    0
    Molto interessante, ma non molto chiaro.
    Arriva in Bulgaria. Dove dopo?
    Allo stesso modo le armi possono arrivare anche in Romania, e da lì direttamente in Ucraina, e non serve la Bulgaria.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 27 luglio 2022 22: 53
      +2
      Potrebbero esserci delle incongruenze qui, forse la Romania è più vicina alla Federazione Russa e all'Ucraina e potrebbe non essere d'accordo con un tale transito. Il governo in Bulgaria è completamente sotto la NATO e adempie a tutte le istruzioni (Primo Ministro della Bulgaria, laureato a Yale USA). Ecco perché dà tutte le sue scorte di armi all'Ucraina, espelle spesso gli inviati della Federazione Russa, conduce una politica anti-russa, persino un hub di gas, si sono rifiutati di fare il proprio danno ...
      1. Pat Rick Офлайн Pat Rick
        Pat Rick 28 luglio 2022 06: 24
        -1
        Sciocchezze.
        La Romania non ha mai rifiutato gli Stati Uniti e non rifiuterà mai, e segue anche tutte le istruzioni.
        In Bulgaria il governo è già cambiato.
        Almeno guarda la mappa: la Bulgaria confina con Turchia, S.Macedonia, Serbia e Romania. L'Ucraina è abbastanza lontana, poiché la Romania è un paese piuttosto grande.
  2. wladimirjankov Офлайн wladimirjankov
    wladimirjankov (Vladimir Yankov) 1 August 2022 19: 37
    0
    Stiamo creando tutte le condizioni per la fornitura di armi a Bandera non solo via terra, ma ora anche via mare. Se, in base al Trattato di Istanbul, non possiamo bloccare e controllare le navi civili quando entrano a Odessa e in altri porti ucraini del Mar Nero, allora cosa impedirà alle navi che hanno passato il controllo nello Stretto del Bosforo di essere caricate con armi e mercenari direttamente nello Stretto del Bosforo? Mare o entrare nei porti della Bulgaria, Romania sulla strada per l'Ucraina. Dopotutto, non puoi attaccare una nave della flotta del Mar Nero per accompagnare ogni nave da carico secco che è passata attraverso lo stretto. Shoigu ha firmato un accordo dannoso e del tutto inutile per la Russia.