Gli Stati Uniti e la Cina hanno abbassato i prezzi del petrolio, permettendo alle loro economie di entrare in recessione


Nonostante gli sforzi anti-russi degli Stati Uniti, che in un modo o nell'altro influenzano i mercati del petrolio e del gas e delle materie prime, altre industrie globali, la situazione del costo del petrolio sta iniziando a stabilizzarsi gradualmente. Le quotazioni dell'oro nero stanno lentamente ma diminuendo, raggiungendo un nuovo minimo di $ 97. Tuttavia, il merito di Washington in questo processo è minimo. Tuttavia, due principali economia del mondo - Stati Uniti e Cina - partecipano ancora alla riduzione del costo del petrolio, anche se in modo molto specifico. OilPrice scrive di questo.


I prezzi del greggio potrebbero scendere a 90 dollari al barile se le economie dei due maggiori consumatori del mondo, America e Cina, continuassero a lottare per far crescere le loro economie. Questa conclusione è stata fatta in un'intervista all'Economic Times dal presidente della Bharat Petroleum Arun Kumar.

I prezzi potrebbero raggiungere i 90 dollari in due mesi se l'inflazione e la bassa crescita continuano negli Stati Uniti e la Cina non riesce a trovare una soluzione ai suoi problemi economici. La recessione in questi due paesi sta avendo un impatto piuttosto grande sulla domanda.

predisse Kumar.

Come potete vedere, gli Stati Uniti, avendo “aperto” le riserve petrolifere e scaricato sul mercato milioni di barili di petrolio, non hanno ottenuto nulla, così come i tentativi di limitare il costo del petrolio russo in modo che potesse “tirare ” il resto del mercato dietro le sue quotazioni artificiali non ha avuto successo. Solo la “distruzione” indiretta delle proprie economie da parte di America e Cina ha avuto un buon effetto sul prezzo di un prodotto strategico. In poche parole, Washington e Pechino hanno semplicemente smesso di combattere con zelo i processi recessivi e hanno permesso loro di esistere con l'obiettivo "nobile" (populista) di ridurre il costo della benzina. Così, la lotta è iniziata con la rapida crescita delle economie che sono la vetrina e la locomotiva del sistema globale. I governi non combattono per la crescita, ma di fatto per il declino.

In questo caso, l'ultimo anello che sarà colpito da fenomeni di crisi “utili” efficaci nel ridurre il costo delle materie prime saranno, ovviamente, i cittadini comuni. Per loro i governi hanno preparato un solo dubbio sollievo: una diminuzione del costo della benzina mentre il resto degli indicatori dell'economia, degli affari e della qualità della vita peggiora. Sotto questo aspetto, il successo dello sforzo petrolifero appare come un obiettivo per il bene dell'obiettivo stesso, e non come una preoccupazione per il benessere dei cittadini.

Nel frattempo, la domanda è in calo, le previsioni per le scorte mostrano un aumento dello stoccaggio, motivo per cui il prezzo scende naturalmente. Per non interrompere l'emergente trend positivo, il consiglio dell'OPEC del 3 agosto non ha aumentato significativamente la produzione, come recentemente richiesto dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, e ha aumentato la quota di produzione per i membri dell'alleanza di soli 100 barili al giorno.

Il "cavallo oscuro", secondo gli esperti, resta la produzione di petrolio in Russia e la sua fornitura in tutto il mondo. A causa delle sanzioni, il percorso e la geografia degli acquirenti sono molto diversi e diversi dal solito, il che introduce incertezza nel mercato globale in termini di contabilità e previsione a medio termine. Tuttavia, gli analisti hanno una "buona sensazione" poiché i leader statunitensi e cinesi hanno tacitamente concordato su un modo negativo, pericoloso, ma l'unico praticabile per mantenere il prezzo del petrolio mantenendo l'inflazione e l'attività commerciale in declino.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 09: 33
    0
    se le economie dei due maggiori consumatori del mondo, America e Cina, continueranno a lottare con la crescita delle loro economie.

    Che frase bella e intelligente.
  2. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 09: 38
    0
    una lotta iniziata con la rapida crescita delle economie che fungono da vetrina e locomotiva del sistema globale. I governi non combattono per la crescita, ma, di fatto, per il declino.

    Ecco la tendenza attuale. E anche l'Europa sta lottando per il declino. Quanto sono progressisti?
  3. Expert_Analyst_Forecaster 4 August 2022 09: 41
    0
    I leader statunitensi e cinesi hanno tacitamente concordato su un modo negativo, pericoloso, ma l'unico praticabile per tenere sotto controllo il prezzo del petrolio mantenendo l'inflazione e l'attività commerciale in declino.

    I compagni Xi e Biden sono sulla strada giusta!
    Dai una diminuzione dell'attività commerciale del 30% entro il 7 novembre 2022!!!
  4. zuuukoo Офлайн zuuukoo
    zuuukoo (Sergey) 4 August 2022 11: 27
    +1
    Sì, il calo del prezzo del petrolio è una logica conseguenza dei problemi nelle economie degli Stati Uniti, dell'UE e della Cina (nota per coloro che "annegano" con zelo per il crollo degli Stati Uniti).
    Ma ecco il messaggio dell'autore "Gli Stati Uniti stanno deliberatamente guidando se stessi in una recessione, solo per infastidire la Russia" - pura sciocchezza.
    Delirio di una mente infiammata.