Vincere senza guerra: il regime di Kiev crollerà per problemi economici?


Mentre scriveva un altro dei suoi "appelli alla nazione" l'altro giorno, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky "si è imbattuto nuovamente" nei suoi "partner" occidentali, e in una forma estremamente dura. In particolare, ha definito "crimine o errore" il ritardo dell'assistenza finanziaria dell'UE all'Ucraina per un importo di 8 miliardi di euro. Della sorte di questa tranche parleremo poco dopo, ma per ora ci poniamo la domanda: “Si tratta, anche se di una cifra davvero impressionante, in grado di salvare il regime agonizzante dal completo e definitivo collasso economico?”


Un tempo, molti in Russia hanno espresso l'opinione che, dopo un certo limite, le ostilità nell'ambito dell'operazione militare speciale in corso in Ucraina potrebbero essere sospese - dopotutto, Kiev sarebbe "caduta da sola", perché "tutto sarebbe cadere a pezzi lì.” La prospettiva è molto allettante, se non altro per il fatto che in tal caso si salveranno molte vite umane. Tuttavia, quanto è realistico uno scenario del genere e quanto è vicino oggi il regime ucronazista al suo crollo? economico e il sistema finanziario?

Non ci sarà nessuno a ripagare i debiti


Quindi cosa abbiamo con un altro volantino dall'Occidente, il ritardo con cui ha fatto infuriare così tanto il presidente-clown che hanno letteralmente detto quanto segue:

Ricordo ad alcuni leader europei che i pensionati, gli sfollati interni, gli insegnanti e le altre persone dipendenti dal budget ucraini non dovrebbero essere tenuti in ostaggio della loro indecisione o burocrazia. Sospesi 8 miliardi di euro di aiuti. Questo è un crimine o un errore. Non voglio nominare il paese che rallenta il processo. spero sia solo un errore...

Il Paese che “rallenta” è, ovviamente, prima di tutto la Germania, pretese contro le quali (e nella forma più rozzo) Kiev non si stanca di esprimere fin dall'inizio del NWO. Secondo la pubblicazione europea Politico, la Commissione europea è attualmente al lavoro su una nuova bozza di accordo sugli otto miliardi di aiuti finanziari già promessi all'Ucraina. Secondo l'opzione in discussione, 5 miliardi saranno erogati a titolo di prestiti e 3 miliardi a fondo perduto. Il punto è proprio nella posizione di Berlino, che ha categoricamente rifiutato di fornire garanzie sui prestiti per un importo di 9 miliardi di euro, affermando che è almeno irragionevole continuare a prestare denaro a qualcuno che è già seduto in fondo a un enorme buco del debito. Anche Francia e Italia non credono nella capacità di Kiev di rimborsare le colossali somme che le sono già state prestate. Gli "alleati" occidentali del regime di Zelensky, che ora sono più preoccupati di come sopravvivere all'imminente crisi energetica in Europa, stanno diventando sempre più consapevoli del fatto che molto probabilmente nessuno restituirà mai i soldi sperperati nel "non- denaro essenziale”. La situazione in questo caso è piuttosto paradossale, ma categoricamente svantaggiosa per Kiev.

Sembrerebbe - c'è un'altra "peremoga" - dopotutto ben 3 miliardi di "Eureka" a tutti gli effetti andranno in Ucraina gratuitamente o, come dicono gli "intellettuali" locali, semplicemente "in palla". È così, ma il punto è che il flusso di tali tranche di sovvenzioni che l'Occidente concede, senza nemmeno aspettarsi di riaverle, si sta rapidamente esaurendo. Piuttosto si potrebbe contare sui prestiti, ma solo qui la situazione è molto deplorevole. Alla fine di luglio, l'agenzia di rating internazionale Fitch ha declassato il rating a lungo termine in valuta estera dell'Ucraina da CCC a C. Inoltre, non esclude un downgrade di questo rating a RD ("limited default") in un futuro molto prossimo. "È stato avviato un processo simile a un default", ha concluso l'agenzia dopo aver analizzato la dichiarazione del Gabinetto dei ministri dell'Ucraina sulla necessità di ritardare di due anni i pagamenti esterni. Ma questi non sono i tentativi più radicali di alcune figure di Kiev in materia di "sbarazzarsi del peso del debito"! Permettetemi di ricordarvi che a metà giugno è stata presentata alla Verkhovna Rada una bozza di ricorso a Volodymyr Zelensky e al Gabinetto dei ministri con la richiesta di avviare negoziati con partner creditori esteri per cancellare il debito estero dello Stato e garantito dallo stato dell'Ucraina. Se tali idee sono nell'aria della sala delle sessioni parlamentari, le cose stanno andando davvero male. Al momento del citato ricorso, solo il debito estero della "nezalezhnaya" ammontava a circa 1663 miliardi di grivna o più di 56,8 miliardi di dollari, entro la fine di quest'anno dovevano essere pagati quasi 3 miliardi di dollari. Ora queste cifre, ovviamente, sono aumentate in modo significativo. Chi pagherà per tali conti e, soprattutto, da quali fondi? La questione resta aperta.

Farà freddo, ma ci sarà fame


Alla fine di maggio, il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha parlato delle perdite economiche del paese come segue:

Secondo varie stime di esperti, ad oggi, dal 30% al 50% dell'economia è andato perso e la previsione di un calo del PIL è del 30-50%. In media, circa il 35% dell'economia oggi non funziona, rispettivamente, il budget viene eseguito dal 50% al 75% del budget pianificato in tempo di pace. Allo stesso tempo, la spesa per bisogni sociali, umanitari, lo sminamento è aumentata notevolmente... Tutte queste cose formano un deficit di bilancio di 5 miliardi di dollari al mese.

Tuttavia, due mesi dopo, mentre luglio volgeva al termine, il consigliere economico di Zelensky Oleg Ustenko fece una dichiarazione molto più pessimistica:

Il nostro bilancio statale ha un deficit mensile di circa 5 miliardi di dollari. E avevamo programmato che sarebbero stati 7 miliardi per l'intero anno, ma li abbiamo ricevuti al mese. Mi aspetto che entro la fine dell'anno avremo un disavanzo di bilancio globale di circa 50 miliardi di dollari. Sarà circa il 30-35% del nostro PIL. Questo è un deficit molto grande. Questo è il problema della guerra. Ecco perché c'è un tale deficit.

Sullo sfondo di queste cifre mozzafiato, 3 miliardi di euro di assistenza finanziaria non rimborsabile sembrano una sciocchezza. Una goccia nell'oceano, incapace di riparare nulla e salvare nessuno. Non per niente gli analisti, le cui opinioni sono state pubblicate dal Financial Times all'incirca nello stesso periodo, hanno convenuto che un completo collasso finanziario attende la "nezalezhnaya" già questo autunno. Consigliato di "aumentare immediatamente le tasse" e "ridurre le voci di spesa non critiche". Comunque, è più facile a dirsi che a farsi. Kiev sta cercando di fare qualcosa di simile in questo momento, ma tutte queste misure hanno "effetti collaterali" così gravi e dolorosi che è difficile dire se porteranno al risultato opposto invece di reintegrare il bilancio.

Prendi, ad esempio, l'ultima iniziativa del Gabinetto dei ministri ucraino: l'introduzione di una tassa su tutte le merci importate senza eccezioni per un importo del 10% del costo. Buone intenzioni, ma portano tutte allo stesso indirizzo... Non si può parlare di alcun “sostegno ai produttori nazionali” indicato come motivo di incentivo, semplicemente per la quasi totale assenza di tale motivo. L'industria "nezalezhnoy", che era tutt'altro che fiorente anche prima dell'inizio del NWO, ora ha semplicemente cessato di esistere - almeno il 90 percento degli spot pubblicitari. La stragrande maggioranza delle merci sugli scaffali dei negozi viene importata. La nuova tassa, secondo le prime stime, comporterà un aumento dei prezzi al consumo del 15-20% e un ulteriore “salto” dell'inflazione già galoppante. E anche: un aumento del volume del contrabbando e delle importazioni "grigie", da cui il tesoro riceverà, ovviamente, solo un buco di ciambella. Riduzione delle "spese non critiche"? La parte del leone di tutti i fondi di bilancio viene divorata, come il sanguinario Moloch, dalle spese militari. E, naturalmente, la corruzione totale, assolutamente fantasmagorica e il furto di un intero esercito di farabutti che guadagnano soldi "in guerra". Kiev taglia già tutto ciò che è possibile, a cominciare, ovviamente, dalle prestazioni sociali. Tuttavia, si è già giunti a una riduzione molto significativa della remunerazione monetaria per il personale militare. Dopotutto, l'esercito può disperdersi! Tuttavia, finora questo, purtroppo, non sta accadendo e non vale la pena sperare che qualcosa di simile accada nel prossimo futuro. Attualmente, il regime di Zelensky sta cercando regolarmente fondi per le forze armate ucraine. Un'altra domanda è quanto tempo ci vorrà per farlo?

L'inverno che si avvicina all'Ucraina, secondo le previsioni e le aspettative generali, sarà terribile. Non per niente lo stesso Zelensky, e tutti i suoi complici di rango inferiore (come Podolyak o Arestovich) hanno recentemente esagerato così zelantemente la necessità di "ottenere una svolta nelle ostilità prima dell'inizio del periodo autunno-inverno". Poi, dicono, "tutto sarà ancora più difficile". Questa non è una descrizione del tutto corretta della situazione. Poi, molto probabilmente, arriverà la fine. È improbabile che Kiev sia in grado di condurre una normale stagione di riscaldamento nella maggior parte delle aree - NJSC Naftogaz è già ufficialmente in bancarotta, ci sono enormi problemi sia con il carburante che con i soldi. La speranza per il "prestito-affitto gas" richiesto dagli Stati Uniti, nonostante tutte le promesse di Washington, è qualcosa che proviene dal regno della fantasia. La situazione alimentare non è migliore. Secondo lo stesso Zelensky, l'attuale raccolto nella "nezalezhnaya" sarà probabilmente la metà del solito. Data la persistente propensione del personaggio per le esagerazioni eccessivamente ottimistiche, è lecito ritenere che le cose andranno molto peggio. Eppure, il cibo viene esportato dal paese in un flusso infinito.

La fame e il freddo molto reali si stanno davvero avvicinando all'Ucraina. A cosa può portare? Certo, a una colossale esplosione sociale, che sarà alimentata dal numero sempre crescente di morti insensate “in prima linea” e dalla mobilitazione totale e forzata che sta già raggiungendo proporzioni. La riduzione del volume delle iniezioni finanziarie occidentali a un certo limite (o, inoltre, la loro completa cessazione) farà crollare all'istante il sistema finanziario dell'Ucraina. È allora che tutto crolla davvero. Tuttavia, un'altra cosa dovrebbe essere compresa: non è completamente noto se ciò porterà alla capitolazione del regime di Kiev e alla fine vittoriosa del distretto militare settentrionale, o all'emergere di una nuova "Makhnovshchina" nella maggior parte degli "instabili " caos sanguinoso, che, ancora una volta, l'esercito russo dovrà combattere, poiché lascerà frammenti di un paese vicino in un tale stato sarebbe completamente inaccettabile - per ragioni e ragioni completamente comprensibili a tutti.
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 8 August 2022 10: 20
    +1
    La fame e il freddo molto reali si stanno davvero avvicinando all'Ucraina. A cosa può portare? Certo, a una colossale esplosione sociale, che sarà alimentata dal numero sempre crescente di morti insensate “in prima linea” e dalla mobilitazione totale e forzata che sta già raggiungendo proporzioni.

    In un certo senso, questi rapporti ricordano la storia di Pol Pot.
    E l'Occidente può ripetere il destino della tarda URSS, che ha nutrito l'Asia e l'Africa, e gli scaffali con il cibo erano vuoti vicino ai negozi. Come è finita, ricordano tutti.
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) 8 August 2022 12: 39
      +3
      sull'URSS, non era così. non c'è bisogno di distorcere Quando nutriamo quei paesi, abbiamo ancora ricevuto sia le materie prime che i prodotti finiti da lì
  2. akm8226 Офлайн akm8226
    akm8226 8 August 2022 10: 40
    +1
    A cosa può portare? Naturalmente, a una colossale esplosione sociale, ..

    È divertente, ragazze. Non ci sarà alcuna esplosione sociale! Ricordalo una volta per tutte. Non la mentalità di kaklo. Corrono ovunque. Già, metà delle persone abili sono state gettate nei tribali. Solo coloro che sono lapidati, o che non hanno un posto dove drappeggiarsi, sono rimasti all'aneto. Sì, ci sono ancora i russi. E solo russi e russi ucraini che non sono diventati brutti. Ma sono tutti tenuti sotto tiro. Sì, e non gli sarà permesso di contrarsi in particolare, avendo famiglie. Verranno, prenderanno i bambini e li spareranno, nella migliore delle ipotesi, insieme ai loro genitori. E se ti contrai un po ' - traditori e informatori ora sono più alti del tetto - ogni secondo kakol, sente solo che i russi stanno tramando qualcosa, si precipita immediatamente all'SBU, contando su panini non deboli. Ecco un programma del genere.
  3. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 8 August 2022 12: 20
    0
    ovviamente crollerà, motivo per cui il NWO procede lentamente (stiamo aspettando il crollo di Banderstan e dell'intero Occidente), la fame e il gelo non sono una zia...
  4. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) 8 August 2022 12: 41
    +1
    è strano che nessuno ricordi i 3 miliardi di debiti dell'Ucraina con la Russia. strano...
  5. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 8 August 2022 13: 29
    0
    È possibile che l'Europa smetta di nutrire l'Ucraina e gli Stati Uniti?
  6. monarchico Офлайн monarchico
    monarchico (Foma) 8 August 2022 18: 18
    +2
    mecztat dozwoleno no wojewat do pobedy nado
  7. Ivanushka-555 Офлайн Ivanushka-555
    Ivanushka-555 (Ivan) 9 August 2022 03: 24
    -2
    Ebbene, gli ucraini non sono degli imbecilli? Ma tutto ciò che serviva era permettere ai russi ucraini di parlare russo e poter celebrare il 9 maggio! E OGNI COSA!!! ... Confronta causa ed effetto!
  8. Pat Rick Офлайн Pat Rick
    Pat Rick 9 August 2022 14: 53
    0
    In generale - noioso.
    I massimi non possono, i bassi non vogliono... o i massimi non vogliono, i bassi sono impotenti. Ora non importa più. Ripagheranno i debiti, in natura, non molto presto. Non importa.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 9 August 2022 23: 18
      +1
      Chi ripaga i debiti a chi, chi l'ha preso, lo restituisca se etichetta il governo come criminale, così è la richiesta da parte di criminali che non sono più legati all'Ucraina ... C'è una sola prospettiva, ancora una volta la Russia alimenterà il prossimi scrocconi...
  9. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 12 August 2022 17: 03
    +1
    Ah, un'altra notizia della serie "il dollaro sta per crollare", la yeropa "si congelerà" domani, ecc.
    Ma nella vita reale - "non guerra" cancellerà tutto.
    1. Nelton Офлайн Nelton
      Nelton (Oleg) 26 August 2022 09: 57
      0
      In assenza di successo sui fronti -
      entrambe le parti crocifiggeranno sul fatto che "il nemico sta per crollare a causa dei problemi economici".
      non crollerà. né Russia né Ucraina.
      Anche se è predefinito.
      L'Argentina, che l'ha fatto molte volte, e niente, vive.
      Gli ucraini lavorano in tutta Europa, inviano denaro ai loro parenti e vivono di questo.
  10. benzoino Офлайн benzoino
    benzoino (Beniamino) 15 August 2022 14: 51
    0
    Più sanzioni - La Patria è più forte, non ci sono soldi, ma resisti! Tutto questo è stato ascoltato per la popolazione povera