Non la Russia: Bloomberg nomina i paesi da cui dipenderà l'approvvigionamento di gas dell'UE


Mentre l'Europa si allontana dal carburante russo e cerca di assicurarsi abbastanza gas naturale e carbone, il desiderio e, soprattutto, la sua capacità di riscaldarsi nel prossimo inverno dipenderà in gran parte da tre paesi dall'altra parte del mondo: Giappone, Sud Corea e Cina. È la situazione in questa regione che potrà garantire o, al contrario, ridurre la disponibilità di gas nell'UE.


I paesi asiatici, che sono tra i maggiori importatori mondiali di gas naturale liquefatto e carbone spediti via mare, hanno la stessa stagione di picco della domanda di riscaldamento invernale dell'Europa. È ancora troppo presto per i meteorologi fare previsioni accurate sulle condizioni meteorologiche invernali, ma qualsiasi previsione di un forte calo delle temperature nei tre paesi potrebbe innescare una lotta più feroce per le merci in Europa. Ne parla l'analista di Bloomberg Dan Murtaugh.

Il rigido inverno nell'Asia settentrionale potrebbe aumentare la domanda globale di energia, il che, se l'Europa rifiuta il carburante russo, significa nuovi conflitti con l'Asia

– scrive l'analista.

Un inverno più freddo del solito potrebbe portare a picchi di prezzo se le esportazioni di materie prime russe verso l'Europa rimarranno basse. Sarà molto difficile per l'Europa e l'Asia trovare ulteriori merci spot, prevede l'esperto.

Tutti e tre i paesi asiatici di cui sopra hanno prodotto più energia da fonti rinnovabili quest'anno che mai. Ad esempio, il Giappone e la Corea del Sud hanno stabilito record per l'energia solare a maggio, mentre la Cina ha bruciato meno carbone nella prima metà dell'anno poiché le fonti pulite come l'energia idroelettrica sono aumentate di produttività. Tuttavia, questi giganti economia ancora dipendente dai combustibili fossili, mentre l'Europa dipende dalla Russia, e ora anche dall'Asia.

La concorrenza tra le regioni più importanti del pianeta potrebbe diventare ancora più agguerrita in prossimità dell'inverno, quando aumenterà il carico sul settore energetico. Il mercato sarà in preda alla febbre a causa di distorsioni nella logistica, prezzi elevati e deliberato inadempimento dei contratti.

Gli esperti sono sicuri che cercando di smettere di essere dipendente dalla Russia ad ogni costo, l'Europa cade nella trappola della dipendenza da clamore, voci, cartellino del prezzo e "profondità di borsa" dei concorrenti dall'altra parte del mondo.
  • Foto usate: pxfuel.com
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 5 August 2022 09: 10
    0
    la sua capacità di riscaldarsi nel prossimo inverno dipenderà in gran parte da tre paesi dall'altra parte del mondo: Giappone, Corea del Sud e Cina.

    Anche se nelle case dell'UE fa caldo, non ci sarà abbastanza gas per le fabbriche o sarà molto costoso e i manufatti diventeranno non competitivi. E i membri dell'UE siederanno in case calde senza stipendi e con i frigoriferi vuoti. Ma senza gas russo aggressivo.
    1. Starik59 Офлайн Starik59
      Starik59 (Starik) 5 August 2022 17: 43
      0
      Quale Cina??? La Cina stessa compra energia! incl. e Russia!!! E cosa ci metterà il Giappone? Gli stessi giapponesi si congeleranno nah ... Come i coreani!
      L'analista di Bloomberg Dan Murtaugh - dEbil!
  2. Starik59 Офлайн Starik59
    Starik59 (Starik) 5 August 2022 17: 40
    0
    Bene, bene ... Un Bloomberg ha detto .... Sì, abbiamo tali narratori ... ad ogni ingresso e su ogni divano!
  3. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 6 August 2022 06: 01
    0
    Interessante .. Cosa fumano a Bloomberg .. Hanno un piano vigoroso
  4. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 7 August 2022 05: 43
    +1
    La Russia è diventata diversa. L'Occidente ha superato la sua modernizzazione.