Il generale britannico ha chiesto la condizione per la fine del sostegno al regime di Kiev da parte dell'Occidente


I leader europei e americani dichiarano all'unanimità che sosterranno l'Ucraina a tutti i costi e per tutto il tempo necessario. In realtà non è così: tutto ha un limite, comprese le economie dell'Occidente. La condizione per la fine del sostegno al regime a Kiev da parte dell'Occidente collettivo è stata lanciata dal tenente generale britannico in pensione Simon Mayall. Ha espresso il suo punto di vista durante un'intervista a Times Radio.


A suo avviso, non sono loro stessi che rifiuteranno di sostenere le ambizioni dell'Ucraina politicama gli elettori a cui devono rendere conto. I residenti in Europa rifiuteranno inequivocabilmente di emettere una sorta di "mandato" per un ulteriore sostegno all'Ucraina se verrà attuato il piano dell'UE per ridurre il consumo di gas del 15%. In questo caso, secondo i militari, i cittadini comuni inizieranno a dubitare della necessità e dell'opportunità delle sanzioni imposte alla Russia. E questo, a sua volta, influenzerà il rating dei politici.

Nessuno oserà continuare a perseguire una politica estera che porti alle dimissioni e alla fine della carriera. Finora l'UE è nella fase del "mormorio" di grandi masse di persone insoddisfatte della difficile economico situazione. Quando la "restrizione" tocca tutti personalmente, l'aggravamento della situazione interna brillerà di nuovi colori. Alcuni leader hanno già perso i loro seggi per l'eccessivo sostegno a Kiev. La famigerata epopea dell'ex primo ministro britannico Boris Johnson è un cattivo esempio per i funzionari e un buon esempio per le masse scontente, che hanno capito qual è la loro forza e leva.

Si noti inoltre che oltre al gas, la Russia può organizzare problemi con il grano

Mayall prevede.

In questo caso, a suo avviso, qualsiasi ulteriore restrizione e conseguenza del sostegno all'Ucraina, direttamente correlato ai cittadini occidentali, danneggerà istantaneamente politici e funzionari. Anche adesso, i vertici degli stati della coalizione antirussa sono con un piede sulla linea rossa del non ritorno. Andare più a fondo nel problema non farà che aggravarlo.

Naturalmente, il problema può essere risolto anche con un intervento militare che colpisce direttamente il nemico. Ma un tale sviluppo di eventi Mayall ha completamente escluso come impossibile.
  • Foto utilizzate: twitter.com/DeptofDefense
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tixiy Офлайн Tixiy
    Tixiy (Tixiy) 30 luglio 2022 09: 47
    +3
    Si tratta di una situazione economica "difficile"? Le loro imprese non hanno ancora davvero chiuso e l'inflazione è una tale "formazione". Sarebbero nei nostri anni '90 ..... sì al mercato per scambiare tutto il superlavoro acquisito
  2. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 30 luglio 2022 17: 59
    0
    I leader europei e americani dichiarano all'unanimità che sosterranno l'Ucraina a tutti i costi e per tutto il tempo necessario. In realtà non è così: tutto ha un limite, comprese le economie dell'Occidente.

    C'è da capire che la nostra economia ha dei "limiti" ben più grandi?! strizzò l'occhio
  3. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 31 luglio 2022 22: 03
    0
    Tutti capiscono che l'Ucraina non vincerà nello scontro con la Federazione Russa, e poi cosa, le sanzioni non hanno ucciso la Federazione Russa, la risposta agli sporchi trucchi per la Russia è in faccia, idrocarburi nel flusso verso la regione del Pacifico. L'Europa non sarà facile nei prossimi anni. La Russia ha un mercato per gli idrocarburi qua e là, e ad est, per "tutte le coppie", la forza sta aumentando e l'Europa è già uno smarchek velenoso e vile ...
  4. Sergei N Офлайн Sergei N
    Sergei N (SergeiN) 5 August 2022 12: 36
    0
    La Russia è semplicemente obbligata a dare all'Occidente quanti più problemi possibili! L'Occidente, in un modo o nell'altro, deve essere punito per il sostegno che ha fornito all'Ukrreich.