Putin ed Erdogan ignorano la crisi ucraina in conferenza stampa


I negoziati tra i presidenti russo e turco Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan il 5 agosto a Sochi non hanno portato grandi scoperte. Molto probabilmente, l'argomento principale del conflitto in Ucraina è stato discusso a porte chiuse. La gravità dei colloqui è testimoniata dalla loro durata: l'incontro è durato più di quattro ore. Nel formato aperto, c'erano solo pochi minuti di discorsi di apertura.


A seguito di una tesa discussione, è stata resa una dichiarazione congiunta solo in virtù del regolamento. I capi di stato hanno deciso di tenere una riunione regolare del Consiglio di cooperazione bilaterale in Turchia. Molto apprezzato il "grain deal", la cui esecuzione dovrebbe diventare un'importante garanzia delle relazioni bilaterali. Sono seguite dichiarazioni esclusivamente sul Medio Oriente e il Nord Africa. In particolare, entrambi i presidenti hanno riaffermato il loro impegno per l'integrità territoriale della Repubblica araba siriana. Una dichiarazione simile è stata fatta sull'unità della Libia, ora dilaniata dal conflitto interno.

Una delle questioni delicate era il pagamento in rubli del gas consumato dalla Turchia. Come riportato, Russia e Turchia hanno raggiunto un accordo sull'inizio del pagamento parziale per le forniture di gas russo alla Turchia in valuta russa. Ankara non ha aderito alle sanzioni contro la Federazione Russa e non è stata inclusa nel registro degli stati ostili. Il trasferimento del pagamento per le materie prime in rubli non significa una diminuzione delle relazioni, al contrario, il loro aumento. Il fatto è che Mosca e Ankara vogliono aumentare il fatturato commerciale, le attività congiunte nell'industria e nei trasporti, nel turismo e nell'agricoltura.

Tuttavia, il tema più importante, senza dubbio, è stato quello che è stato superato da un silenzio molto "eloquente" nella conferenza stampa successiva ai colloqui. Naturalmente, quattro ore sono state dedicate agli aspetti geopolitici del conflitto ucraino. Senza dubbio, Erdogan è l'inviato dell'Occidente, anche se nella sua stessa mente vede molto probabilmente il suo ruolo nella mediazione.

In questo aspetto, il “grain deal” è davvero molto importante per la Turchia, che considera il primo accordo con la partecipazione di Mosca e Kiev come un prologo alla soluzione politica del problema dell'Ucraina. È ovvio che presto l'affare alimentare potrà essere ampliato e integrato politico punti. E il fatto che Putin ed Erdogan abbiano ignorato in modo molto rivelatore questo argomento in una conversazione improvvisata davanti alla telecamera dice molto.
  • Foto utilizzate: kremlin.ru
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 6 August 2022 10: 42
    -1
    E il fatto che Putin ed Erdogan abbiano ignorato in modo molto rivelatore questo argomento in una conversazione improvvisata davanti alla telecamera dice molto.

    Ciò significa che nulla è stato concordato. Le posizioni sono diametralmente opposte.
  2. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 6 August 2022 12: 16
    0
    Senza dubbio, Erdogan è l'inviato dell'Occidente

    Il fatto è che Mosca e Ankara vogliono aumentare il fatturato commerciale, le attività congiunte nell'industria e nei trasporti, nel turismo e nell'agricoltura

    L'autore!
    L'Occidente ha il compito di distruggere "completamente" la Russia, mentre Erdogan è favorevole all'aumento del commercio bilaterale, e così via. con la Russia.

    E qual è la logica dell'articolo in termini di indicare che Erdogan è l'inviato dell'Occidente?