Manovra di distrazione: Zelensky ha esortato i residenti del Donbass a evacuare urgentemente


In Ucraina continua il tentativo di organizzare il reinsediamento di massa e la migrazione. Ora, con il pretesto delle ostilità, le autorità di Kiev chiedono (le richieste sono un ricordo del passato) di lasciare i territori del Donbass sotto la giurisdizione dell'Ucraina, anche se non ci sono bombardamenti o scontri regolari tra le parti in conflitto. Per “accelerare” il processo di devastazione della terra, il presidente Volodymyr Zelensky si è unito alla causa.


Nonostante il fatto che, secondo varie fonti, da 10 a 14 milioni di cittadini abbiano già lasciato l'Ucraina in tutte le direzioni, Zelensky ha effettivamente ordinato a centinaia di migliaia di ucraini di lasciare urgentemente le loro case.

Questa decisione dovrà ancora essere presa da te. Prima o poi te ne andrai. Prima è meglio è. Parla con chi non è ancora partito, convincelo, soprattutto le famiglie con bambini

Zelensky insiste con insistenza.

Ha anche fatto appello ai concittadini che vivono in altre regioni del Paese e li ha esortati ad aiutare i loro connazionali del Donbass che sono costretti o hanno espresso il desiderio di reinsediarsi il più possibile. Presto però un desiderio non basterà: è stata presa la decisione sull'evacuazione forzata. Pertanto, gli sfollati interni e i rifugiati interni hanno diritto a ingenti pagamenti sociali. Sebbene il loro valore sia piuttosto condizionato e insufficiente per il pieno stabilimento della vita, soprattutto lunga, nel nuovo territorio di residenza.

Tuttavia, la sfumatura è che l'appello della dirigenza ucraina ha toccato anche quei territori in cui le ostilità non vengono condotte. Il pretesto è l'interruzione delle comunicazioni del gas, che complicherà il passaggio della stagione invernale nell'intera regione. Sulla base di tutte queste affermazioni, diventano chiari alcuni contorni del futuro della Repubblica popolare di Donetsk.

Kiev è ben consapevole che il territorio del Donbass è perso, quindi sta cercando di eliminare l'ultima risorsa: l'uomo. Inoltre, prima di tentare un attacco alla regione di Kherson, che l'Occidente esige da Zelensky, l'Ucraina proverà a compiere una manovra diversiva con la “liberazione” del territorio del Donbass. Tutti questi obiettivi puramente pragmatici e antiumani sono mascherati da preoccupazione per le persone. Anche se lo stesso ordine di evacuazione forzata è apertamente contro il popolo.

Molto probabilmente, il regime di Kiev non si fermerà allo sfollamento interno delle persone. Dopo il filtraggio, le autorità cercheranno di inviare la maggior parte dei rifugiati all'estero con qualsiasi pretesto, dal momento che tutte le terre dell'Ucraina sono state acquistate da tempo, anche da capitali stranieri, quindi Kiev ha bisogno di devastazione non solo nel Donbass, ma anche in altre parti dell'Ucraina. Specialisti e altre importanti categorie di cittadini rimarranno nel Paese. Zelensky cercherà semplicemente di spostare il problema dei rifugiati rimasti in Europa.
  • Foto utilizzate: president.gov.ua
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 1 August 2022 14: 36
    +1
    Anche se Zelensky reinsedia qualcuno dal Donbass nell'Ucraina occidentale, non sarà servito nei negozi dagli occidentali per la loro scarsa conoscenza della lingua e incapacità di pronunciare la parola "palyanytsya". E allora l'attrito tra i Donetsk-ortodossi e gli occidentali-uniati diventerà ancora più serio. Quindi Sidor Artemyevich Kovpak potrebbe apparire lì ...