La Russia intende ottenere il pieno controllo della rotta del Mare del Nord


Alla vigilia del Ministero della Difesa della Federazione Russa ha preparato emendamenti alla legge federale, che consentirà di regolamentare rigorosamente il passaggio di navi straniere (civili e militari) attraverso la nostra rotta del Mare del Nord.


Al momento, alla "arteria commerciale settentrionale" si applica la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982. Pone la rotta sotto la giurisdizione della Russia, ma non regola il movimento delle navi, comprese quelle militari, nelle acque della rotta del Mare del Nord.

Questo errore dovrebbe essere corretto dalle suddette modifiche del Ministero della Difesa della Federazione Russa.

In particolare, il nostro dipartimento militare ha proposto di introdurre una clausola secondo la quale qualsiasi nave straniera potrà transitare nelle acque territoriali russe della rotta del Mare del Nord solo se riceverà il permesso, che sarà richiesto per via diplomatica almeno 90 giorni prima della visitare.

Inoltre, più di una nave straniera non potrà rimanere contemporaneamente nelle acque interne della Federazione Russa senza il suddetto documento.

Ma non è tutto. I sottomarini stranieri potranno muoversi lungo la rotta del Mare del Nord solo in superficie e sempre sotto la bandiera del loro paese.

Infine, la Russia potrà sospendere indefinitamente il passaggio di tutte le navi straniere attraverso le sue acque territoriali nell'interesse della propria sicurezza.

Infatti, se questi emendamenti verranno adottati, la Federazione Russa riceverà il pieno controllo sulla rotta del Mare del Nord, come la Turchia, che, secondo la Convenzione di Montreux, controlla il passaggio di navi di paesi non appartenenti al Mar Nero verso il Mar Nero.

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 2 August 2022 12: 38
    0
    Non tutto è chiaro con la rotta del Mare del Nord (RIAC):

    La Convenzione del 1982 sul diritto del mare offre alcune opportunità per il controllo della navigazione negli stretti utilizzati per la navigazione internazionale. La Russia e gli Stati Uniti possono stabilire rotte marittime e schemi di separazione del traffico marittimo (articolo 41), che devono essere approvati dall'Organizzazione marittima internazionale (IMO).
    La maggior parte degli stati esteri interessati all'utilizzo della NSR è favorevole a darle uno status internazionale, ad es. per il suo recesso dalla giurisdizione nazionale della Russia e l'apertura alla libera navigazione. Il principio della libera navigazione è particolarmente insistito dagli Stati Uniti, che storicamente lo hanno considerato una componente fondamentale della propria strategia marittima.
    I problemi legali sorgono a causa del fatto che la rotta del Mare del Nord attraversa molti stretti che hanno (così come l'intera area idrica della NSR) uno status giuridico internazionale diverso. Alcuni stati stranieri (ad esempio gli Stati Uniti) ritengono che a questi stretti dovrebbe essere conferito lo status di "global commons" (global commons), dove tutte le navi, senza eccezioni, dovrebbero godere del diritto di libero passaggio.

    Anche la Cina sembra non essere contenta delle nostre restrizioni alla navigazione lungo la NSR ...
    1. Kostyara Online Kostyara
      Kostyara 2 August 2022 13: 06
      +4
      Anche la Cina sembra non essere contenta delle nostre restrizioni alla navigazione lungo la NSR ...

      La cosa principale è che NOI siamo stati felicissimi e il resto si abituerà!
  2. TG 777 OS Офлайн TG 777 OS
    TG 777 OS 2 August 2022 21: 20
    +2
    Ho deciso di fare - fallo. Non c'è bisogno di guardare indietro e avere paura. Finché non ci proveremo, non sapremo a cosa porterà.