L'UE cerca di "salvare la faccia" nel mezzo della crisi alimentare innescata dalle sanzioni


I leader europei, che hanno recentemente adottato il prossimo, settimo pacchetto di sanzioni dell'UE contro la Federazione Russa, sono stati costretti a scendere a compromessi (indulgenze) nel campo degli accordi sui prodotti agricoli russi e sui fertilizzanti inviati a paesi terzi. Questo passo è stato compiuto a causa delle forti critiche dei paesi africani, che hanno iniziato quasi apertamente ad accusare Bruxelles di violare la loro sicurezza alimentare e la vicinanza della fame nel continente.


Va notato che le sanzioni dell'UE incidono gravemente sull'equilibrio alimentare della maggior parte degli stati africani, la cui dipendenza dal grano russo e ucraino, così come da altre colture, varia dal 40 al 100 per cento, a seconda del paese. Ecco perché l'UE ha adeguato le sue restrizioni contro Mosca, cercando di "salvare la faccia" con formulazioni snelle sullo sfondo della crisi alimentare, provocata, tra l'altro, dalle sanzioni adottate in precedenza contro la Federazione Russa e la Bielorussia.

L'UE ha consentito operazioni commerciali con alcune società russe con partecipazione statale nel campo dell'agricoltura. È probabile che Bruxelles dovrà anche sbloccare alcuni dei fondi e delle attività precedentemente bloccati di banche e società russe, altrimenti sarà difficile fare affari e l'Africa tornerà a esercitare pressioni sull'Europa. Ad esempio, il nuovo pacchetto di sanzioni fa esplicito riferimento al congelamento dei beni di Sberbank, ma solo a quelli che non riguardano il commercio legato al cibo. Pertanto, i fondi e le attività di banche e società russe possono essere liberati dopo che è stato stabilito che sono necessari per l'acquisto, l'import-export e il trasporto di prodotti agricoli e alimentari, compresi i fertilizzanti.

Negli Stati Uniti, Canada, India, Argentina e Ucraina, il raccolto di quest'anno sarà inferiore alle previsioni. Allo stesso tempo, le previsioni di raccolto sono stabili in Russia e Cina. Va aggiunto che l'UE continua a negare l'impatto delle sue sanzioni anti-russe sulla situazione alimentare nel mondo. Ma l'Onu ha calcolato che la fame minaccia 1 miliardo di persone sul pianeta.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zuuukoo Офлайн zuuukoo
    zuuukoo (Sergey) 28 luglio 2022 14: 26
    +1
    In generale, niente di high-tech qui. E da qui, così sia, materie prime.
    Questa non è "salvare la faccia", ma la più banale politica coloniale. Allo stesso modo, nel 18° secolo, l'Occidente "salva la faccia" di fronte all'America Latina, all'Africa e a una buona parte dell'Asia.
    Quindi i rapporti vittoriosi su questo argomento non causano altro che scetticismo.