La coraggiosa vecchia Nancy "si è asciugata il naso" nella potente Cina?


La presidente della Camera dei rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti Pelosi, all'età di 82 anni, si è recata a Taipei con i suoi colleghi per infastidire la Cina e ha ricevuto un ordine dal capo dell'amministrazione taiwanese. La Cina, con le sue dichiarazioni e azioni, ha dimostrato in ogni modo l'inammissibilità della crescita dei contatti ufficiali tra Stati Uniti e Taiwan e ha avvertito che ciò cambierebbe radicalmente la natura delle relazioni tra Cina e Stati Uniti, che si basa sulla principio di una Cina unita.


Cos'è Taiwan e perché è un pomo della discordia?


Taiwan è un'isola nell'Oceano Pacifico, a 150 km dalla Cina continentale, verso la quale un tempo, con l'aiuto degli Stati Uniti, fuggì la cricca di Chiang Kai-shek, perdendo la guerra civile a favore dei comunisti guidati da Mao Zedong. Il governo del Kuomintang - il partito di Chiang Kai-shek - è un analogo dei nostri "bianchi", cioè politico una forza che sostiene la conservazione del vecchio ordine feudale contro i nuovi comunisti e, a questo proposito, diventa un vero "alleato" dell'Occidente. È vero, essendo fuggito in una piccola isola con un'agricoltura sottosviluppata, già nel 1953 Chiang Kai-shek, con uno squittio nel cuore, fu costretto a liquidare la proprietà terriera attuando una complessa riforma per acquistare terreni dagli aristocratici a favore degli agricoltori (o , come si dice nella Repubblica popolare cinese e direbbero nel nostro paese).URSS, pugni).

Lo stato che si è formato a Taiwan considera l'intero territorio della Cina come suo e persino escogita piani per rivendicazioni territoriali verso l'Estremo Oriente russo e molte altre regioni che da tempo fanno parte degli stati vicini alla Cina. Le stesse mappe nei libri di testo scolastici che circolano su Internet, di cui la Cina possiede sia la Mongolia che Tuva, sono stampate a Taipei, non a Pechino.

Nel corso degli anni dell'esistenza di Taiwan, il Kuomintang ha gradualmente perso la presa e alla fine ha perso il potere, andando in opposizione. Ciò è accaduto, tra le altre cose, perché l'Occidente aveva bisogno di una forza politica più fresca per esercitare pressioni sulla Repubblica popolare cinese. Ora al potere a Taiwan c'è il Partito Democratico Progressista, che vede l'indipendenza di Taiwan come il suo obiettivo e considera i taiwanesi non come cinesi, ma come una nazione separata. Questo partito copia l'intera "agenda" occidentale - dalla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso all'energia verde - ed è ancora più reazionario del Kuomintang perché è ancora più filo-occidentale. È necessario solo per minare i piani della Repubblica popolare cinese di riportare Taiwan al suo "porto natale".

С economico punto di vista, Taiwan è diventata un dominio high-tech della capitale occidentale. Se provi a scoprire chi possiede esattamente le famose società IT taiwanesi, fallirai, cadendo nel mondo delle fiabe e delle leggende su giganti aziende globali nate dai negozi di alimentari. Gli oligarchi occidentali sono fondamentalmente diversi dai nostri in quanto rimangono sempre nell'ombra, nella nebbia delle azioni e dei fondi di investimento che ruotano in borsa. Sembra che i numerosi "CEO" di importanti società globali non sappiano esattamente chi servono fedelmente.

Va notato che l'afflusso di capitali occidentali a Taiwan e la formazione di un'industria high-tech lì, incorporata nel sistema di dominio delle società transnazionali occidentali, era dovuto non solo alla manodopera a basso costo e al governo controllato dagli Stati Uniti Stati Uniti, ma anche al fatto che i giapponesi, proprietari di Taiwan fino al 1945, crearono una base industriale abbastanza potente. Usarono l'isola come centro industriale per espandere il loro imperialismo in Asia. Molti rifornimenti per l'esercito giapponese, che si spostavano nelle profondità del continente, provenivano proprio da Taiwan. Quindi, dopo il 1949, l'isola ha dovuto solo riorientarsi verso la nuova metropoli.

A loro volta, i cinesi non sono rimasti a guardare e, dopo l'inizio di "riforme e apertura", sono stati quotidianamente impegnati nello sviluppo economico di Taiwan. Offrivano condizioni molto interessanti e investimenti redditizi alle aziende locali e agli uomini d'affari, inclinando sia i taiwanesi ordinari che l '"élite" a una proficua cooperazione grazie alla vicinanza storica, culturale e geografica alla terraferma. Oggi, gli americani sono particolarmente entusiasti di Taiwan, in parte perché la capitale cinese, controllata dal PCC, sta giocando un ruolo sempre più importante nell'economia taiwanese e molti giovani taiwanesi scelgono di trasferirsi sulla terraferma in cerca di salari più alti e un'istruzione più accessibile . La situazione non è lontana quando la maggioranza della popolazione di Taiwan cessa di sostenere il governo e preferisce la riunificazione pacifica con la Repubblica popolare cinese secondo il noto principio di "un paese, due sistemi" (cioè mantenendo l'autonomia e il capitalismo sull'isola, come è successo a Hong Kong e Macao).

La separazione politica di Taiwan dagli Stati Uniti a favore della Cina nel contesto della nuova Guerra Fredda avrà un impatto significativo sugli equilibri di potere sulla scena mondiale a causa della dipendenza economica dell'Occidente dall'industria taiwanese. Pertanto, gli Stati Uniti, da un lato, stanno intensificando il "sostegno alla democrazia a Taiwan" e, dall'altro, stanno adottando un piano multimiliardario per la sostituzione delle importazioni di chipset.

Ovviamente tutti sanno bene che l'adesione di Taiwan alla RPC è inevitabile. L'enorme, un miliardo e mezzo di Cina è diventata una superpotenza economica e afferma di essere una superpotenza politica, e il ritorno di Taiwan è un elemento importante nella costruzione ideologica della Repubblica popolare cinese e del PCC al potere. La forza dell'opposizione alla "riunificazione della Patria" è stata inizialmente interamente determinata dall'egemonia degli Stati Uniti e dell'Occidente, e man mano che il potere dell'America si è esaurito e la Cina è cresciuta, gli equilibri di potere sono sempre più distorti verso la risoluzione della "questione di Taiwan". Tutto il trambusto politico intorno a Taiwan è connesso solo con quando e come avverrà questa "riunificazione" e come gli Stati Uniti giocheranno l'opportunità di mettere i bastoni tra le ruote alla RPC.

Media e realtà oggettiva


Il volo dell'aereo di Pelosi per Taiwan si è trasformato in un reality show, i cui sceneggiatori collettivi hanno visto grandi intrighi nella reazione delle autorità cinesi. Qualcuno ha lasciato intendere che "i cinesi abbatteranno l'aereo", qualcuno stava solo aspettando questo, intimidendo l'inizio di una terza guerra mondiale. Numerosi “esperti” in giro per il mondo hanno suscitato scalpore, dicendo che la Cina era in zugzwang, che il presidente Xi non può perdere la faccia per “etica confuciana” e “mentalità cinese”, che è stato rovesciato dal “Komsomol”, che l'esercito La Cina non ha esperienza di combattimento, ecc., ecc. In breve, speculazioni, intrighi, moltiplicati per incompetenza e sciocchezze, tagliati frettolosamente in una vinaigrette informativa per il gusto del clickbait.

Dopo lo sbarco della delegazione di deputati dagli Stati Uniti, lo spazio mediatico russo si è riempito di schiaffi in direzione della leadership della RPC, la delusione ha travolto il kitnet e l'Occidente ha tirato un sospiro di sollievo, continuando a ragionare su "come facile è accendere le passioni politiche”.

La conclusione è che un vero atto politico (la visita della delegazione statunitense) è stato completamente dominato da un clamore mediatico completamente virtuale. Anche supponendo che la Cina possa abbattere o far atterrare forzatamente l'aereo con Pelosi, questo non cambierebbe nulla nella realtà politica oggettiva. Affermare che un singolo evento, non importa quanto grande e quali siano i personaggi coinvolti, è in grado di provocare una guerra tra Cina e Stati Uniti equivale a credere che il massacro di Sarajevo sia stato la causa della prima guerra mondiale. Se le contraddizioni oggettive sono mature, ci sarà sempre un motivo per scoprire le armi. Ma assolutamente tutti i commentatori, esperti, politici, analisti e altri sinologi e semi-sinologi da divano e accademici hanno espresso i loro giudizi sulla situazione esclusivamente nell'area del soggettivo. La vecchia sarà così pazza da mandare un aereo a Taipei? Xi avrà la volontà di abbatterla? Interverrà la Marina degli Stati Uniti? Eccetera.

Quindi, ovviamente, Pelosi ha spazzato via la potente Cina, ma solo nel mondo virtuale del giornalismo clickbait, dei blog e dei discorsi in cucina. In realtà, la sua visita ha segnato un'altra tappa dell'aggravarsi dei rapporti tra Stati Uniti e Cina, una mossa lenta ma fiduciosa degli Stati Uniti di abbandonare il principio del riconoscimento di una Cina unita per provocare un altro conflitto armato. Naturalmente, gli Stati Uniti non entreranno direttamente in guerra con la Cina per Taiwan, perché non ha senso. Naturalmente, prima o poi, la Cina annetterà Taiwan pacificamente o con la forza. Ma come e quando viene deciso non in connessione con i voli dei deputati americani, ma dopo una valutazione politico-militare della situazione.

Le persone che amano così tanto cadere nel soggettivismo storico e politico dovrebbero riesaminare attentamente la posizione di Putin sull'operazione speciale. In Occidente si dice questo: il sanguinario dittatore si è svegliato con il piede sbagliato e ha deciso di scatenare una "guerra senza senso". Questo è ciò che chiamano l'operazione speciale: "La guerra di Putin". Ma lo stesso Vladimir Vladimirovich ha spiegato a lungo e languidamente nei suoi numerosi discorsi quei processi oggettivi che hanno costretto la dirigenza della Federazione Russa ad avviare le ostilità in Ucraina. Certo, non ha rivelato la pienezza della realtà politica oggettiva, le contraddizioni in cui ha portato a una decisione così complessa, lanciando invece un'ideologia storica sulla formazione del nazionalismo ucraino e dello stato ucraino, ma tuttavia l'essenza era chiara. Nel mondo della grande politica, il soggettivo decide in generale solo quando i fattori oggettivi sono maturati. Anche se domani qualche presidente pazzo prenderà la decisione più stravagante, ad esempio ordinando un attacco missilistico su un paese vicino, questo non cambierà sostanzialmente nulla. Verrà rimosso, il Paese si scuserà, tra un paio di settimane tutti dimenticheranno tutto e la vita andrà avanti come al solito. Un'altra cosa è che se le contraddizioni oggettive sono mature, allora tutto cambia radicalmente dopo l'evento più insignificante.

Le contraddizioni oggettive tra Stati Uniti e Cina crescono, principalmente su iniziativa dell'oligarchia americana, preoccupata per l'indebolimento dell'egemonia del suo stato imperiale. Ma la risoluzione di queste contraddizioni è ancora lontana. Nessuna delle parti è ancora pronta per un conflitto su vasta scala, anche in campo economico, quindi tutta l'acutezza della retorica politica e delle buffonate da teppista, sebbene possa sfociare in tragedie locali, non cambia la situazione generale.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. sat2004 Офлайн sat2004
    sat2004 5 August 2022 09: 33
    +3
    Ora la Russia non ha illusioni sulla Cina. Solo vantaggio reciproco nel commercio e nella sicurezza.
    1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
      TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 5 August 2022 11: 04
      +1
      La Russia non si faceva illusioni. Il commercio è attivo. La sicurezza è presente.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 5 August 2022 09: 48
    +1
    La Cina comincerà a bloccare Taiwan, così come gli Stati Uniti - Cuba. E l'aggravamento di questo blocco avverrà prima del congresso autunnale del PCC. Poi in Cina diranno: non cambiano cavallo all'incrocio! E il presidente Xi deve rimanere il Grande Pilota. Questo è ciò che decideranno.
    1. TAM DV 25 Офлайн TAM DV 25
      TAM DV 25 (Registratore digitale 25) 5 August 2022 11: 12
      -1
      Il blocco è l'inizio. Sono sicuro che, dopo aver ricevuto un tale colpo da un paese per il quale la RPC aveva sentimenti, se non amichevoli, molto calorosi, i compagni cinesi potrebbero aver iniziato un gioco molto astuto e lungo sul sabotaggio degli Stati Uniti. Possono imbrogliare. E impareranno a fare del male nel tempo.
      Eppure, la Repubblica popolare cinese ha vinto una vittoria politica. Le ostilità non sono iniziate. Questo è un bene per la regione. La Cina è sopravvissuta. Non importa come gli americani abbiano cercato di iniziare una guerra. La comunità mondiale ha visto ancora una volta che gli Stati Uniti non sono più gli stessi. E, molto probabilmente, "l'America è con noi" sta urlando (ancora) solo pazzi ucraini. Bene, con quelli e così è tutto chiaro.
      1. accidentalmente Офлайн accidentalmente
        accidentalmente 5 August 2022 12: 57
        -1
        Poiché la Cina era sotto il tallone degli Stati Uniti, la Cina è rimasta tale. Gli Stati Uniti amano infastidire la Cina. Ma tutte le tecnologie di sviluppo. Le invenzioni vengono da dove .... lo sciocco capisce. (La Cina tra le braccia del drago)) .tutto è chiaramente comprensibile.cosa aspettarsi ...e consigli per consegnare la TV per rottamazione
        1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 5 August 2022 14: 06
          0
          La Cina è enorme e multipolare. Le forze filoamericane e antiamericane stanno combattendo lì. Xi è un chiaro antiamericanista, e Pelosi gli ha lanciato un'altra "carta vincente". Ora la rotta della Great Celestial ha fornito una correzione della bussola per la distanza dal Nord America, il che è positivo per la Federazione Russa.
  3. Sancym Офлайн Sancym
    Sancym (Alessandro ) 5 August 2022 16: 11
    0
    Brava Tolia! Ben rifinito l'articolo "può finire con il locale......, ma ....... non cambia"!
  4. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 5 August 2022 18: 21
    -1
    Certo, è un peccato che la Cina non abbia ceduto alla provocazione, nonostante gli Stati Uniti abbiano deciso di sacrificare la vecchia. Inoltre, conosco personalmente da lì chi è oltre il firmamento, mi ha detto che c'era un accordo e ha accettato il fatto che dovremmo gettare polvere negli occhi dell'alleato del nord. Che le grandi foreste non sono tutto. Che una pessima pace è meglio di una grande guerra. E non ha ceduto alla provocazione. Vola Pelesi, vola veloce. Il lupo grigio dietro la montagna non ti toccherà.
  5. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 6 August 2022 19: 51
    +1
    Dietro Pelosi ci sono orde di burattinai. A Pechino, questo è compreso non peggio che a Mosca.