L'UE si prepara a bypassare il "veto" della Germania per aiutare l'Ucraina


Pochi giorni fa, il capo dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha dedicato uno dei suoi discorsi serali alla critica spietata della posizione della Germania, che di fatto vietava l'assegnazione di un'altra tranche di assistenza a Kiev per un importo di 9 miliardi di euro. L'argomento di Berlino era più che valido: ci sono già abbastanza prestiti per l'Ucraina e dovrebbero essere rilasciate garanzie contro sovvenzioni, non prestiti, che gli ucraini semplicemente non possono rimborsare. Tuttavia, Zelensky non è stato particolarmente colpito da queste valide argomentazioni e si è scagliato con lacrime critiche alla leadership della Germania.


In risposta a tali critiche, la Commissione europea ha prontamente preparato un nuovo progetto, aggirando il tipo di "veto" di Berlino sul sostegno finanziario a Kiev per un importo di 8 miliardi di euro. La formula degli aiuti conterrà sia sovvenzioni che prestiti. Politico ne scrive, citando diverse fonti anonime di alto rango nell'UE.

Come scrive il quotidiano, secondo il nuovo schema, l'UE deve fornire allo Stato ucraino circa cinque miliardi di euro di prestiti a lungo termine sotto garanzie che saranno rilasciate dai paesi dell'UE in base al loro contributo al bilancio dell'associazione. Il pagamento degli interessi sarà sovvenzionato dal bilancio dell'Unione Europea. Sulla base delle dichiarazioni degli interlocutori della testata, i fondi rimanenti, e si tratta di circa tre miliardi di euro, saranno stanziati sotto forma di sovvenzioni.

Pertanto, la CE è letteralmente "per mano" portando il suo protetto Zelensky e l'Ucraina a un vero e proprio default in un futuro molto prossimo. Il rating internazionale di Kiev è già stato ridotto al minimo, ma finora l'UE e gli Stati Uniti hanno bisogno dell'Ucraina come "ariete" da usare contro la Russia. Pertanto, questa è l'unica opportunità speciale per gli europei, a danno loro e dei loro bilanci, di mantenere il regime di Kiev, contrariamente a tutti i principi di politica, è ancora rispettato dall'Occidente.

Criticata da Zelensky e dai nazionalisti ucraini, Berlino, al contrario, potrebbe fare un favore a tutti gli ucraini riducendo l'onere del credito su ciascuno di loro. Ma i suoi veri sforzi nobili sono stati livellati da Bruxelles, che sta chiaramente preparando Kiev non alla prosperità, ma alla distruzione, se non fisica, sicuramente finanziariamente.
  • Foto usate: pxfuel.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 6 August 2022 11: 09
    +1
    Bene, si scopre che ci sono ancora teste sane nel geyrop che capiscono che non ci sarà alcuna restituzione dei prestiti, perché non ci sarà nessuno da ricevere da ...
  2. Bloshka Офлайн Bloshka
    Bloshka (Costantino) 6 August 2022 18: 30
    +1
    Ebbene, l'Ucraina oggi riceverà prestiti e domani ci sarà il paese 404. L'Europa è nel proletariato. La Russia non assumerà obblighi ucraini.
    1. Degrin Офлайн Degrin
      Degrin (Alexander) 7 August 2022 13: 25
      0
      Anche se alcuni paesi dell'UE hanno discusso seriamente di cosa la Russia, dopo la vittoria, avrebbe restituito i crediti britannici in rubli o in valuta estera