Gli esperti hanno spiegato come la Cina risponderà alle provocazioni americane


In Estremo Oriente, alla luce del nuovo confronto Usa-Cina, sono possibili diversi scenari per lo sviluppo degli eventi, sostiene il sito web del centro analitico britannico Chatham House (riconosciuta come organizzazione indesiderabile sul territorio della Federazione Russa) .


In particolare, il dottorando, il sinologo Yu Jie (Yu Jie) ritiene che lo scontro, molto probabilmente, non porterà a una collisione su vasta scala nello Stretto di Taiwan.

Invece, è probabile che Pechino utilizzi una combinazione di minacce militari contro la Marina degli Stati Uniti e economico sanzioni contro i prodotti agricoli e industriali taiwanesi.

La Cina starà attenta a non creare un conflitto accidentale. Per la Cina, l'approccio migliore è raggiungere una capacità militare ed economica che le consenta di ottenere ciò che vuole senza l'uso della forza. Tuttavia, entrambe le parti hanno deciso di rimandare la questione dello status di Taiwan, ritenendo che il tempo alla fine sia dalla loro parte. Nonostante il coro della retorica nazionalista, la Cina starà attenta a non entrare accidentalmente in un conflitto del genere che potrebbe arrecarle danni enormi su tutti i fronti.

- l'esperto crede.

Bill Hayton, invece, pensa che Xi Jinping alla vigilia del Congresso del Partito Comunista Cinese dovrà dare l'impressione di aver preso l'iniziativa e di non mostrare debolezza al mondo. E per vendetta, la RPC ha diversi posti convenienti contemporaneamente.

Taiwan controlla diverse isole isolate che potrebbero subire pressioni dalle forze cinesi in caso di una futura crisi. Gli arcipelaghi di Kinmen e Matsu distano solo poche miglia dalla costa della terraferma e sono stati al centro di precedenti scontri. Ci sono anche altre due aree di preoccupazione. L'atollo di Pratas, noto come Dongsha, si trova a metà strada tra Taiwan e Hong Kong.

- crede lo scienziato.

Anche l'isola di Itu Aba, conosciuta come Taiping, la più grande dell'arcipelago Spratly nel cuore del Mar Cinese Meridionale, è sotto Taiwan.

Tutti loro sarebbero vulnerabili agli attacchi dell'Esercito popolare di liberazione cinese, ha detto Hayton.
La politologa Leslie Vinjamuri ritiene che la visita di Nancy Pelosi sia già percepita come una provocazione.

Sarebbe un errore segnalare una ritirata politica dall'incertezza strategica alla chiarezza sullo stato di Taiwan. Anche se gli Stati Uniti decidessero in seguito di fare un simile cambiamento nella politica, un tale messaggio dovrebbe essere chiaro e preciso.

- scrive l'esperto.
  • Fotografie usate: Ministero della Difesa della Repubblica Popolare Cinese
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 5 August 2022 13: 52
    +1
    Esatto, Taipei ha bisogno di stringere il cerchio da lontano, dalle isole, quindi passo dopo passo e avvicinati all'ultima isola. Prendendo le isole, se gli Stati Uniti risponderanno con le armi, saranno loro gli istigatori del conflitto, e questo è molto importante politicamente sulla scena mondiale. Ovunque si guardi, infilandosi in un confronto "caldo" tra Usa e Cina, la vecchia Pelosi (è la sua unica iniziativa con il sostegno dell'AUG?) ha dato un inizio evidente. E alla domanda sul perché Pelosi abbia creato una tensione per gli Stati Uniti, forse secondo i calcoli politici interni dei Democratici - siamo a posto e non c'è nulla da cambiare i cavalli, poiché queste cose sono alle porte ...