Numerosi missili cinesi potrebbero essere inutili nella guerra con Taiwan


Pechino sta svelando gradualmente le sue carte sulle "misure militari mirate", in precedenza dichiarato in risposta a una visita provocatoria di una delegazione americana a Taipei il 3 agosto. L'esperto Artem Maltsev ha deciso di approfondire i dettagli, il quale ritiene che la quarta crisi sia arrivata nello Stretto di Taiwan.


Il ministero della Difesa cinese ha annunciato la chiusura di alcune aree del mare e dello spazio aereo vicino all'isola per le esercitazioni. I principali "argomenti", come prima, sono i lanci di missili, il movimento di navi, sottomarini e aerei, nonché lo sviluppo di un'operazione di atterraggio. Qualcosa di simile è stato osservato a metà degli anni '90.

Allo stesso tempo, i media della Cina continentale stanno cercando di creare un'immagine di Taiwan sotto blocco sul Web, come per intimidirla con il potere militare e accennare alla probabilità di un'invasione. Tuttavia, i cinesi non hanno abbattuto l'aereo con gli americani, sebbene l'isteria del militarismo e del patriottismo non fosse meno alimentata.

In realtà, le aree di esercitazione più vicine a sud-ovest e nord-est di Taiwan sono le zone di arrivo dei missili, mentre è probabile che l'aviazione e la marina si tengano in disparte. La RPC ha persino spostato con aria di sfida una delle "piazze di arrivo" nelle profondità delle acque territoriali di Taiwan, sottolineando che Pechino non riconosce la sovranità dell'isola e che "la Cina è una e indivisibile".


Ma in ogni caso, i "compagni" di punta cinesi lo hanno fatto con la massima gentilezza e precisione, lanciando attacchi più ostili agli Stati Uniti. Questo nonostante le infografiche che circolano sui social media cinesi per intimidire i taiwanesi.

Numerosi missili cinesi potrebbero essere inutili nella guerra con Taiwan

L'esperto ha richiamato l'attenzione sul fatto che nelle ultime 11 ore, almeno 11 lanci di missili balistici tattici operativi a corto raggio della classe Dongfeng DF-300 (raggio 800-15 km) e DF-1000 (fino a 1,5 km ) del PLA sono stati registrati. La RPC dovrebbe avere circa XNUMX mila di tali munizioni.

Inoltre, l'ultimo MLRS PHL-16 con ruote di calibro 370 mm ha già preso parte al tiro. Questo sistema d'arma è stato appositamente progettato per un bombardamento più efficace dell'isola del toporagno dalla costa della terraferma. Nel prossimo futuro ci si può aspettare anche il lancio del "killer della portaerei": il DF-21D e il missile balistico a medio raggio DF-26 (più di 5000 km). Il PLA può persino dimostrare il lancio del DF-17 con un nuovo aliante ipersonico.

Sarebbe interessante vedere i risultati dei test di questi missili contro bersagli mobili di superficie, ma, francamente, è dubbio che i cinesi abbiano rimorchiato in anticipo la nave bersaglio nell'area desiderata

- ha specificato l'esperto.

Secondo l'esperto, l'arsenale missilistico cinese di oggi è una specie di rapporto sconosciuto tra campioni su larga scala di complessi delle generazioni passate e le loro controparti più moderne e avanzate. Pertanto, i lanci di massa di DF-16 e DF-21 possono indicare la fiducia di Pechino che i suoi arsenali siano pieni degli ultimi missili.

In ogni caso, gli isolani possono solo godersi i fuochi d'artificio: nonostante Taiwan disponga di un sistema di difesa missilistica abbastanza avanzato (Patriot PAC-3 e Tien Kung-III locale), non è ancora all'altezza delle aree di tiro

- ha spiegato.

Da un punto di vista militare, è già chiaro che i lanci di missili PLA non porteranno nulla di fondamentalmente nuovo. Numerosi missili della Cina continentale potrebbero rivelarsi inutili in una guerra con Taiwan. La possibilità di massicci scioperi sull'isola è stata a lungo considerata una delle principali carte vincenti della RPC in caso di escalation del conflitto. Tuttavia, l'esperienza mostra che anche con l'utilità oggettivamente limitata dei sistemi di difesa missilistica, sparsi nelle città, sono in grado di ridurre l'efficacia di tali attacchi, pur mantenendo la stabilità, ha riassunto l'esperto.
  • Foto utilizzate: IceUnshattered/wikimedia.org e Ministero della Difesa cinese
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente 4 August 2022 21: 27
    + 13
    L'autore, non ho capito come un migliaio e mezzo di razzi con teste sotto mezza tonnellata di esplosivo potessero essere inefficaci per una piccola isola che sopravvive solo grazie alle sue alte tecnologie. La Cina può lasciare Taiwan senza elettricità e riscaldamento entro un'ora. A cosa da una parola assolutamente. E un'isola senza elettricità è subito un khan per tutto ciò che c'è. Gli stessi cinesi locali si arrenderanno senza un'operazione di sbarco !!! Non sto parlando di grattacieli con servizi igienici. Anche sui negozi di alimentari al caldo. È strano leggere questo da un "esperto".
  2. liao Офлайн liao
    liao (San Leone) 4 August 2022 21: 28
    0
    Molti missili erano destinati a Guam e Okinawa, ma ovviamente sarebbero stati inutili a Taiwan.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 August 2022 23: 28
    +2
    Sì, un tale "esperto". non siamo esperti. "Un migliaio e mezzo di missili saranno inutili, perché la difesa aerea sarà nelle città".
    Un'altra spiegazione del perché tutto non è come previsto dai media...
  4. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 5 August 2022 18: 16
    0
    Alcuni commentatori non possono leggere la cosa principale: senza l'aiuto della Russia, i cinesi non sanno dove lanciarli e i satelliti e la loro stazione alla lampadina.
  5. Alexey Novikov Офлайн Alexey Novikov
    Alexey Novikov (Alessio Novikov) 5 August 2022 20: 48
    +1
    Un patriota usa 4-5 missili per colpire un bersaglio, Taiwan ha 6 missili?
  6. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 6 August 2022 04: 08
    +1
    Gli obici super pesanti e i lanciafiamme termobarici si sono rivelati utili.
  7. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 6 August 2022 14: 33
    +1
    I cinesi hanno bisogno di riconoscere la produzione di microassiemi nat. di proprietà della Cina e vietare l'esportazione negli Stati Uniti sia di attrezzature che di specialisti. È qui che i razzi tornano utili.
  8. Sarmat Sanych Офлайн Sarmat Sanych
    Sarmat Sanych (Sarmat Sanych) 6 August 2022 22: 03
    0
    Non è necessario proiettare l'effetto della difesa aerea sottosviluppata di Stati Uniti, Giappone, Taiwan, Israele, Francia e persino Cina (ad eccezione dell'S-400 e dell'S-300 russi) sull'effetto della migliore aria russa difesa sulla Terra che disarma il 99% dei bersagli.
    Per quanto riguarda i missili balistici a corto raggio in Cina, dove l'esperto ha riscontrato che la cifra "circa 1500" non è chiara. Circa 500 pezzi è quello che c'è in rete. I missili balistici a medio raggio cinesi sono ancora più piccoli. Questo "aliante" sul df-17 non è ciò che intendiamo per aliante. La Cina non ha praticamente armi nucleari tattiche, per ogni evenienza, alla domanda che "tutte le armi cinesi e la loro quantità sono un mistero-mistero-segreto".
    Ma quello che hanno i cinesi è abbastanza per Taiwan. Un'altra cosa è che Taiwan stessa è garantita al 101% inutile, la Cina perderà solo senza guadagnare nulla.