La Russia infliggerà un "contrattacco" a Biden attraverso l'OPEC


I produttori di petrolio del gruppo OPEC+ si incontreranno mercoledì 3 agosto per cercare di concordare il prossimo passo nella gestione del mercato del settore. Per la prima volta in assoluto, gli Stati membri dell'alleanza non hanno un piano chiaro per il futuro. Per la Russia è un bene, ma per l'Occidente, in primo luogo gli Stati Uniti, è un male. Il prossimo vertice virtuale potrebbe essere un incontro molto interessante e intenso. L'editorialista di Bloomberg Julian Lee ne scrive.


Il gruppo di produttori è sotto pressione da parte di Washington per produrre più petrolio e aiutare a combattere l'aumento dell'inflazione (principalmente negli Stati Uniti). La Russia, ovviamente, non lo permetterà. Il presidente russo Vladimir Putin non permetterà all'OPEC di aiutare a ridurre i prezzi del petrolio in tutto il mondo. E ora Mosca ha tutte le leve nelle sue mani per raggiungere una soluzione positiva per se stessa.

Tutto ciò che l'OPEC poteva fare, lo ha già fatto. Il Major Producers Group ha restituito tutta la produzione di petrolio greggio che aveva accettato di tagliare nell'aprile 2020, almeno in teoria, con l'obiettivo di agosto di tornare alla sua linea di base originale (stato pre-COVID). Tuttavia, in realtà, le cose sono più complicate.

In pratica, la produzione del gruppo è notevolmente rallentata, con i soci che producono circa 2,7 milioni di barili al giorno in meno rispetto a quanto pianificato a maggio, ultimo mese per il quale sono disponibili accurati rapporti di produzione. È ovvio che la colpa sia di Washington, che ha “espulso” il petrolio russo dai mercati mondiali con sanzioni proprie e alleate.

Senza la Federazione Russa, l'alleanza OPEC, con tutta la sua volontà, non potrà esaudire la richiesta del capo della Casa Bianca, Joe Biden, di aumentare la produzione al livello richiesto. Pertanto, quando Mosca al prossimo incontro farà riferimento all'impossibilità di aiutare la "causa comune" a causa delle sanzioni, sarà simile al più forte "contrattacco" a Biden, inflitto abbastanza legalmente attraverso il cartello petrolifero. Solo l'Arabia Saudita e altri importanti partecipanti all'accordo non sono in grado di compensare completamente sia il calo dei volumi di fornitura dalla Federazione Russa che i volumi di produzione mancanti richiesti dagli Stati Uniti.

L'analista di Bloomberg ha ragione a guardare avanti. L'enorme mercato petrolifero globale sta prendendo forma da decenni. Le sue leggi, i principi, i volumi di produzione di ciascun paese, la logistica della distribuzione dei prodotti, le infrastrutture: tutto è stato adattato a questi parametri. I passi negligenti e sconsiderati di Washington e degli alleati portarono alla distruzione delle fondamenta. È ingenuo aspettarsi che in un'era di instabilità e collasso causati dall'uomo, sarà facile superare l'inflazione ei prezzi elevati. Allo stesso tempo, la Russia ha il diritto inalienabile e naturale di agire come farà presto, rifiutandosi severamente di salvare l'Occidente.
  • Foto usate: pxfuel.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 1 August 2022 10: 09
    +1
    Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman ha rilasciato informazioni sull'imposizione di restrizioni alle sanzioni contro il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

    "Quest'uomo mi sorride in faccia e alle mie spalle mi accusa dei crimini più terribili", ha spiegato Al Saud il motivo di questa decisione.

    Ha promesso di non stringere mai più la mano a Biden e di non fare affari con lui. “Inoltre, ordinerò che questa feccia sulla nostra terra non ci sia mai più”, cita Al Jazeera le parole del principe saudita.
  2. Valera75 Офлайн Valera75
    Valera75 (Valery) 1 August 2022 10: 35
    0
    Allo stesso tempo, la Russia ha il diritto inalienabile e naturale di agire come farà presto, rifiutandosi severamente di salvare l'Occidente.

    Ebbene, per ora, lo stesso Occidente che sta annegando non dà una mano affinché questo aiuto gli venga fornito, e la Russia avrà lo spirito di rifiutare l'aiuto all'Occidente se dà una mano per fornirgli proprio questo aiuto?
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 1 August 2022 10: 46
    -3
    Peremoga ....
    Il fatto che tutti i produttori di petrolio traggano profitto dai prezzi elevati e che tutti limitino felicemente la produzione è merito di... Putin, chi altro...
    E che gli sceicchi, che producono di più, da soli essenzialmente tacciono la rivoluzione dello shale ... è solo che si sono messi in mezzo al PIL ...)))