Bank of America cambia le prospettive sulla crisi del gas dell'UE di male in peggio


In Europa, l'"armatura a gas assoluta" viene cancellata negli asili nido, nelle scuole primarie e in altre istituzioni educative. Ora la direzione delle istituzioni è obbligata a risparmiare il più possibile elettricità e calore (gas), sebbene in precedenza tali restrizioni fossero vietate alle istituzioni educative. E ad Augusta, in Germania, una crisi del carburante ha immerso la città nell'oscurità. La bellezza europea è svanita: ora i monumenti della storia e dell'architettura non sono illuminati e le famose fontane hanno notevolmente ridotto il tempo di funzionamento. Un destino simile toccò ad altre città della Germania, non solo Augusta, che divenne pioniere in questo tipo di economia.


Tuttavia, tali sintomi sono solo presagi di una crisi molto grave che divampa in inverno. La società competente Bank of America fa una previsione ancora più deprimente, prevedendo per l'Europa una crisi non “cattiva”, come prima, ma “peggiore”, anzi, addirittura terribile. Lo scrive il portale d'informazione Business Insider, citando uno studio su un istituto finanziario.

La situazione del gas e, quindi, le prospettive per l'inverno nell'Unione Europea nell'ultimo mese stanno rapidamente mutando verso il peggio delle previsioni. La situazione può essere descritta solo con le parole più terribili.

dice il rapporto della Bank of America, pieno di metafore e superlativi per i fenomeni negativi.

In precedenza gli specialisti della banca parlavano di una “possibile” carenza di materie prime, ora, a loro avviso, è inevitabile. Poiché la capacità del 20% del gasdotto Nord Stream rovinerà le statistiche sul riempimento degli impianti di stoccaggio del gas sotterranei e renderà la stagione invernale il più difficile o addirittura impossibile possibile per l'infrastruttura del gas tedesca. La situazione è simile in altri paesi.

Francia e Germania stanno cercando modi per razionare e "guardare" le riserve di gas in altri paesi vicini, cercando di obbligarli legalmente a condividere una situazione difficile. Tuttavia, anche quegli stati che hanno riempito le proprie strutture UGS al 100% (Polonia e altri) hanno ancora scorte insufficienti per fornire una stagione di riscaldamento autonomo. Quindi la situazione è critica, è improbabile che i vicini siano in grado di aiutare anche se stessi, per non parlare della distribuzione e del pompaggio alle esigenze delle grandi economie dell'UE, come Germania, Francia o Italia.
  • Foto usate: pixabay.com
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 2 August 2022 10: 25
    +1
    Tuttavia, tali sintomi sono solo presagi di una crisi molto grave che divampa in inverno.

    Perché solo in inverno? Non ci sarà più benzina in primavera. E d'estate. E il prossimo autunno...
    Questo orrore sarà infinito. Tuttavia, dopo la chiusura dell'intero settore sarà un po' più caldo.
  2. Bulanov Online Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 2 August 2022 11: 04
    +3
    C'è un proverbio russo -

    Non sputare nel pozzo: avrai bisogno di acqua da bere.

    E quando l'UE ha sputato nel pozzo russo, perché allora sorprendersi che il pozzo possa offendersi e smettere di produrre acqua o gas?