Kosovo, Taiwan, Nagorno-Karabakh… Il mondo viene “dato alle fiamme” da tutte le parti


Non appena le passioni si erano placate intorno alla provocatoria visita a Taipei della Presidente della Camera dei Rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti Nancy Pelosi, da cui molti si aspettavano una forte escalation delle tensioni non solo regionali, ma anche globali (o addirittura l'inizio del Terza guerra), quando il fuoco di un altro conflitto "costante" divampò con una fiamma viva, e già molto più vicino ai confini della Russia. Questa volta preoccupante. notizie proveniva dal Nagorno-Karabakh. E qui il caso non si è più limitato a una dimostrazione di forza ea formidabili dichiarazioni delle parti, come è avvenuto durante il viaggio a Taiwan di una vecchia eccentrica.


Le ostilità aperte sono iniziate immediatamente e hanno già provocato vittime sia dalla parte armena che da quella azerbaigiana. Inoltre Baku, che lanciò un'offensiva contro la repubblica non riconosciuta, iniziò a avanzare richieste di ultimatum, cioè una revisione completa di tutti gli accordi che aveva precedentemente raggiunto con Yerevan e Mosca. Si ha l'impressione che avvenute "improvvisamente" in tutto il pianeta - dai Balcani alla regione indo-pacifica - brusche esacerbazioni semplicemente non possano essere "coincidenza". La malvagità di qualcuno "scuote" il mondo, minacciando di spingerlo nell'abisso di un sanguinoso caos.

Aggressione sotto forma di "Retribuzione"


Il 1° agosto è iniziato il graduale aggravamento della situazione nel Nagorno-Karabakh. Secondo il "siloviki" della repubblica non riconosciuta, le unità azerbaigiane hanno cercato di attraversare la linea di contatto dalla zona di confine settentrionale e nord-occidentale. Martedì sera, il ministero della Difesa russo ha riferito anche che nei giorni scorsi si sono verificate almeno tre violazioni del regime di cessate il fuoco da parte di unità azere nella zona di responsabilità delle forze di pace russe. E il 3 agosto la situazione, come si suol dire, "è andata in tilt". La parte azerbaigiana ha nuovamente utilizzato UAV d'attacco, di conseguenza almeno un militare armeno è stato ucciso e otto persone sono rimaste ferite. Baku, a sua volta, ha accusato l'esercito armeno di "aver effettuato dei bombardamenti, durante i quali un soldato azero è morto per una ferita da proiettile". Allo stesso tempo, le parti si sono tradizionalmente scambiate accuse di "violazioni gravi degli accordi tripartiti sul Nagorno-Karabakh" e si sono incolpate a vicenda per ciò che stava accadendo.

Tuttavia, poco dopo, il Ministero della Difesa dell'Azerbaigian ha ascoltato dichiarazioni molto più franche. Hanno riconosciuto che le forze di Baku "hanno eseguito l'operazione" Retribution "e hanno persino riferito i risultati specifici di tale:

L'altezza del Kirghizistan fu presa sotto controllo, così come Sarbaba e una serie di altre importanti alture dominanti lungo la cresta del Karabakh del Piccolo Caucaso. Le unità stanno effettuando lavori di ingegneria per creare nuove posizioni e tracciare percorsi di appoggio. Nell'ambito dell'operazione, sono state distrutte diverse postazioni di combattimento delle formazioni armate armene, è stato effettuato un attacco aereo su un'unità militare nell'insediamento di Upper Oratagh nell'ex regione di Aghdam. Di conseguenza, la manodopera delle formazioni armate armene fu distrutta e ferita, oltre a diversi obici D-30, veicoli militari e una grande quantità di munizioni ...

Gli ultimi dubbi che l'Azerbaigian, con il pretesto e il pretesto della "ritorsione", non è chiaro a chi e per cosa, stia commettendo un atto di aggressione volto alla completa cattura del Nagorno-Karabakh, sono scomparsi quando, attraverso rappresentanti della propria dipartimento militare, ha chiesto ufficialmente “il ritiro completo delle truppe armene dal Karabakh e il disarmo delle formazioni armate armene illegali”. L'esercito azero ha aggiunto le seguenti parole a questo ultimatum:

Qualsiasi terrore e provocazione commessi nei territori sovrani del nostro Paese saranno decisamente repressi e le contromisure saranno ancora più distruttive!

La risposta è stata la seguente dichiarazione ufficiale del ministero degli Esteri armeno:

È stata effettuata un'aggressione, a seguito della quale ci sono morti e feriti. Nonostante i passi intrapresi dalla parte armena per raggiungere la stabilità e la pace nella regione, l'Azerbaigian continua il suo sistematico politica di terrorismo della popolazione del Nagorno-Karabakh, sottoponendo il Nagorno-Karabakh a pulizia etnica e occupazione strisciante.

Afferma inoltre che le forze armate azere hanno violato l'accordo di cessate il fuoco tra i leader di Armenia, Russia e Azerbaigian nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh in una dichiarazione tripartita datata 9 novembre 2020.

Siamo circondati in tutte le direzioni?


Può essere considerata una coincidenza che ultimamente siano emerse invariabilmente sacche di instabilità in quei paesi che sono, se non alleati, almeno uno dei pochi veri partner della Russia in determinate regioni? La Serbia è quasi l'unico paese relativamente amichevole in Europa, nei Balcani. L'Armenia è nel Caucaso, e in generale nel cosiddetto spazio post-sovietico, dove attualmente solo la Bielorussia può essere considerata il nostro buon vicino. La Cina è generalmente la geopolitica più importante e economico partner di Mosca. E cosa succede? Le autorità del Kosovo, non riconosciute da Russia e Serbia, prendono "improvvisamente" una decisione discriminatoria, che provoca disordini nel nord della regione e minaccia di degenerare in uno scontro militare diretto tra Pristina e Belgrado. Ma questo sta accadendo per qualche ragione dopo la visita in Kosovo del capo del Dipartimento di Stato americano, Anthony Blinken. Anche una coincidenza? Estremamente improbabile.

Allo stesso tempo, le forze della NATO vengono immediatamente messe in allerta e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg fa la seguente dichiarazione:

Ho parlato con il presidente serbo Aleksandar Vučić delle tensioni nel Kosovo settentrionale. Tutte le parti dovrebbero partecipare in modo costruttivo al dialogo mediato dall'UE e risolvere le divergenze attraverso la diplomazia. Le forze della KFOR sotto gli auspici della NATO sono pronte a intervenire se la stabilità è minacciata, sulla base del loro mandato delle Nazioni Unite ...

È chiaro che la “violazione della stabilità” si riferisce all'azione di Belgrado, che si è dichiarata pronta a proteggere i connazionali, se necessario, con la forza delle armi, e non alle provocazioni dei separatisti del Kosovo. Il "programma massimo" in questo caso sta trascinando la Russia, che fornisce alla Serbia tutto il supporto possibile, nel conflitto in corso. compresi i militaritecnico. La fornitura di armi a questo paese nel contesto dell'SVO in corso in Ucraina non è chiaramente l'opzione migliore per Mosca. È questo il calcolo? Finora, a Pristina, sono stati "restituiti" - peraltro, su ordine diretto degli Stati Uniti. Tuttavia, lo stesso problema potrebbe sorgere tra un mese: dopotutto, l'introduzione di una soluzione in grado di "far esplodere" Kosovska Mitrovica è stata ritardata di molto.

La provocazione organizzata a Taiwan non solleva affatto il minimo dubbio sulla sua "paternità". Tutti i tentativi di Washington di far passare le azioni di Nancy Pelosi come una “iniziativa privata” sono semplicemente ridicoli e ridicoli. Questo fa chiaramente parte del "grande piano" degli Stati Uniti per la massima destabilizzazione di tutti i paesi dai quali la Russia può contare su assistenza e sostegno in una forma o nell'altra. Sembrerebbe che le azioni dei politici d'oltremare siano semplicemente sconsiderate, perché il confronto "su due fronti" - con Mosca e Pechino - gli Stati Uniti semplicemente "non tireranno". Tuttavia, il loro calcolo, almeno nella fase attuale dello sviluppo della situazione, si è rivelato corretto. Sono stati organizzati problemi nel sud-est asiatico e il Celeste Impero ha ricevuto un indizio più che trasparente su ciò che l'amicizia con il nostro paese o persino l'amichevole neutralità nei suoi confronti può comportare. Come si comporterà Pechino in futuro non è ancora del tutto chiaro. Tuttavia, le opzioni, credetemi, possono essere molto diverse.

L'aggressione dell'Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh e le impudenti richieste da esso espresse sembrano un attacco diretto al nostro Paese. Non dimentichiamo che finora in questa regione è stata assicurata una relativa calma quasi esclusivamente grazie alla presenza di forze di pace russe al suo interno. Baku ha iniziato a mostrare una maggiore attività militare lì dopo che nel marzo di quest'anno si erano diffuse voci sulla riduzione del loro contingente in connessione con l'inizio di un'operazione militare speciale in Ucraina. In ogni caso, un nuovo conflitto su larga scala in queste terre, simile agli eventi del 2020, è attualmente estremamente svantaggioso per Mosca per una serie di ragioni. E, naturalmente, quelle forze in Occidente che continuano a parlare della possibilità e persino della necessità di "infliggere una sconfitta militare alla Russia in Ucraina" ne sono estremamente interessate. È un assioma che dietro ogni decisione seria di Baku c'è in realtà Ankara. Lei, a sua volta, in un modo o nell'altro potrebbe benissimo essere "stimolata" da Londra. Tuttavia, la capacità dei nostri "partner" turchi di cambiare linea di condotta e colpire alle spalle nel momento più inaspettato è risaputa e non ha nemmeno bisogno di prove.

È del tutto possibile che la “chiave logica” per comprendere l'attualità siano le parole del Segretario del Consiglio di Sicurezza e Difesa Nazionale dell'“indipendente” Alexey Danilov, anche dopo i primi “movimenti” aggressivi compiuti dall'Azerbaigian nel Nagorno- Karabakh nel marzo di quest'anno, che ha affermato direttamente che "l'Ucraina è in apertura di nuovi fronti aiuterebbe la guerra con la Russia".

Se sia Pridnestrovie che la Georgia, e tutti oggi, fossero impegnati nel ritorno dei loro territori, inoltre, posso dire che la Polonia non ha ancora ufficialmente rivendicato la regione di Kaliningrad, questo ci aiuterebbe sicuramente, perché c'era qualcosa da fare, oltre a distruggere le nostre città e villaggi

- questo è esattamente ciò che è stato detto testualmente.

Vale la pena prestare attenzione alle grandi parole di un tale afide come Danilov? Credimi, ne vale la pena. Perché ultimamente siamo stati tutti convinti molto spesso che ciò che è nella mente di Washington è sulla lingua di Kiev. Sembra molto probabile che questo sia il caso in questo caso.
37 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 08: 51
    0
    La Serbia è quasi l'unico paese relativamente amichevole in Europa, nei Balcani. Armenia - nel Caucaso

    La parola chiave è "relativamente".
    Pertanto, lasciali passare. Risolvono i propri problemi. Loro stessa passione che indipendente.
  2. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 08: 58
    +1
    Questo fa chiaramente parte del "grande piano" degli Stati Uniti per la massima destabilizzazione di tutti i paesi dai quali la Russia può contare su assistenza e sostegno in una forma o nell'altra.

    Su quale tipo di assistenza all'Armenia o alla Serbia possiamo contare?
    Che tipo di assistenza abbiamo ricevuto in precedenza da questi paesi?
    Oppure interpretiamo l'assenza di azioni chiaramente ostili come un aiuto?
  3. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 09: 02
    +4
    La Cina è generalmente il più importante partner geopolitico ed economico di Mosca.

    Il fatturato commerciale è diminuito del 17% quest'anno rispetto al 2021.
    E questo nonostante la Cina abbia grandi sconti.
    Sì, la Cina parla bene la lingua. Sì, ma i fatti non confermano quanto dice la lingua cinese.
    1. Il commento è stato cancellato
      1. Il commento è stato cancellato
  4. Pat Rick Офлайн Pat Rick
    Pat Rick 4 August 2022 09: 02
    -2
    ... sicuramente parte del "grande piano" degli Stati Uniti per la massima destabilizzazione di tutti i paesi dai quali la Russia può contare su aiuto e sostegno in una forma o nell'altra.

    Non so che tipo di aiuto può ottenere la Russia dall'Armenia o dalla Serbia. È morale e non molto rumoroso. Il "supporto" di Pechino finora risiede nel fatto che di tanto in tanto emette i suoi avvertimenti cinesi di cento uomini.
    Bene, ovviamente, questo è un "grande piano" e una cospirazione dei massoni contro la Russia e i suoi alleati o parassiti. designato Non so come gli Stati Uniti nel mondo abbiano così tanti agenti del Dipartimento di Stato e della CIA, istigatori di "rivoluzioni colorate" e altri massoni. lol
    1. Il commento è stato cancellato
      1. Il commento è stato cancellato
  5. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 09: 21
    -1
    Titolo dell'articolo

    Kosovo, Taiwan, Nagorno-Karabakh… Il mondo viene “dato alle fiamme” da tutte le parti

    Il discorso di Zelensky

    “Prima i Balcani, poi Taiwan, ora forse il Caucaso...

    Prima di scrivere articoli, sarebbe bello ascoltare entrambe le parti, leggere il testo dell'accordo tripartito del 9 novembre 2020 e scoprire di cosa stavano parlando i ministri della Difesa di Russia e Azerbaigian.

    Certo, è un male che ci siano di nuovo degli scontri. Ma la logica dell'Azerbaigian non è stata portata all'attenzione dei lettori.

    L'aggressione dell'Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh e le impudenti richieste da esso espresse sembrano un attacco diretto al nostro Paese.

    Quali sono esattamente le "pretese arroganti", l'autore non potrebbe spiegare.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 August 2022 09: 45
    -1
    A tutti, a tutti piaceva il termine "smilitarizzazione". Altri possono, e vogliono, solo un po'!
    Semplicemente non oscillano subito. Dofiga punti.
    A quelli elencati vengono subito in mente i curdi, l'Asia centrale e l'Africa...
  7. Pavel Mokshanov_2 Офлайн Pavel Mokshanov_2
    Pavel Mokshanov_2 (Pavel Mokshanov) 4 August 2022 09: 47
    +4
    Come disse Alessandro III, solo l'esercito e la marina sono alleati della Russia. Tutto il resto nelle condizioni attuali, e anche nella storia, sono relativi, perché sono nella loro stessa mente. Tutto ciò di cui hanno bisogno è un aiuto finanziario e materiale. E poi spesso dimenticano l'alleanza. Pertanto, dobbiamo svilupparci in tutti i settori della difesa e dell'economia. Ciò richiede pensiero ed esecutivi specialisti nel potere e nella burocrazia.
  8. sat2004 Офлайн sat2004
    sat2004 4 August 2022 10: 24
    -1
    Mentre il Pashinyan semi-istruito è al potere, non c'è bisogno di aspettare il supporto del 100% dalla Russia, penso dal 30% al 40%. Pashinyan tradirà la Russia se seguiranno le migliori offerte di Francia e Turchia. Aliyev perse la guerra, l'obiettivo era scambiare il corridoio Lachin con il corridoio Zangyazur, come suggerito dall'America negli anni 90. Ma avendo perso le truppe più pronte al combattimento, dovette combinare i resti dell'esercito sconfitto con quello turco. La subordinazione dell'esercito passò ai generali turchi. Non ha preso il controllo di questi corridoi, perdendo più di 10mila soldati. Non è un caso che le proteste di chi ha combattuto si siano fatte più frequenti. Enormi perdite finanziarie multimiliardarie di azeri e turchi in Ucraina, il crollo dei droni turchi, il rifiuto dell'America di cooperare con la Turchia, la sconfitta dell'esercito ucraino, tutto ciò ha portato allo scontro nell'Artsakh.
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 10: 45
      -1
      Continui a scrivere storie di fantasia?
      1. sat2004 Офлайн sat2004
        sat2004 4 August 2022 11: 06
        0
        Cos'è la fantasia. Corridoio di Lachin sotto il controllo delle forze di pace russe. Il corridoio Zangyazur era coperto da una vasca di rame. Anche se Pashinyan acconsente a questo corridoio, l'Iran coprirà immediatamente la lista dei desideri. Ma il corridoio ferroviario India – Iran via mare, e poi Iran – Nakhichevan – Armenia – Georgia – Abkhazia – Russia è una realtà che i turchi stanno cercando di silurare. Quindi il corridoio di trasporto nord-sud è più realistico e redditizio utilizzando il ponte di Crimea. La Georgia ha già capito cosa sono la NATO e l'integrazione dell'euro, usando l'esempio di Ucraina e Azerbaigian. Penso che i georgiani non abbiano alcun desiderio di creare una discarica "Georgia", una discarica "Azerbaigian" sia sufficiente.
        1. Bakht Офлайн Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 12: 13
          -3
          La prima storia riguarda gli obiettivi dell'Azerbaigian nella guerra. Non era previsto alcuno scambio. Il compito era quello di liberare il territorio del Nagorno-Karabakh. Di' grazie alla Russia che non è stato completato fino alla fine.
          Le perdite dell'esercito azerbaigiano furono elevate, ma non così fatali come vorresti.
          L'esercito azerbaigiano non passò sotto il controllo dei turchi. Questo vecchio mito è già al limite.
          L'aggravamento attuale è legato proprio al corridoio di Lachin e al rifiuto dell'Armenia di rispettare l'accordo trilaterale.
          Il corridoio Zangezur è necessario non tanto all'Azerbaigian quanto alla Russia.
          Il ponte di Crimea non ha nulla a che fare con il progetto nord-sud.
          Che tipo di integrazione sull'esempio dell'Azerbaigian solo tu conosci nelle tue folli idee.
          Ovunque lanci costruzioni favolose ovunque.
          1. sat2004 Офлайн sat2004
            sat2004 4 August 2022 13: 39
            +2
            A che scopo la Russia ha bisogno del corridoio Zangyazur, cosa trasporterà dalla Turchia all'Azerbaigian e viceversa. Probabilmente per trasportare grano dall'Ucraina all'Azerbaigian o petrolio e gas. Delirio.
            Perché la Turchia e l'Azerbaigian hanno bisogno del corridoio Zangyazur, questa è la rotta est-ovest, le merci si muovono senza la partecipazione del territorio russo, invece che nord-sud. I turchi dormono e vedono. Allora chi ne ha bisogno?
            E ci sono molti post su Internet sullo scambio di territori da Lachin a Zangyazur, era popolare nei primi anni 90. Non ricordo esattamente il piano del calice.
            Grazie alla Russia per aver fermato questo massacro non necessario, decine di migliaia di vite paralizzate e morti.
            1. Bakht Офлайн Bakht
              Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 14: 11
              -3
              Primo. A proposito dello scambio. Ero a una riunione generale all'Accademia delle scienze dell'Azerbaigian quando Sakharov e Bonner hanno parlato lì. Hanno escogitato questo piano. Sì, questo è il piano di Gobble. Ma non sui corridoi. Si trattava di scambiare l'intero Zangezur con l'intero Nagorno-Karabakh. Nessuno avrebbe potuto inventare più stupidità. Il piano è stato respinto in Azerbaigian e Armenia.
              Sul corridoio di trasporto nord-sud

              Il corridoio prevede tre principali rotte cargo in relazione al Mar Caspio:

              1. Transcaspico: attraverso i porti di Astrakhan, Olya, Makhachkala. Nel 2004 è stata costruita una linea ferroviaria fino al porto di Olya.
              2. Vostochny: comunicazione ferroviaria diretta attraverso Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan con accesso alla rete ferroviaria iraniana attraverso l'attuale valico di frontiera Tejen-Serakhs. L'accordo per la costruzione di una strada che bypassa l'Uzbekistan è stato firmato nel 2007, l'apertura è prevista per il 2013.
              3. Ovest: direzione Astrakhan - Makhachkala - Samur, poi attraverso il territorio dell'Azerbaigian fino alla prevista stazione di confine Astara. Attraverso il territorio iraniano il transito dovrebbe essere assicurato dalla linea Astara-Rasht-Qazvin in costruzione. L'inaugurazione era prevista per il 2018. Per il 2019 sono state messe in funzione la tratta Astara (Azerbaigian) - Astara (Iran) e la tratta Rasht - Qazvin. A partire dalla fine del 2021, questa sezione non è ancora stata messa in funzione.

              Se trovi il ponte di Crimea lì, allora sei solo un genio della geografia.

              Perché la Russia ha bisogno di un corridoio di trasporto attraverso Zangezur? Ora alla dogana di Samur vengono processati fino a 400 autocarri pesanti al giorno. Russia e Azerbaigian hanno deciso congiuntamente di aumentare la capacità a 1500 autocarri pesanti. Tre volte di più. Quindi, chi è deluso, lo lascio alla tua coscienza. Probabilmente Lavrov non sta ancora delirando. Qualcun altro. E immagino anche chi sia.
              Le capacità di trasporto della Russia nella direzione occidentale sono gravemente ridotte. Blocco dalla Lituania, Polonia. Non parlo più dell'Ucraina. La rotta attraverso l'Azerbaigian-Armenia (corridoio Zangezur) porta merci russe in Turchia e oltre nell'Europa sudorientale e attraverso i porti turchi (aggirando il Bosforo) fino all'oceano mondiale. Questo è solo un ramo dalla linea principale attraverso l'Iran ai porti dell'Oceano Indiano.
              Per l'Azerbaigian, questa direzione non è così critica. Quei carichi che vanno tra l'Azerbaigian e la Turchia vengono consegnati con successo attraverso la Georgia. La strada Baku-Tbilisi-Kars è in funzione da molto tempo

              La lunghezza totale del BTK è di 826 chilometri. Di questi, 504 chilometri attraversano il territorio dell'Azerbaigian, 246 chilometri - Georgia, 79 chilometri - Turchia. La capacità stimata è di 1 milione di passeggeri e 6,5 milioni di tonnellate di merci. In futuro, potrebbe essere aumentato a 20 milioni di passeggeri e XNUMX milioni di tonnellate di merci.

              Questo percorso è ridondante al momento.

              La geografia è parte integrante e necessaria della geopolitica.
            2. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
              TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 9 August 2022 04: 03
              0
              Esattamente. Grazie Russia. Ma è inutile spiegare a questo anziano azerbaigiano mezzo turco.
  9. Dmitry KK Офлайн Dmitry KK
    Dmitry KK (Dmitry) 4 August 2022 10: 52
    +6
    Quando il vulcano Yellowstone si sveglierà e coprirà questo vile paese degli Stati Uniti.
    1. sat2004 Офлайн sat2004
      sat2004 4 August 2022 12: 28
      +1
      Guarda la cronaca, come un Eltsin ubriaco ballava intorno a Clinton, in America, in Occidente in quel momento oscurava le menti dei russi. Hanno inserito il concetto di presidente nella costituzione del sindacato, ma hanno dimenticato di coordinare gli articoli della costituzione. Ora questo si ritorce contro, come crede l'Occidente, l '"orso russo" improvvisamente chiede qualcosa, e non solo, fa anche dolorosamente male alla testa, chi è la colpa di questo, l'Occidente e l'America non capiranno. Quindi erano confusi, ma introduciamo le sanzioni, presto verranno introdotte contro ogni russo e la testa sta diventando sempre più dolorosa.
  10. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 4 August 2022 11: 03
    +2
    L'innesco di questa situazione sono i piani degli Stati Uniti di accendere un incendio in Europa, dimostrato al mondo intero. Sotto questo fuoco, altri potenziali beneficiari stanno incitando le proprie piccole guerre.
    Tutto questo dovrebbe confluire nella Grande Guerra. In tutto il mondo, ovviamente.
    Ho già scritto in precedenza che solo gli Stati possono fermare questi processi moderando le loro ambizioni, e solo noi possiamo costringerli a farlo minacciando le nostre armi nucleari strategiche per non aver soddisfatto le condizioni del nostro ultimatum (il modello di successo sono le azioni dell'URSS nel 1962).
    Sfortunatamente, la Russia ha rifiutato di inasprirsi contro gli Stati Uniti, trovandosi così sulla scia delle loro azioni nel mondo.
    Darò il mio commento del 13.01.22/XNUMX/XNUMX all'articolo "A cosa porterà l'adesione della Russia al blocco NATO":

    Il nostro confronto con gli Stati (compreso il loro strumento - la NATO) è espresso dal seguente schema:
    1. Fino al nostro ultimatum:
    - Gli stati stanno gradualmente stringendo il "cappio" attorno al nostro collo
    - Dichiariamo le nostre preoccupazioni e "linee rosse"
    Gli Stati Uniti stavano bene con questa situazione.
    2. Dopo il nostro ultimatum, la situazione si presenta così:
    - Gli stati continuano a stringere gradualmente il "cappio" attorno al nostro collo
    - Dichiariamo le nostre richieste e le minacce tecnico-militari
    3. Dopo il passaggio alle minacce tecnico-militari, la situazione sarà la seguente:
    - Gli Stati accelereranno l'inasprimento della "morsa mortale" attorno al nostro collo, accetteranno nuovi membri della NATO su base accelerata e prenderanno parte alla corsa agli armamenti e alla creazione di minacce tecnico-militari, il loro complesso militare-industriale trarrà vantaggio questo
    - Faremo del nostro meglio per resistere al confronto nella creazione di minacce tecnico-militari
    “Il mondo in questo momento diventerà sempre più pericoloso e imprevedibile. Con l'aumento del pericolo e dell'imprevedibilità, il mondo come stato si deprezzerà rapidamente.
    - La parte che fallisce per prima la gara sarà costretta ad arrendersi, oppure passare alla fase "calda", ovvero alla guerra. In un mondo in cui il mondo sarà già svalutato, ciò avverrà facilmente e impercettibilmente.
    Quindi, questo è il percorso per scivolare verso una guerra globale GARANTITA.
    Qual è la "radice" di questa situazione?
    Sta nel fatto che entrambe le parti, e soprattutto gli americani, in questa versione "fino all'ultimo" possono vivere nella vecchia, pacifica realtà. Questo permette loro, fino all'ultimo, di non prendere sul serio il prezzo che dovrà essere pagato in guerra.
    Non per niente gli americani, come mantra, principalmente per se stessi, stanno ripetendo la minaccia della nostra offensiva in Ucraina, e non un colpo per loro. Ciò è facilitato anche dalla dichiarazione congiunta dei "cinque nucleari" sulla prevenzione della guerra nucleare.
    Abbiamo bisogno di UN ALTRO ALTRO dagli americani.
    Abbiamo bisogno di loro ORA per realizzare il prezzo che dovranno pagare.
    Pertanto, è necessaria un'OPZIONE DIVERSA.
    È necessario dichiarare il nostro ritiro dalla dichiarazione congiunta dei "cinque nucleari".
    Dichiarare la disponibilità ad iniziare una guerra nucleare contro gli Stati Uniti ei suoi alleati della NATO.
    È necessario fare uno, sparare diversi colpi di avvertimento con armi nucleari alle nostre distanze. Potresti aver bisogno di un colpo di avvertimento su un'isola deserta o su un campo di addestramento in Nevada.
    Gli stati devono spostarsi in un'altra realtà, capire che queste non sono più minacce. Questa è la guerra stessa. Ma c'è ancora la possibilità di fermarlo.
    Se non hanno bisogno di una guerra nucleare sul loro territorio, la fermeranno.

    Citerò un altro dei miei commenti del 23.01.22/XNUMX/XNUMX all'articolo "La risposta preliminare degli Stati Uniti alle richieste della Russia per la non espansione della NATO è diventata nota"

    Mentre le azioni inequivocabili degli attori mondiali volte a completare i preparativi per una grande guerra, il fattore dell'“appetito” delle forze globali, i cui interessi sono ad esso direttamente collegati, inizia a funzionare.
    Ora questi stessi "appetiti" stanno cominciando a plasmare la realtà, a rendere inevitabile la guerra.
    La mobilitazione delle nostre forze armate e flotte funziona anche per questo fattore.
    Solo il fattore della minaccia di una guerra nucleare globale, che rende priva di senso e quindi irreale l'attesa grande guerra, è in grado di respingere questi “appetiti”, facendo “arricciare le labbra” ai nostri oppositori.

    Conclusione: la Russia ha nelle sue mani le chiavi per prevenire una guerra mondiale, prima ancora di intrufolarvisi: la capacità di minacciare gli Stati Uniti con le sue armi nucleari strategiche. Senza usare questo strumento, la Russia va deliberatamente alla guerra mondiale e alla sua stessa distruzione in essa
    1. sat2004 Офлайн sat2004
      sat2004 4 August 2022 11: 43
      0
      È necessario creare condizioni in Siria in cui i turchi e l'America approfittino dell'esperienza degli afgani. Poi in Iraq. Questa è la soluzione più accettabile per la Russia ed è coerente con la dottrina.
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2022 12: 08
      -1
      (Aleksey) Esatto, ma ci sono ancora molti paesi con armi nucleari nel mondo e il mondo è raggruppato in blocchi, quindi la Russia deve coinvolgere la propria nei blocchi, prima situazionalmente Cina, Iran, poi la risposta è più forte.
      1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
        Alexey Davydov (Alex) 4 August 2022 16: 59
        +2
        Abbiamo armi nucleari strategiche più che sufficienti per minacciare l'Egemone.
        Il nostro governo non ha volontà. O non è più veramente nostro. In questa situazione, qualsiasi arma sarà inutile
  11. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 4 August 2022 12: 08
    +1
    La pubblicazione è tempestiva e motivata.
    Ma è sorprendente che secondo A. Danilov: la Polonia rivendichi ... la regione di Kaliningrad - la Prussia orientale!
    Il cancelliere tedesco Olaf Scholz è consapevole di tali desideri di vicinato?
    1. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 12: 26
      0
      L'autore porta spesso la propaganda di Kiev nel testo degli articoli. Perché lo fa è un segreto per me.
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2022 12: 33
      +2
      (Mikhail) Replica. Oggi la demografia determina l'appartenenza (il precedente del Kosovo) La regione di Kaliningrad è tutta russa, quali domande? Dando fuoco ai paesi del mondo, gli anglosassoni sono maestri insuperabili in questo, e su quello costruiscono il loro dominio, che ancora oggi...
  12. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 13: 23
    -3
    Nuova escalation armeno-azerbaigiana sullo sfondo della guerra in Ucraina



    La strada che aggira Lachin è stata costruita dalla parte azerbaigiana. La lunghezza è di 32 km. L'Armenia rifiuta questa deviazione e inizia a rafforzare il corridoio di Lachin con i suoi posti di blocco. L'Azerbaigian ha demolito queste roccaforti e ha rilasciato una dichiarazione alla parte russa secondo cui il controllo sul corridoio di Lachin dovrebbe essere effettuato non dalle forze armate armene, ma da quelle russe.
    Il fatto che gli accordi tripartiti prevedano una tangenziale (entro tre anni) non significa che si debbano aspettare tre anni. L'Azerbaigian ha costruito questa strada in due anni.
    Questa è l'intera ragione dell'aggravamento attuale.
    1. sat2004 Офлайн sat2004
      sat2004 4 August 2022 14: 19
      +1
      Perché prendere l'altezza, perché la strada è costruita, di nuovo ci sono morti. Lungo il corridoio di Lachin sono state costruite autostrade. Sono state costruite anche queste autostrade? È necessario approvare lo status delle forze di pace, definire i loro compiti. Aliyev è soddisfatto delle forze di pace, lascia che firmi un documento sullo stato delle forze di pace con la Russia e lo coordini con l'Armenia. Allora tutti capiranno. Sono passati due anni, chi stiamo aspettando?
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 15: 21
        -2
        Sembra che tu non capisca affatto di cosa stai parlando. Lo status delle forze di pace è determinato da un accordo tripartito. Cos'altro deve essere firmato? Le alture su cui gli armeni collocavano i loro posti controllavano il percorso del corridoio di Lachin.
        Fondamentalmente, tu non sai niente.

        Dichiarazione del Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian, del Primo Ministro della Repubblica di Armenia e del Presidente della Federazione Russa (secondo il testo pubblicato sul sito kremlin.ru).

        Noi, il Presidente della Repubblica dell'Azerbaigian I. G. Aliyev, il Primo Ministro della Repubblica d'Armenia N. V. Pashinyan e il Presidente della Federazione Russa V. V. Putin, abbiamo dichiarato quanto segue:

        1. Un cessate il fuoco completo e tutte le ostilità nella zona di conflitto del Nagorno-Karabakh sono annunciati dalle 00:00 ora di Mosca del 10 novembre 2020. La Repubblica dell'Azerbaigian e la Repubblica d'Armenia, di seguito denominate le Parti, si fermano alle loro posizioni.

        2. La regione di Aghdam viene restituita alla Repubblica dell'Azerbaigian fino al 20 novembre 2020.

        3. Lungo la linea di contatto nel Nagorno-Karabakh e lungo il corridoio Lachin il contingente di mantenimento della pace della Federazione Russa viene schierato per un importo di 1960 militari con armi leggere, 90 mezzi corazzati per il trasporto di personale, 380 unità di equipaggiamento automobilistico e speciale.

        4. Il contingente di mantenimento della pace della Federazione Russa viene dispiegato parallelamente al ritiro delle forze armate armene. Il termine di permanenza del contingente di mantenimento della pace della Federazione Russa è di 5 anni con proroga automatica per i successivi 5 anni, se nessuna delle Parti dichiara 6 mesi prima della scadenza del periodo di intenzione di porre fine all'applicazione di questa disposizione.

        5. Al fine di aumentare l'efficacia del controllo sull'attuazione degli accordi da parte delle Parti in conflitto, viene dispiegato un centro di mantenimento della pace per controllare il cessate il fuoco.

        6. Fino al 15 novembre 2020, la Repubblica di Armenia restituisce la regione di Kelbajar alla Repubblica dell'Azerbaigian e fino al 1° dicembre 2020 - la regione di Lachin. Il corridoio di Lachin (largo 5 km), che fornirà un collegamento tra il Nagorno-Karabakh e l'Armenia e allo stesso tempo non interesserà la città di Shusha, resta sotto il controllo del contingente di peacekeeping della Federazione Russa.

        Previo accordo delle parti nei prossimi tre anni sarà definito un piano per la costruzione di una nuova via di traffico lungo il corridoio di Lachin, che preveda un collegamento tra il Nagorno-Karabakh e l'Armenia, con il successivo ridistribuimento del contingente di peacekeeping russo a protezione di tale rotta.

        La Repubblica dell'Azerbaigian garantisce la sicurezza del traffico lungo il corridoio Lachin di cittadini, veicoli e merci in entrambe le direzioni.

        7. Sfollati interni e rifugiati stanno tornando nel territorio del Nagorno-Karabakh e nelle aree adiacenti sotto il controllo dell'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati.

        8. Viene effettuato lo scambio di prigionieri di guerra, ostaggi e altre persone detenute e corpi dei morti.

        9. Sbloccare tutti i collegamenti economici e di trasporto della regione. La Repubblica di Armenia garantisce la sicurezza delle comunicazioni di trasporto tra le regioni occidentali della Repubblica dell'Azerbaigian e la Repubblica Autonoma del Nakhichevan al fine di organizzare la libera circolazione di cittadini, veicoli e merci in entrambe le direzioni. Il controllo sui collegamenti di trasporto è svolto dal servizio di guardia di frontiera dell'FSB della Russia.

        Con l'accordo delle parti, sarà fornita la costruzione di nuove comunicazioni di trasporto che collegheranno la Repubblica autonoma di Nakhichevan con le regioni occidentali dell'Azerbaigian.

        Come puoi vedere, anche il corridoio di Zangezur è sotto il controllo delle guardie di frontiera russe
        1. sat2004 Офлайн sat2004
          sat2004 4 August 2022 16: 58
          0
          Ebbene, dov'è la costruzione del corridoio Zangyazur?
          Questa è la lista dei desideri di Aliyev. Il controllo delle guardie di frontiera, sì, abbiamo passato il valico, e basta, la responsabilità delle guardie di frontiera è finita, metti un timbro e vai. Ora la rotta è Iran-Nakhichevan-Armenia-Georgia-Abkhazia-Russia (Sochi-Ponte Crimea-Crimea-Kherson ...) verso la Polonia, la Moldova o il nord verso Kaliningrad. Dove sono i problemi qui?
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 17: 16
            -2
            Ho visto un insieme di parole. Non ha senso.
            1. sat2004 Офлайн sat2004
              sat2004 4 August 2022 18: 11
              +1
              Il significato è semplice. Abbiamo caricato il container in India, Cina e l'abbiamo ricevuto a Kaliningrad. Se la CSTO verrà ulteriormente ampliata da Iran e Georgia, sarà un corridoio di trasporto ideale per persone che la pensano allo stesso modo. concorrente di Suez. Una ricarica del container - mare - ferrovia. Come nella vita, oggi i vicini hanno litigato e domani gli amici, perché ha cominciato a frusciarti in tasca.
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 18: 28
                -2
                Signore, quando finirà questo atto di equilibrio verbale... Ebbene, sulle dita.
                L'Armenia non è stata in grado di costruire una nuova ferrovia dall'Iran all'Armenia per 30 anni. 30 anni non riescono a trovare 3 miliardi di dollari per questa strada.
                La rete ferroviaria dell'Armenia è in un tale stato di abbandono che ha dovuto essere consegnata alle ferrovie russe.
                Citazione "Hai visto un cammello? Abbiamo montagne, montagne ..." Per trasportare merci attraverso le strade di montagna della Georgia, poi attraverso l'Abkhazia, il ponte di Crimea, per ... correre nel blocco della Lituania o della Polonia.
                Alternativa: ho caricato un container in India e l'ho inviato direttamente attraverso l'Azerbaigian in Russia. Generalmente nessun sovraccarico in arrivo. I camion pesanti attraversano l'Azerbaigian fino alla Russia. Tutto ciò che serve sono 100 km della strada Rasht-Astara, per la quale l'Azerbaigian ha già stanziato un prestito di 500 milioni di dollari. L'autostrada da Baku al Daghestan non solo viene riparata in fretta, ma ne viene costruita una nuova, parallela a quella vecchia. Ci sono passato io stesso un mese fa. La sezione Sumgayit-Khachmas viene costruita giorno e notte. I camion pesanti con numeri russi non sono sovraffollati sulla vecchia strada.
                Il corridoio Zangezur è una direzione latitudinale che si inserisce nel concetto cinese di una "nuova Via della Seta". La direzione meridionale per Kaliningrad non è interessante. La Russia ha bisogno di esportare merci non solo in Iran, in India, ma anche nel Mar Mediterraneo. Questo è uno sbocco per l'Africa e il sud-est Europa. Dove c'è l'Egitto, la Grecia, l'Algeria e tanti altri paesi interessanti. La strada per la Turchia offre un'alternativa alle rotte bloccate. E aggira il collo di bottiglia: il Bosforo.

                Alla fine non mi interessa molto. Costruisci una ferrovia attraverso la Georgia. Non credo che le ferrovie russe accetteranno di spendere 3 miliardi di dollari per questo cantiere. In ogni caso, fino ad ora non ho sentito parlare di un progetto del genere.
                1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
                  TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 9 August 2022 03: 57
                  -1
                  Come un bambino). La migliore vista dall'esperto dal divano. Bravo. Un altro meritato meno. Come sempre!
  13. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 13: 31
    +1
    In epoca sovietica, c'era una tale caratteristica.
    Qualche stato in Asia, Africa o America Latina ha dichiarato la scelta della via socialista.
    Felice, Mosca si è precipitata ad aiutare il suo "alleato" - armi gratis, prestiti irrevocabili, costruzione di strutture su base caritatevole, risolvendo i problemi di questo stato senza alcun obbligo da parte di questo stato. L'importante era dire le parole giuste.

    Questo trucco funziona ancora. Solo le parole devono essere pronunciate in modo diverso. E i paesi ora provengono dall'Europa.
  14. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 4 August 2022 17: 21
    0
    In termini di geopolitica classica, Pelosi ha una diplomazia assertiva e offensiva.
    1. Michele L. Офлайн Michele L.
      Michele L. 4 August 2022 19: 08
      0
      Occorre una precisazione: "offensivo... in piedi"!
      1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 10 August 2022 14: 54
        0
        Pelosi, ecco chi, una nonna di 80 anni e più. Ha un carro e un carro per i giovani consiglieri, e secondo le loro istigazioni e convinzioni, la nonna vola qua e là, dove non dovrebbe, ma la nonna non c'entra niente, la consigliano solo caldamente... Quella stessa storia con Joseph Biden...
  15. marz Офлайн marz
    marz (Stas) 5 August 2022 04: 39
    -2
    I comunisti hanno creato la Repubblica dell'Azerbaigian, ma invano, più in ordine ascendente, in breve, l'Azerbaigian sarà diviso da Iran, Turchia e Armenia con il sostegno della Russia, e hanno bisogno di descriverlo in modo piuttosto colorato !!!
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 10 August 2022 15: 17
      0
      (Stas) Sì, dicono, l'Azerbaigian è ricco di petrolio e i locali al potere con Aliyev sono indipendenti e non tollereranno un altro padrone su se stessi, accetteranno l'amicizia di R. Erdogan, ma solo amicizia, non vassallaggio ... Iran non ha nulla a che fare con questo, anche se in Iran, una diaspora multimilionaria di azeri vive vicino al confine, che sta imponendo sempre più contatti con l'Azerbaigian, c'è persino la possibilità di espandere l'Azerbaigian a spese dell'Iran - "le modalità di il Signore sono imperscrutabili" .....