L'iniziativa di Taiwan: quindi chi ha vinto?


Devo dire che il relatore del Congresso degli Stati Uniti è più che riuscito ad attirare l'attenzione di tutti. L'incidente del 2 agosto si è rivelato un vero e proprio blockbuster online molto eccitante, che per completa epicità mancava solo della musica di Hans Zimmer in sottofondo ... e di un epilogo spettacolare. In un certo senso, il pubblico di massa è rimasto deluso.


Ma c'è stato un momento davvero teso: quando ci sono state notizie che "cannoni antiaerei sono stati scoperti all'aeroporto di Taipei", il pensiero si è insinuato involontariamente, ma questi sabotatori cinesi non si stavano preparando a ricevere cari ospiti? Ma ha funzionato, e non è affatto un dato di fatto che questo episodio sia effettivamente avvenuto.

Purtroppo, difficilmente sapremo mai come gli attori di questo spettacolo "al momento" abbiano valutato i rischi, ma, d'altra parte, questo non è più importante ora. Di vero interesse sono le implicazioni del viaggio di Pelosi a Taiwan. Nell'analisi russa (con e senza virgolette), da sei a sette valutazioni su dieci si riducono al fatto che "la Cina ha perso la faccia, gli americani sono a cavallo", il resto - "niente è ancora chiaro"; nelle pubblicazioni straniere, gli americani guidano, forse, con un punteggio di 9:1.

E se andiamo dall'altra parte e cerchiamo di capire cosa volevano ottenere Pelosi e i cinesi con le loro dichiarazioni e azioni? Possibile che tutti abbiano ottenuto ciò che volevano? - Sì, è abbastanza. È vero, non dobbiamo dimenticare che "raggiungere il desiderato" e "vittoria" in politica non sono affatto sinonimi.

Baba Yaga sotto il naso del nemico


Demarch ha mostrato chiaramente tutte le specificità del sistema politico americano, tutti questi "controlli", "bilanciamenti" e atavici storici.

Pelosi, in quanto uno dei più importanti funzionari Usa, ha parlato a nome degli Stati durante la visita, ma di sua iniziativa, e ha promosso gli interessi degli Stati della regione - come li vede lei. Hanno cercato di convincerla, di dissuaderla - ma era impossibile vietare a Pelosi di farle visita come funzionario del governo.

È molto significativo che alla vigilia del viaggio, Biden abbia chiamato personalmente Xi Jinping e gli abbia chiesto di non prestare attenzione alle "buffonate delle donne", "azzerando" in anticipo tutte le sue potenziali dichiarazioni, e quando il consiglio di Pelosi era in arrivo per i più interessanti, il presidente e il Dipartimento di Stato, infatti, hanno evitato possibili conseguenze. Ciò rende insostenibili affermazioni come "hanno mandato una nonna che non è un peccato" - nessuno ha inviato un oratore, ha agito come un soggetto indipendente, a proprio rischio e pericolo (letteralmente).

Con tutto questo, Pelosi non può essere definita semplicemente una “nonna pazza”, definizione a cui molti commentatori stanno cercando di ridurre. Suo padre era una volta un membro del Congresso e sindaco di Baltimora, e suo fratello maggiore riuscì a rimanere nell'ultima posizione. Essendo una scienziata politica per educazione, è entrata in politica direttamente dalla sua panchina studentesca ed è entrata al Congresso nel 1987; inoltre, il suo curriculum come membro del Partito Democratico includeva la posizione di "frusta" - il capo disciplinare della fazione, che si assicura che i membri del partito votino "correttamente", cioè come indicano.

Già membro del Congresso, Pelosi si oppose alle invasioni americane dell'Iraq sia nel 1991 che nel 2003. Ma allo stesso tempo, quando i Democratici, avendo acquisito la maggioranza al Congresso nel 2004, accusarono Bush di falsificare informazioni sulle armi di distruzione di massa di Hussein e cercarono di metterlo sotto accusa , ha rifiutato di votare il provvedimento con il caratteristico commento: "Non si sa mai dove porteranno le indagini".

Per quanto riguarda le relazioni USA-Cina, Pelosi si è costantemente opposta al dialogo e al confronto per tutta la sua carriera, poiché la RPC è nota per essere uno stato "autoritario" e "antidemocratico", nonché un potenziale concorrente del dominio mondiale degli Stati Uniti. Su questa base, il democratico Pelosi in un primo momento andò d'accordo anche con il repubblicano Trump, noto per le sue convinzioni anti-cinesi, anche se in seguito le loro strade si discostarono nettamente.

Cioè, quando ha pianificato la sua visita provocatoria a Taiwan, Pelosi ha capito perfettamente cosa stava facendo e che tipo di reazione avrebbe potuto causare; allo stesso tempo, non era spinta da un desiderio spontaneo di fare uno spuntino con la Cina, ma da convinzioni politiche che si erano formate da molti anni. Resta da capire perché ha deciso di aggravare i rapporti con la Cina in questo momento, quando, sembrerebbe, è più vantaggioso per gli americani essere suoi amici e inclinarsi all'ostilità nei confronti della Russia?

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che l'iniziativa di Pelosi è stata un tentativo di distogliere l'attenzione dall'Ucraina e dai problemi interni degli Stati Uniti che sono peggiorati a causa di ciò. C'è un'opinione secondo cui questa affermazione è abbastanza vicina alla verità.

È possibile che il presidente del Congresso consideri un fallimento la politica estera di Biden e abbia voluto “azzerarla” in modo così stravagante, per costringere il Partito Democratico a passare dal progetto ucraino fallito (in cui lei stessa ha investito) a uno più avversario serio. È anche possibile che l'obiettivo principale fosse quello di segnare punti di politica interna alla vigilia delle più difficili elezioni congressuali autunnali per il Pd, per intercettare parte dell'elettorato con "ambizioni imperiali" dai repubblicani. E, inutile dirlo, esprimere un "fi" personale e umiliare pubblicamente il PRC non è stata l'ultima cosa per Pelosi.

I risultati sono stati contrastanti. Per dimostrare che il Partito Democratico ha ancora polvere da sparo nelle fiaschette, e non solo ogni sorta di cose diverse nei pantaloni, forse, è venuto fuori. È divertente che anche alcuni degli assessori repubblicani del Congresso e del Senato abbiano approvato il viaggio dell'oratore (sperando segretamente che il suo aereo venisse comunque abbattuto?), ma il principale nemico patentato della Cina - Donald Trump - era furioso. Più o meno il raffreddamento delle relazioni con la Cina, a quanto pare, avverrà anche nel prossimo futuro, e dalla stessa Repubblica popolare cinese.

Ma con l'umiliazione pubblica, tutto è lontano da quello che vorrebbe Pelosi.

"Ultimo cinese" o "honest Red Navy"?


Non importa quanto i media occidentali (e parte della Russia) assaporino i titoli dei titoli sul "fallimento di Xi Jinping", il "drago di carta", "lo zimbello della Cina" e la "crescita del prestigio degli Stati Uniti", tutti questi sono valutazioni da un punto di vista europeizzato. Nel frattempo i “barbari bianchi” si prendono gioco del “vigliacco Xi”, la regione Asia-Pacifico sta chiaramente tremando, e qualcosa non sembra una risata.

Viene in qualche modo trascurato che l'obiettivo della Repubblica popolare cinese nella questione di Taiwan non è un confronto con gli Stati Uniti, ma il ritorno della provincia sotto controllo, cosa altamente auspicabile in generale. Di conseguenza, la maggior parte dei tuoni e dei fulmini verbali non è stata indirizzata affatto agli americani e nemmeno ai loro alleati nel teatro delle operazioni, ma in particolare alle autorità di Taiwan: "Se lo desideri in modo negativo, sarà in un brutto modo".

Soprattutto, la Cina ha iniziato subito ad adempiere alle minacce contro Taiwan: ancor prima dell'arrivo di Pelosi, le truppe informatiche hanno fatto crollare i siti ufficiali dei dipartimenti insulari, è subito entrato in vigore il primo pacchetto di sanzioni e fisicamente l'isola si è trovata in una "semi- blocco” come quello che i “partner” occidentali stanno cercando di applicare alla regione di Kaliningrad.

Ci sono tutte le ragioni per crederlo economico La pressione della terraferma su Taiwan non farà che aumentare e, in cambio del suo allentamento, a Taipei potrebbe essere richiesto di "battere con la fronte" in qualche forma umiliante. Gli "esercizi" intorno all'isola, ovviamente, non dureranno per sempre, e ancor di più non si trasformeranno in un'operazione di sbarco, ma la presenza militare rafforzata lungo il perimetro può diventare permanente, con il rischio costante di stabilire un blocco completo . Allo stesso tempo, tra l'altro, gli Stati dovranno rispondere delle parole sui “forti legami alleati” con Taiwan.

Non sembra che siano pronti per questo. In linea di principio, tutti i decisori occidentali, ad eccezione della stessa Pelosi e del ministro degli Esteri tedesco Burbock (che non sembrava capire molto la situazione), hanno dichiarato di sostenere lo status quo esistente e che "non dovremmo scherzare con la guerra". Ancora più tipico notizie dalla penisola coreana: il Presidente della Corea del Sud si è subito sentito stanco ed è scappato in vacanza prima dell'inizio del tour Pelosi; e la Corea del Nord ha ricordato ancora una volta che, in effetti, ha armi nucleari. E non c'era dubbio che il popolo cinese appoggiasse pienamente le decisioni del Partito e del Presidente: dove sarebbe andato?

Questa volta, sembra davvero molto probabile che la leadership della RPC abbia approfittato dell'esperienza della NWO russa, non militare, ma politica e informativa. Sembra essere concluso che dietro tutte queste "linee rosse", "negoziazioni", minacce non realizzate e generalmente mantenere le posizioni sotto una pioggia di sputi si cela una strategia efficace per disorientare il nemico. Tipo "che ci considerino codardi e sciocchi, ma per ora prenderemo i nostri".

È difficile dire se questa sia davvero la nostra "strategia" o la VPR cinese, o semplicemente "succede e basta". Ma in realtà è chiaro che la Cina ha approfittato dell'iniziativa americana per aumentare la pressione su Taiwan, e Pelosi, soddisfatte le sue personali ambizioni politiche, piantato la madrepatria e il capo un altro grande maiale in crisi. Come si suol dire, beh, chi è lo sciocco adesso?
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 4 August 2022 15: 12
    0
    Allora, Pelosi ha spruzzato del cherosene nel fuoco fumante della questione di Taiwan, poi il fuoco è divampato, si spegnerà rapidamente o no, dipende da molto. Piuttosto, si spegnerà, nessuno ha bisogno di una guerra nucleare, ma non c'è altro modo per farlo, con le garanzie espresse dagli Stati Uniti. La distrazione dell'attenzione dalla crisi ucraina (si fa per dire) è evidente, ma la Russia si è avvicinata alla Cina, e per questo grazie a Pelosi.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 4 August 2022 15: 30
    0
    Come farà la Cina, lo dirà il tempo. Può lanciare un blocco navale di Taiwan e costringerla a unirsi pacificamente alla Cina. O forse mettere tutto in secondo piano.
    Ma è più vantaggioso per il presidente Xi organizzare un blocco di Taiwan prima del Congresso del PCC e pubblicare sui media l'enorme desiderio dei taiwanesi di riunirsi alla Cina.
    E lì, come va.
  3. k7k8 Офлайн k7k8
    k7k8 (vic) 4 August 2022 15: 31
    0
    Citazione: Mikhail Tokmakov
    Questa volta, sembra davvero molto probabile che la leadership della RPC abbia sfruttato l'esperienza della NWO russa - non militare, ma politica e dell'informazione

    I compagni cinesi, a differenza di noi, non amano gonfiare le guance invano e parlare con le labbra. E in virtù della loro mentalità, sono studenti diligenti. Perché distruggere ciò che dovrebbe esserti dato senza spargimento di sangue e con fedeltà guardando i tuoi occhi con un sentimento di profonda gratitudine?
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 4 August 2022 15: 42
    +3
    La politica statunitense è piuttosto specifica e, finora, di successo. Era necessario rovinare l'economia europea - si sta facendo. È stato necessario mettere ai box gli slavi (russi e ucraini) - si sta svolgendo più che con successo.

    La visita di Pelosi non è stata un atto spontaneo di una vecchia pazza. È più adeguata di Biden. Il volo è avvenuto su un aereo governativo, accompagnato da caccia statunitensi, cioè si tratta di un'azione della Casa Bianca. Tanto più che l'ufficio di Pelosi ha subito comunicato che si trattava di una visita ufficiale.

    Perché era necessario? Solo supposizioni.
    Gli americani avrebbero potuto calcolare che Xi non avrebbe abbattuto l'aereo, e quindi chiama dalla Casa Bianca a Xi con la richiesta di non prestare attenzione. Ma agli occhi dei cinesi, Xi ha perso la faccia. A novembre, il Congresso del PCC, dove Xi si candida per un terzo mandato. È molto probabile che perderà. Nella stessa Cina, la situazione politica interna non è molto buona. Le imprese edili falliscono. Milioni di proteste contro il congelamento (anzi ritiro) dei depositi. Xi potrebbe perdere contro la fazione "Komsomol". Questa è l'ala liberale della fuoriuscita cinese. Che sostiene la normalizzazione delle relazioni con gli Stati Uniti e l'allontanamento dalla Russia.
    Risulterà che gli amer scarichino Xi e mettano i "membri del Komsomol" sulla sedia - e vincono.

    Cosa c'è di sbagliato nella diplomazia di Xi e della Cina? Non c'era bisogno di aumentare il livello di tensione. Bene, è venuto e se n'è andato. Dopotutto, un tempo Clinton ospitò il presidente di Taiwan. E non c'è stata una così forte iniziativa dalla Cina. Le dichiarazioni bellicose di Pechino, che si sono concluse con le solite esercitazioni, non provocano altro che sconcerto. Un blocco a tutti gli effetti di Taiwan non sarà consentito dagli americani. Inoltre compensano facilmente i costi finanziari. C'è incommensurabilmente più in gioco. Cambia la massima leadership politica cinese. E senza guerre e spargimenti di sangue. Se Xi rimane al potere, gli americani perdono, perdono potere... È come mettere la squadra di Kudrin sulla sedia presidenziale del Cremlino adesso.

    Oggi (tre mesi prima del Congresso del PCC), la situazione per la Cina sembra una partita persa.
    1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
      TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 6 August 2022 10: 20
      -1
      Incomprensione totale di ciò che è successo. Porridge nella testa del nonno.
  5. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 4 August 2022 16: 56
    +1
    L'iniziativa di Taiwan: quindi chi ha vinto?

    USA Più precisamente, le loro élite. Si stanno preparando a conquistare lo spazio. Mentre gli smerd si bagnano a vicenda, gli smerd non dovrebbero essere affatto all'altezza dello spazio. Una creazione grandiosa sta cucinando.
    Puoi entusiasmarti direttamente per la mia visione di questa realtà moderna.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 August 2022 19: 53
    -1
    IMHO, tutti questi argomenti, come molti in giro - ""Se lo desideri in modo negativo, sarà in un modo negativo". - puro idealismo.
    Le autorità di Taiwan non hanno motivo di alzare le zampe al primo rumore. Se mostreranno fermezza, ci sarà una manovra di trattativa.
    È indicativo che così tanti anni di clamore - e le sanzioni della Cina sull'analogo taiwanese delle "mele polacche" - siano solo ora. E anche allora con la dicitura - dicono - le condizioni igienico-sanitarie non sono quelle giuste...
    E così commerciano e cercano un'anima dolce.
    Ricorda che la Federazione Russa proibisce all'infinito di importare qualcosa da dietro un poggio, come il vino georgiano, quindi consente ...

    La Cina ha già molta esperienza nell'annessione di territori "nel mondo vicino". Sa che prima o poi ce ne vorranno cento. Mostrare forza, giocare con le reliquie è anche la base per future negoziazioni.
    E di uccidere i cinesi, dopo averli riconosciuti come propri, solo un po' persi... not comme il faut, sembrano capirlo.

    Può essere paragonato alle Coree, che si provocano a vicenda con il fuoco, ma qui hanno più potere, ma .... tutto è molto attento, senza vittime ... Le loro.
  7. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 4 August 2022 23: 00
    0
    L'iniziativa di Taiwan: quindi chi ha vinto?

    Tutti hanno perso.
    Gli Stati Uniti hanno vinto moralmente, ma hanno perso politicamente e potrebbero subire danni nell'economia
    La Repubblica popolare cinese ha perso moralmente, ma ha vinto politicamente ed è molto probabile che subirà perdite anche nell'economia. integrato nell'economia mondiale e strettamente collegato agli Stati Uniti e all'UE.
    Di conseguenza, la recessione dell'economia mondiale e la crescita del confronto.
  8. Expert_Analyst_Forecaster 5 August 2022 04: 22
    +1
    ha agito come un'entità indipendente, a proprio rischio e pericolo (letteralmente).

    Non c'era una flotta di supporto? Aerei americani da Okinawa o da qualche altra parte? Non aveva?
    I dannati borghesi mentono?
  9. Expert_Analyst_Forecaster 5 August 2022 04: 27
    0
    era nel suo curriculum come membro del Partito Democratico la posizione di "frusta"

    Ho scritto molte volte della carota e del bastone per la Cina.
  10. Expert_Analyst_Forecaster 5 August 2022 04: 34
    +1
    Ma in realtà è chiaro che la Cina ha approfittato dell'iniziativa americana per aumentare la pressione su Taiwan.

    E allora? Questa è la vittoria? La Cina ha un obiettivo per aumentare la pressione? Chi ha interferito prima?

    Allo stesso tempo, tra l'altro, gli Stati dovranno rispondere delle parole sui “forti legami alleati” con Taiwan.

    Vediamo. Cosa diresti se gli Stati rispondessero? E potrebbero benissimo.
  11. Expert_Analyst_Forecaster 5 August 2022 04: 47
    -1
    Per ora, gli Stati Uniti hanno ottenuto una vittoria morale. Ha mostrato l'insignificanza delle autorità cinesi.

    Vediamo cosa comporterà in futuro.

    Sono possibili i seguenti eventi.
    A) La Cina ospiterà il male e insudicierà gli Stati Uniti di nascosto. La probabilità è del 20%.
    B) Gli Stati Uniti continueranno a esercitare pressioni sulla Cina attraverso Taiwan ea costringerla a un accordo per noi sfavorevole. La probabilità è dell'80%.
    C) La Cina avvierà un chiaro confronto con gli Stati Uniti, organizzerà un'acquisizione militare di Taiwan. La probabilità è 0,000%.

    E non si tratta della saggezza della Cina, ma della sua debolezza.
    Queste sono cose completamente diverse. Per molto tempo abbiamo preso il secondo per il primo.
  12. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 5 August 2022 14: 41
    0
    inoltre, il suo curriculum come membro del Partito Democratico includeva la posizione di "frusta" - il capo disciplinare della fazione, che si assicura che i membri del partito votino "correttamente", cioè come indicano.

    Qualcosa di molto familiare per noi?! strizzò l'occhio

    Questa volta, sembra davvero molto probabile che la leadership della RPC abbia approfittato dell'esperienza della NWO russa, non militare, ma politica e informativa. Sembra essere concluso che dietro tutte queste "linee rosse", "negoziazioni", minacce non realizzate e generalmente mantenere le posizioni sotto una pioggia di sputi si cela una strategia efficace per disorientare il nemico. Tipo "che ci considerino codardi e sciocchi, ma per ora prenderemo i nostri".

    Piuttosto, sembra che questa sia una buona miniera in un brutto gioco!
  13. Il commento è stato cancellato
  14. Starik59 Офлайн Starik59
    Starik59 (Starik) 5 August 2022 18: 14
    0
    Bene, è chiaro che tutti pensano: 987 Il serio avvertimento della Cina agli amer ... Ma! aspettiamo!! ma all'improvviso!!! .... oh, ho paura di rovinarlo ...