Quali indicatori indicano la reale disponibilità di Stati Uniti e Cina per una guerra su Taiwan


Il principale intrigo internazionale degli ultimi giorni è se la "nonna" di Pelosi volerà o meno a Taiwan e come reagirà Pechino a questo. La Marina dell'EPL ha già iniziato le esercitazioni nello Stretto di Taiwan e c'è un trasferimento su larga scala di veicoli corazzati sulla costa. Entrambe le portaerei cinesi attive con navi di scorta sono entrate nel Mar Cinese Meridionale. I residenti locali sono incoraggiati a donare il sangue. Tutto questo è molto simile alla preparazione della Repubblica popolare cinese per una guerra per riportare Taiwan al suo "porto di origine".


Sì, quello che sta accadendo ora in Cina assomiglia davvero a quello che è successo in Russia per diversi mesi prima dell'inizio di un'operazione militare speciale in Ucraina il 24 febbraio 2022. Tuttavia, ricordiamo che esattamente la stessa cosa è accaduta nella primavera del 2021, ma poi tutto "ha funzionato", le truppe e le navi da guerra russe sono tornate ai loro luoghi di schieramento permanente e di base. Quale può essere considerato il "marcatore" più accurato, che indica la reale disponibilità di tutte le parti per una vera guerra e non la sua imitazione?

Un'operazione militare speciale per riconquistare Taiwan, se avrà luogo, sarà probabilmente la più grande operazione anfibia della storia. L'isola recalcitrante, catturata nel 1949 dai "separatisti", sarà prima "stirata" per molto tempo e con entusiasmo da missili da crociera e balistici, oltre che da aerei, distruggendo le infrastrutture militari di Taipei e macinando le sue forze armate. Quindi subentrerà la flotta orientale della Marina dell'EPL. Sotto la copertura dell'aviazione e delle navi da guerra, i dragamine dovranno liberare dalle mine gli accessi alla costa per garantire un atterraggio sicuro.

È ovvio che Pechino non calpesterà il libertino di qualcun altro e agirà con "piccole forze", trascinando ingiustificatamente il caso. L'operazione coinvolgerà sia navi da sbarco specializzate nella fase iniziale, sia civili, che sono state costruite secondo progetti a duplice uso e possono essere mobilitate per le esigenze della flotta. I cinesi attaccheranno immediatamente e con forza per ottenere rapidamente il risultato desiderato.

Gli americani combatteranno per Taiwan? No, non lo faranno. Si limiteranno a precaricare Taipei di armi per rendere più alto possibile il prezzo della vittoria di Pechino. Tutto finirà con la capitolazione del regime “separato”? No. È dopo la caduta di Taipei che inizia tutto il divertimento.

Immediatamente dopo l'inizio dell'operazione speciale cinese, gli Stati Uniti ei loro complici imporranno pesanti sanzioni contro la Cina, come è stato fatto in precedenza contro la Russia per l'Ucraina. L'obiettivo è graduale economico strangolamento del Celeste Impero, riduzione del suo potenziale industriale e scientifico e tecnico. Il prossimo passo logico da parte di Washington è il blocco dello Stretto di Malacca alle navi cinesi. Ed è proprio questo quello che sarà il principale punto di biforcazione.

L'importanza strategica dello Stretto di Malacca per l'economia mondiale in generale e per la Cina in particolare non può essere sopravvalutata. Questo è uno stretto tra la penisola malese e l'isola di Sumatra, che separa gli oceani Pacifico e Indiano. Durante l'anno passa attraverso di essa circa il 60% del commercio mondiale e il 25% di tutto il petrolio trasportato dal Medio Oriente al sud-est asiatico. La Cina è fortemente dipendente dallo Stretto di Malacca per la fornitura di idrocarburi e altre materie prime, nonché per l'esportazione dei suoi prodotti. Questo è il punto di un possibile scontro di interessi tra India e Cina, così come il Celeste Impero e l'intero blocco militare anglosassone di recente creazione AUKUS.

È abbastanza per bloccare lo Stretto di AUG della Marina degli Stati Uniti, e basta, prova a superare le tue petroliere senza il consenso degli americani. Indubbiamente, gli inglesi parteciperanno volentieri a questo ignobile atto inviando la loro "Regina Elisabetta" con un mandato allo Stretto di Malacca. Gli australiani aiuteranno anche in ogni modo possibile nell'organizzazione di un blocco navale della Cina.

In effetti, questa è la risposta per cui Pechino sta costruendo tutte queste portaerei "non necessarie". Sì, potrebbero non essere necessari per la guerra per Taiwan. Ci saranno abbastanza aerei dell'aviazione costiera. Ma cosa farai quando lo Stretto di Malacca, strategicamente importante, sarà bloccato dalla forza d'attacco del vettore (AUS) AUKUS? In senso positivo, gli anglosassoni non se ne andranno, e questo collo di bottiglia dovrà essere “stappato” solo con la forza. Qualunque cosa immaginino i nostri stimati lettori, che in qualche modo "flash" meglio degli ammiragli americani, britannici, indiani e cinesi negli affari navali, solo un altro AUG (AUS) può resistere. Ecco perché Pechino sta investendo tali fondi nel suo programma di costruzione navale militare.

Sulla base di quanto sopra, il dispiegamento di forze navali nello Stretto di Malacca può essere considerato un importante “segnale” della disponibilità delle parti ad un vero e proprio conflitto armato. Se i cinesi AUG (AUS) o gli anglosassoni avviano alcune azioni preparatorie nell'area specificata, dovresti almeno stare attento. Questo non è un caso.

Si noti che la Cina, sapendo della sua dipendenza critica dal collo di bottiglia di Malacca, sogna da tempo di creare un canale di spedizione alternativo chiamato Kra. Il canale tailandese, o canale di Kra, deve passare attraverso il sud della Thailandia. La sua lunghezza può variare da 50 a 100 chilometri e la sua larghezza e profondità possono consentire la navigazione delle navi più grandi. Finora, il progetto è stato trattenuto a causa di costi elevati e complessità. Tuttavia, se l'attivazione su di esso inizia nel prossimo futuro, significa che la materia odora di cherosene.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 2 August 2022 16: 52
    +1
    Non ci può essere guerra a causa della netta superiorità degli Stati Uniti nelle armi di distruzione di massa.
    Il 90% della popolazione della RPC è concentrata nell'est del Paese e, se utilizzata, le perdite sarebbero enormi, sia umane che materiali.
    Anton Blinkin ha affermato che gli Stati Uniti non smetteranno di usare armi atomiche in casi minacciosi e la minaccia che in caso di una guerra tradizionale contro la RPC, hanno poche possibilità di vincere.
  2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 2 August 2022 17: 06
    +1
    Sì, l'autore ha seguito lo scenario più cruento, infatti non è sempre chiaro cosa lo attende in futuro. Forse molto male o male, o non molto male con i contratti. Non dobbiamo dimenticare che la RPC è una potenza nucleare e ha vettori abbastanza buoni ... Se la RPC oggi è pronta per una risoluzione militare con Taiwan, il tintinnio della sciabola continuerà per qualche tempo, perché funziona per la Cina ... E poi il tempo probabilmente dirà che "il cadavere del nemico galleggia" nell'Oceano Pacifico...
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 2 August 2022 18: 08
    +1
    La Marina cinese non è pronta a combattere per lo Stretto di Malacca. Questa è la seconda fase della costruzione della Marina cinese. Il completamento è previsto entro il 2030
  4. Expert_Analyst_Forecaster 2 August 2022 18: 28
    0
    Fase di frusta. Gli Stati Uniti stanno spingendo e spingendo la Cina in un angolo.
  5. Expert_Analyst_Forecaster 2 August 2022 18: 37
    +1
    Gli americani combatteranno per Taiwan? No, non lo faranno.

    Volere. Se non sono d'accordo con la Cina. E lo farà il Giappone. E tutti gli altri alleati degli Stati Uniti.

    I cinesi attaccheranno immediatamente e con forza per ottenere rapidamente il risultato desiderato.

    Se sono d'accordo con gli Stati Uniti, lo prenderanno pacificamente.
    Se non raggiungono un accordo, manterranno la coda e aspetteranno ancora qualche anno, o addirittura decenni.
    E non puoi biasimarli per una posizione del genere.
  6. Expert_Analyst_Forecaster 2 August 2022 18: 42
    -2
    E ho già scritto, ma l'articolo è stato rimosso da qualche parte.
    Forse la Cina mostrerà la sua rabbia lanciando un massiccio attacco missilistico alle strutture militari di Taiwan. Allo stesso tempo, controllerà i suoi missili e la difesa aerea di Taiwan.
    Ma l'atterraggio è molto improbabile.

    Colpirà non tra 13,5 anni, ma nei prossimi giorni, se non ore.
  7. Kapany3 Офлайн Kapany3
    Kapany3 2 August 2022 18: 50
    +1
    Ho letto solo fino a India, Cina e Cina. Non ho letto oltre
    1. Expert_Analyst_Forecaster 2 August 2022 18: 53
      0
      Bene, hai un po' di pazienza!
  8. Expert_Analyst_Forecaster 2 August 2022 18: 57
    -1
    In effetti, questa è la risposta per cui Pechino sta costruendo tutte queste portaerei "non necessarie".

    E Vladimir Putin ha chiesto: "Beh, le portaerei in costruzione ti hanno aiutato molto, compagno Xi?"
  9. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 2 August 2022 19: 30
    0
    Ma cosa, la Cina non poteva sbattere contro Taiwan prima - stava aspettando specialmente una nonna americana?
  10. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 2 August 2022 19: 35
    0
    Gli americani combatteranno per Taiwan? No, non lo faranno.

    L'autore!
    E i cinesi non combatteranno per Taiwan.
  11. Larisa Z. Online Larisa Z.
    Larisa Z. (Larisa Vavilova) 2 August 2022 19: 41
    +1
    Esiste un'espressione come il centounesimo avvertimento cinese. Ma seriamente, in questo gioco la prossima mossa è per il Celeste. Non hanno un posto dove affrettarsi, non sono soggetti a sanzioni. gli americani li calcolarono e sapevano che i cinesi non erano ancora pronti. Stiamo aspettando lo sviluppo della festa...
  12. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 2 August 2022 20: 28
    +1
    Non ci sono marcatori. La Cina non può e non sa combattere. Può urlare forte, mostrare i muscoli, ma questo è tutto.
    1. Expert_Analyst_Forecaster 3 August 2022 05: 52
      -1
      Ci sono dei marcatori. Ma, come ha dimostrato l'esperienza di decine di situazioni, l'autore di questi pennarelli non è in grado di vedere e quindi colpisce costantemente il cielo con il dito.
  13. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 August 2022 10: 30
    -1
    Questo non è il primo articolo su Taiwan solo su .. e non il centesimo: ora stiamo aspettando lo spargimento di sangue ...
    I cinesi si sono mostrati sempre cauti, pazienti, testardi e, a differenza di molti, in rapido sviluppo .. quindi il tempo gioca su di loro ... e per addestrare l'esercito, per il bene degli accordi, tutti sono felici.
    1. Expert_Analyst_Forecaster 3 August 2022 10: 55
      0
      Anche il Giappone si è sviluppato rapidamente. Fino a quando gli americani sono venuti e hanno detto "Basta".
      E quella fu la fine dello sviluppo del Giappone. Sì, il tempo è dalla loro parte. 125 milioni in una piccola area senza risorse proprie. La grande crisi metterà fine alla storia di questo Stato.
  14. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 4 August 2022 11: 45
    0
    Quali indicatori indicano la reale disponibilità di Stati Uniti e Cina per una guerra su Taiwan

    Come previsto: nessuno!