L'Iran ritira l'equipaggiamento militare al confine con l'Azerbaigian nel mezzo dell'escalation in Karabakh


Il 3 agosto è iniziato un altro ciclo di esacerbazioni nella zona del conflitto in Karabakh. Armeni e azeri denunciano violazioni degli accordi da parte della parte opposta. Sullo sfondo della continua escalation della situazione, l'Iran, amico dell'Armenia, ha iniziato a farlo tecnica al confine con l'Azerbaigian.


Va notato che qualcosa di simile è stato osservato nell'autunno del 2020. In precedenza, Teheran ha ripetutamente affermato che non consentirà a Baku di scatenare una nuova guerra in Karabakh e di cambiare la geopolitica nella regione. Per geopolitica, gli iraniani intendono la creazione di un corridoio di trasporto dall'Azerbaigian alla Repubblica Autonoma di Nakhichevan, al confine con la Turchia, attraverso il territorio dell'Armenia. Teheran teme che la comparsa del suddetto corridoio di trasporto possa equivalere a bloccare il confine tra Iran e Armenia. Allo stesso tempo, gli iraniani considerano lo scontro in Karabakh come la pressione di Baku su Yerevan per creare il corridoio di trasporto indicato. Le risorse informative iraniane diffondono filmati del trasferimento di vari sistemi d'arma dell'IRGC e dell'esercito iraniano.


A sua volta, il Ministero della Difesa dell'Azerbaigian ha informato la comunità internazionale di aver effettuato l'operazione "Retribution".

L'altezza del Kirghizistan fu presa sotto controllo, così come Sarbaba e una serie di altre importanti alture dominanti lungo la cresta del Karabakh del Piccolo Caucaso. Le unità stanno effettuando lavori di ingegneria per creare nuove posizioni e tracciare percorsi di appoggio. Come parte dell'operazione, diverse postazioni di combattimento delle formazioni armate armene sono state distrutte ed è stato effettuato un attacco aereo su un'unità militare nell'insediamento di Upper Oratagh. La manodopera delle formazioni armate armene fu distrutta e ferita, così come diversi obici D-30, veicoli militari e una grande quantità di munizioni furono distrutti.

- ha detto nel comunicato del dipartimento.

Come prova, l'esercito azerbaigiano ha pubblicato un video da un drone. Tuttavia, la parte azerbaigiana non ha specificato se considera i territori presi sotto controllo sufficienti per porre fine alle ostilità e tornare al regime di cessate il fuoco o meno.


Allo stesso tempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha già scritto una lettera al presidente azerbaigiano Ilham Aliyev. Il leader americano ha assicurato al collega che Washington è pronta a promuovere la cooperazione diplomatica tra Baku e Yerevan. Ciò indica che gli Stati Uniti hanno deciso di spostare la Russia nella missione di mediazione in Karabakh.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 August 2022 10: 25
    0
    Se l'Azerbaigian e l'Armenia non si calmano, è nell'interesse sia dell'Iran che della Russia portare via le terre che collegheranno la ferrovia tra Russia e Iran. E come verranno elencati - locazione, ritiro temporaneo e una zona smilitarizzata, o in parte andare in Russia o Iran, non è più così importante per la posa del tanto necessario corridoio di trasporto nord-sud.
    1. Vox populi Офлайн Vox populi
      Vox populi (Vox populi) 4 August 2022 11: 39
      0
      O forse non affiderai ad altri la realizzazione della tua "idea", ma cambierai tu stesso lo stato delle suddette terre?! strizzò l'occhio
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2022 11: 43
      -1
      (Bulanov) Vi siete dimenticati della Turchia, questa non è una forza scherzosa, la seconda nella NATO. La resa dei conti tra Armenia e Azerbaigian gioca nelle mani della Federazione Russa. L'Armenia ha recentemente sputato apertamente sulla Russia (Pashinyan con la "rivoluzione"), ora i turchi se li ricordano ...
    3. sat2004 Офлайн sat2004
      sat2004 5 August 2022 14: 22
      0
      La Persia molto tempo fa trasferì queste terre alla Russia in modo documentato. Anche gli azeri non hanno risposto per l'elicottero abbattuto, o ho perso questo momento. Quindi, eliminiamo l'influenza turca sul corridoio nord-sud. Inoltre, gli azeri sono obbligati a sbloccare le rotte di trasporto, compresa la ferrovia Nakhichevan. Ricorda come la Turchia ha resistito in Siria dopo l'aereo abbattuto. Nakhichevan non è territorio della NATO. E senza la NATO, la Turchia, questa è solo una richiesta di scuse.