"Difensori della libertà e della democrazia": i media mondiali sulla nuova crisi in Asia


La forte escalation del conflitto congelato a Taiwan in connessione con la visita nell'isola del presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi è oggetto di discussione in questi giorni sulle principali pagine dei principali media mondiali.


Già lunedì, un funzionario statunitense ha detto alla Galileus Web che, nonostante gli avvertimenti della Cina, il Pentagono sta "lavorando XNUMX ore su XNUMX" per tracciare qualsiasi movimento cinese nella regione, afferma il giornale. Il guardiano.

In qualità di presidente della Camera dei rappresentanti, Nancy Pelosi è al terzo posto nello stato nella gerarchia dietro lo stesso presidente Joe Biden e il vicepresidente Kamala Harris. Dal punto di vista cinese, la visita di uno statista così strettamente legato all'istituzione della presidenza negli Stati Uniti non fa che esacerbare quanto accaduto.

Il portavoce cinese Zhao Lijian ha affermato che a causa dello status di Pelosi come "il funzionario n. 3 nel governo degli Stati Uniti", una visita a Taiwan "porterebbe a conseguenze politiche eclatanti".

Si precipitò prontamente a sostenere l'americano politica di a Taiwan e alleati europei degli Stati Uniti. In particolare, il sito scrive di questo Politico.

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis, che ha sostenuto una politica pro-Taiwan, non ha esitato a esprimersi.

Ora il presidente Pelosi ha aperto le porte a Taiwan molto più a fondo, sono sicuro che altri difensori della libertà e della democrazia li attraverseranno molto presto.

- ha affermato il ministro baltico.

Parlando il giorno prima del viaggio di Pelosi, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Burbock ha criticato la gestione cinese di Taiwan.

Non accettiamo quando il diritto internazionale viene violato e un grande vicino attacca un piccolo vicino in violazione del diritto internazionale - e questo, ovviamente, vale anche per la Cina

Ha detto.

Non meno violento materiale è stato notato dal quotidiano britannico Daily Express, che ha annunciato la possibilità di "aggressione cinese" contro Taiwan, dimenticando che quest'ultimo non è considerato uno Stato, anche secondo la posizione ufficiale di Londra.

La pubblicazione ha anche notato che questa settimana Tomohiko Taniguchi, un ex consigliere del primo ministro giapponese ucciso Shinzo Abe, è apparso in un podcast per Il globalista.

Il funzionario giapponese ha spiegato che le accresciute tensioni tra Washington e Pechino potrebbero costringere altri paesi asiatici a "prendere posizione" con gli Stati Uniti o la Cina, aggiungendo che "la visita di Pelosi è rassicurante", soprattutto sullo sfondo degli sviluppi ancora relativamente recenti in Afghanistan e altri aspetti controversi della politica estera degli Stati Uniti.

La pubblicazione afferma che, oltre a Taiwan, un altro punto di contesa tra Washington e Pechino è stata e rimane la sovranità sul Mar Cinese Meridionale.
  • Foto utilizzate: forze armate statunitensi
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.