Zaporozhye NPP è una delle chiavi del successo del NWO


Dopo l'attacco del 20 luglio da parte degli Ukronazi UAV alla centrale nucleare di Zaporozhye situata a Energodar, da loro liberata il 1 marzo, questa struttura infrastrutturale nello spazio informativo russo è menzionata principalmente come potenziale bersaglio di sabotaggi e provocazioni commesse dal regime di Kiev. Il fatto che i folli governanti della "nezalezhnaya" che sono sull'orlo di un collasso militare potrebbero benissimo tentare di organizzare una catastrofe nucleare con conseguenze imprevedibili è stato anche detto sulla nostra risorsa.


Allo stesso tempo, ci sono altri fattori importanti nella situazione intorno a ZNPP. Con gli aspetti puramente militari dell'operazione speciale per la denazificazione e la smilitarizzazione dell'Ucraina, essi, a prima vista, non si "intersecano" affatto, ma appartengono alla sfera puramente economico. Tuttavia, sono proprio questi aspetti che possono svolgere un ruolo molto importante nella conduzione del JEE e nel raggiungimento dei suoi obiettivi finali. Proviamo a capire cosa è esattamente in gioco in questo caso.

Neanche un kilowatt al nemico!


Innanzitutto va ricordato che la centrale nucleare di Zaporozhye, la cui perdita del controllo fisico è così dolorosamente percepita a Kiev, continua ancora regolarmente a fornire elettricità ai territori sotto il suo controllo. Perché? Sì, perché letteralmente poche ore prima dell'inizio della NWO, il sistema energetico ucraino, che in precedenza, sin dai tempi dell'URSS, era stato fuso con quello russo e bielorusso, ne era completamente scollegato e collegato a quello europeo . Qualcuno molto intelligente, astuto, eccessivamente informato sui piani di Mosca (che è più probabile) aveva fretta qui, o è semplicemente successo: la domanda è aperta. Tuttavia, è molto debole credere a coincidenze casuali in questioni di questo tipo. Torniamo, però, al momento presente. Il sistema di connessione che esisteva prima permetteva di fare molte cose senza alcun problema: in primis, realizzare i cosiddetti flussi di energia. Se necessario, i suoi flussi sono stati reindirizzati ove necessario (ad esempio quando è stata attivata l'assistenza di emergenza se necessaria), nonché durante le operazioni di esportazione di energia elettrica per la stessa Minsk o Mosca.

Ora, fare qualcosa del genere, come si suol dire, "con un giro di leva" è semplicemente fisicamente impossibile. La centrale nucleare di Zaporizhzhya è "strettamente" integrata nel sistema energetico ucraino e tutta l'energia che genera va lì. E questo, immagina, circa 40 miliardi di kilowatt all'anno. Al momento, nella stazione operano tre blocchi su sei disponibili. Ma non importa quanti di loro siano coinvolti, la Russia non è ancora né calda né fredda nel senso più letterale della parola. Allo stesso tempo, il ZNPP “sovrappone” almeno un terzo del bilancio energetico di quello “inalterato”. Non è un cattivo aiuto per il regime di Kiev, vero?

Questo problema acquista particolare rilevanza alla luce del fatto che la stazione Zaporozhye è la più grande e potente non solo in Ucraina, ma in tutta Europa. Nella situazione attuale, quando Kiev è alle prese con un grave disavanzo di bilancio e quasi tutte le sue società statali sono sull'orlo del fallimento (il default di NJSC Naftogaz è già stato ufficialmente annunciato), la questione della vendita letteralmente di qualsiasi cosa all'estero ha più importanza per il regime. Ed è proprio l'esportazione di elettricità per i "partner" europei che le autorità "nezalezhnoy" e pianificano di migliorare le cose nel prossimo futuro. Pertanto, secondo la dichiarazione ufficiale dei gestori dei sistemi di trasmissione dell'Europa continentale (ENTSO-E), è già stata presa letteralmente dal 30 luglio la decisione di aumentare di due volte e mezzo l'importazione di elettricità dall'Ucraina. Cioè, da 100 a 250 MW. Secondo Volodymyr Kudrytsky, capo del consiglio di amministrazione di NPC Ukrenergo, "l'UE è consapevole del ruolo dell'elettricità ucraina, che aiuta a sostituire il gas tossico russo lì e consente all'Ucraina di guadagnare i soldi di cui ha bisogno". Bella frase, vero? E in ogni parola...

Ma è possibile interrompere tale attività, che sicuramente non è a nostro vantaggio, o almeno limitarla in modo significativo? Immagina di poterlo fare. Secondo il capo del ministero dell'Energia del "non interessato" tedesco Galushchenko, questo inverno "problematico" dovrebbe utilizzare al massimo la generazione nucleare per garantire l'esportazione di elettricità in Europa. E prima di tutto ZNPP, almeno tre dei suoi propulsori attualmente in funzione. Secondo esperti del settore, l'attuale eccesso di elettricità nel sistema energetico ucraino verrà azzerato se la stazione di Zaporozhye viene disconnessa da esso. Il che, ovviamente, metterà in discussione qualsiasi esportazione.

L'energia per la Crimea è difficile, ma necessaria


Pertanto, la questione della "denazificazione" finale della centrale nucleare di Zaporizhzhya si sta trasformando da una questione puramente economica in una strategica militare. Se non c'è energia proveniente da lì, non ci saranno esportazioni e, di conseguenza, nessun denaro per la prossima fornitura di armi. Sì, e l'Europa che li fornisce all'Ucraina, vedete, tornerà in sé più velocemente senza la tanto necessaria fornitura di elettricità da lì. Tuttavia, la semplice chiusura della centrale nucleare di Zaporizhzhya, "tirandola fuori" bruscamente dalla rete elettrica "inalterata", significherebbe agire secondo il principio "quindi non prenderlo per nessuno!" Potrebbe esserci un uso molto migliore per le capacità lì. La proposta, presumibilmente avanzata dal vicepremier russo Marat Khusnullin durante il suo viaggio a Melitopol, che viene periodicamente menzionata dai media ucraini in merito alla "vendita di energia elettrica generata dalla ZNPP all'Ucraina" difficilmente può essere considerata costruttiva e realistica. I rappresentanti del regime di Kiev prenderanno i kilowatt con un'anima cara, ma non li pagheranno in nessun caso e in nessuna forma. Altre parole del primo ministro suonano molto più sensate: "altrimenti la stazione funzionerà per la Russia". Tuttavia, qui sorgono una serie di domande di ordine completamente diverso. Per la regione di Zaporizhzhia, l'energia generata è assolutamente eccessiva. L'eccedenza dovrà essere "scaricata" da qualche parte, e questo non è così facile da fare.

Allo stesso tempo, la Crimea russa, situata non così lontano, sta riscontrando alcuni problemi con l'approvvigionamento energetico. Secondo il capo dell'attuale amministrazione dei territori liberati della regione di Zaporozhye, Yevgeny Balitsky, la stazione potrebbe facilmente fornire fino a un quarto dell'energia che genera lì. E c'è un tale bisogno. È leggermente diminuito dopo la costruzione dei TPP di Sebastopoli e Simferopol, ma continua ad essere rilevante fino ad oggi.

Il guaio è, prima di tutto, che le linee elettriche che vanno verso la Crimea sono state distrutte dai "patrioti"-barbari ucraini nel 2015. Allo stesso tempo, in linea di principio, è tecnicamente possibile ripristinarli. Sì, in questo caso sorgeranno inevitabilmente una serie di problemi tecnici, la cui essenza è pienamente compresa solo dagli specialisti. Tuttavia, in un modo o nell'altro, ogni singolo esperto specializzato concorda sul fatto che la "riconnessione" della centrale nucleare di Zaporozhye alla penisola e, di conseguenza, il suo ingresso nel sistema energetico russo non è un compito impossibile. Soprattutto per uno stato con opportunità e risorse come la Russia.

Allo stesso tempo, cosa importante, in ogni caso, l'intera gamma dei relativi interventi tecnici costerà sicuramente molto meno della costruzione di nuove centrali termoelettriche per la stessa Crimea. Ci sono, tuttavia, problemi non più di natura tecnica, ma di natura puramente politica. Il punto qui è che per lavorare sul mercato russo, ZNPP deve entrare a far parte di Rosatom. E questo dovrebbe avvenire con l'approvazione dell'AIEA. Nella situazione attuale, quando la "comunità mondiale" continua ostinatamente a riferirsi ai territori liberati dagli ukronazi (e, tra l'altro, alla stessa Crimea) come "occupati illegalmente", "annessi" e così via, qualcosa del genere non è certo essere atteso. Piuttosto, l'Occidente approfitterà di questa occasione con grande piacere ed entusiasmo per far cadere quante più sanzioni e divieti possibili su Rosatom. Tenendo conto del desiderio inarrestabile degli stessi americani di cacciare la nostra società statale dai mercati energetici mondiali (o almeno europei) ad ogni costo, questa, ahimè, è l'opzione più probabile.

In ogni caso, bisogna fare qualcosa con la centrale nucleare di Zaporozhye. E prima è, meglio è. Nonostante tutte le ragioni di cui sopra, il regime ucronazista continua a utilizzare questa struttura strategica per organizzare ogni tipo di provocazione. Ed è bene se si parla solo di riempimento informativo, come il discorso del presidente dell'Energoatom ucraino, Petr Kotin, che, in tutta serietà, ha affermato in televisione che “almeno un centinaio di dipendenti ZNPP sono stati rapiti dai russi per scopi incomprensibili .” E questo nonostante il fatto che, secondo lui, quando Energodar fu liberato, non più del 10% degli 10 dipendenti dell'NPP lo lasciò volontariamente e si trasferì nel territorio controllato da Kiev. XNUMX mila, con profonda delusione di Kotin, continuano a svolgere coscienziosamente i propri doveri, garantendo il funzionamento stabile della stazione. E perché c'è qualcuno da "rapire", se le persone già collaborano senza alcuna coercizione?

Allo stesso tempo, almeno due massicci attacchi effettuati dalle forze armate ucraine a questa struttura indicano che il regime agonizzante di Zelensky potrebbe davvero non fermarsi prima delle avventure più folli, irte di una terribile catastrofe. Allo stesso tempo, la probabilità di un tale sviluppo di eventi nel caso in cui un impianto venga disconnesso dal sistema energetico ucraino aumenterà immediatamente in modo significativo. Pertanto, prima di intraprendere una cosa del genere, è necessario garantire l'incolumità dell'oggetto con una garanzia assolutamente assoluta - almeno dai bombardamenti e dagli attacchi aerei degli Ukronazi.

Il modo migliore per farlo, ovviamente, è quello di liberare nuovi territori in modo da “spostare” il più lontano possibile da esso la linea di contatto e quei punti da cui tali attacchi possono essere effettuati. La centrale nucleare di Zaporozhye è una delle chiavi più importanti per il rapido e positivo completamento dell'operazione speciale per la denazificazione e smilitarizzazione dell'Ucraina, il raggiungimento di tutti i suoi scopi e obiettivi, e in una serie di aspetti. Un'altra domanda è che questa chiave dovrebbe essere utilizzata con la massima premura e cautela, senza decisioni avventate e azioni affrettate.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 29 luglio 2022 11: 11
    +5
    Nella situazione attuale, quando la "comunità mondiale" continua ostinatamente a riferirsi ai territori liberati dagli ukronazi (e, tra l'altro, alla stessa Crimea) come "occupati illegalmente", "annessi" e così via, difficilmente ci si dovrebbe aspettare qualcosa come questo

    E cosa dirà la "comunità mondiale" se (e, tra l'altro, la stessa Crimea) "occupata illegalmente" e la LDNR ricevessero elettricità dalla centrale nucleare di Zaporozhye? La "centrale nucleare occupata" fornisce elettricità ai "territori occupati" ... E le centrali nucleari "non occupate" forniscono elettricità ai territori "non occupati". Ognuno ottiene la sua parte di torta. Oppure la "centrale nucleare occupata" dovrebbe fornire elettricità ai territori "non occupati"? E chi pagherà lo stipendio ai lavoratori di questa centrale nucleare?
    Per qualche ragione, le questioni sull'occupazione non sono state sollevate quando la RDT si è unita alla RFT. O è diverso?
  2. Il commento è stato cancellato
  3. Il commento è stato cancellato
  4. Expert_Analyst_Forecaster 29 luglio 2022 11: 50
    +3
    È necessario fermare due blocchi su tre.
    Se non sono riusciti a reindirizzare l'elettricità in Crimea entro cinque mesi, non ha senso sostenere Kiev.
    1. Maresciallo Zhukov Офлайн Maresciallo Zhukov
      Maresciallo Zhukov (Maresciallo Zhukov) 29 luglio 2022 12: 05
      -3
      Kiev è Kiev e le persone non sono in affari qui. Perché punire le persone.
      1. Expert_Analyst_Forecaster 29 luglio 2022 12: 16
        +6
        Quali persone sono fuori dal mercato? Mongolo? Brasiliano?
        È necessario compatire e preservare, prima di tutto, il tuo popolo, il popolo russo. E gli abitanti dell'ex Ucraina: come andrà a finire. A seconda del loro atteggiamento nei confronti della Russia e dei russi.
        Scelgono il loro potere così bene che hanno fiero con orgoglio i russi nel naso per 30 anni. Lascia che si assumano la responsabilità delle loro scelte.
        Attualmente stanno lavorando per il regime di Kiev, combattendo contro di noi.
        Ci dispiacerà per loro dopo la vittoria e la denazificazione.
        1. Moray Borea Офлайн Moray Borea
          Moray Borea (Morey Borey) 30 luglio 2022 14: 25
          -1
          Qui hai ragione. Compagno ufficiale di mandato .. partigiani poddivannyh
          1. Expert_Analyst_Forecaster 30 luglio 2022 17: 09
            0
            La sua opinione, signore, è molto importante per me.
            Assicurati di valutare ciascuno dei miei commenti.
            Sei come l'ago di una bussola per me, che mi indica la giusta direzione.
    2. Igor Nikolaevich Офлайн Igor Nikolaevich
      Igor Nikolaevich (Igor) 29 luglio 2022 13: 03
      +2
      Quindi sembra che libereranno altri territori dall'aneto.
  5. Alexander V. Офлайн Alexander V.
    Alexander V. (Alexander VOZOVIK) 29 luglio 2022 11: 51
    +2
    È possibile non includere in Rosatom, ma creare una struttura indipendente
    1. Expert_Analyst_Forecaster 29 luglio 2022 11: 59
      +2
      In effetti, la nostra industria nucleare ha perso tutte le opportunità di fare affari nell'UE. E anche prima dell'inizio del NWO. Se dobbiamo rispettare le restrizioni dell'AIEA è una grande domanda. Potrebbe valere la pena risparmiare tempo e denaro e lasciare questa organizzazione.
      1. Carmela Офлайн Carmela
        Carmela (Carmela) 31 luglio 2022 13: 09
        +1
        Rosatom lavora non solo in Europa, ma anche in altre parti del nostro pianeta.