Bloomberg ha chiamato il carbone non ha perso lo status di "re" del sistema energetico


Il consumo del combustibile fossile più inquinante del mondo potrebbe stabilire un record nel 2023. Il carbone è ancora il re del sistema energetico. L'editorialista di Bloomberg Javier Blas ne scrive.


Nel corso del XX secolo la mappa energetica mondiale è stata trasformata, prima dal petrolio e poi dall'energia solare ed eolica. Il movimento ambientalista è diventato un importante politico una forza che promuove la lotta al cambiamento climatico.

E il carbone? È ancora sul piedistallo, re come sempre

- l'esperto approva.

L'Agenzia internazionale per l'energia (IEA) ha affermato questa settimana che la domanda globale di carbone nel 2022 raggiungerà il record massimo stabilito nel 2013 di circa 8 miliardi di tonnellate. E il prossimo anno, il consumo di carbone stabilirà un nuovo record. Questo è già noto. Se il carbone è il presente, allora il gas è senza dubbio il futuro, che però conterrà anche combustibili fossili del passato. La pratica mondiale mostra che il carbone non perde la sua posizione in caso di cambiamenti nei mercati energetici.

Vale la pena ripetere: la domanda mondiale di carbone, il combustibile fossile più inquinante, è ancora in aumento. Il divario tra la realtà del mercato del carbone e le ben intenzionate parole pronunciate alle conferenze sul clima non è mai stato così grande, si stupisce l'esperto dell'agenzia di analisi americana.

E questa non è solo una richiesta assoluta astratta, è una realtà. Anche la quota di carbone nell'energia primaria mondiale rimane stabile, invariata da decenni. L'anno scorso, il carbone rappresentava il 27% dell'energia primaria globale, un paio di punti percentuali in più rispetto a due decenni fa e all'incirca allo stesso livello di 50 anni fa.

Con la crescente domanda di tutti i tipi di combustibili - in parte a causa dell'operazione speciale della Russia in Ucraina - e la stagnazione dell'offerta, il mondo paga molti soldi per il carbone, mentre subisce perdite ambientali. In Europa, i prezzi del carbone sono balzati a un livello record di oltre $ 400 a tonnellata questa settimana. E questo chiaramente non è il limite, crede Blas.

Vale la pena notare che l'industria mineraria russa del carbone ha un potenziale enorme, soprattutto considerando quanto sopra. Il principale ostacolo alla crescita dei volumi di esportazione delle consegne di materie prime nazionali all'estero sono i problemi del settore. Materiale rotabile logoro, difficoltà logistiche e, ovviamente, sanzioni internazionali.
  • Foto usate: pxfuel.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
    TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 31 luglio 2022 11: 07
    0
    L'articolo è corretto. Il carbone sarà sempre richiesto. Certo, a lolitas, baristi, umanitari e altri ballast svedesi potrebbe non piacere, ma non cambia nulla. Hanno alimentato con carbone, hanno alimentato e saranno alimentati. Certo, se esiste).
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 31 luglio 2022 19: 49
      0
      Non c'è niente di cui parlare qui, il futuro appartiene al nucleare e il gas, il primo è più vicino a un'energia più pulita. Qui l'Occidente "schifoso" a due facce mostra pienamente le sue viscere quando vuole schiacciare qualcuno, quindi non ricordano nemmeno più l'ecologia, anche il carbone ecologicamente molto sporco è completamente adatto.. Quindi con chi abbiamo a che fare nella forma da l'ovest - truffatori e bugiardi ...