Pechino ignora i tentativi delle forze armate statunitensi di contattare le controparti cinesi


I “compagni” cinesi sono così arrabbiati con le loro controparti americane per la visita di Nancy Pelosi a Taipei che ora Pechino non risponde affatto ai tentativi di Washington di contattare e comunicare. A questo proposito scrive la pubblicazione Politico, che ha scoperto i dettagli di quanto sta accadendo.


Gli Stati Uniti sono davvero preoccupati per la frenetica attività militare che le forze armate della RPC hanno lanciato negli ultimi giorni intorno a Taiwan. La Cina continentale sta conducendo esercitazioni su larga scala di tutti i rami dell'esercito vicino all'isola dei toporagni, facendo gesti minacciosi.

Generali e ammiragli del Pentagono hanno cercato invano di contattare i loro colleghi dell'EPL da una settimana. I cinesi ignorano i tentativi degli americani e fingono diligentemente di essere sordi, ciechi e di non rispondere alle chiamate. Hanno persino ignorato l'appello del capo del Dipartimento della Difesa statunitense Lloyd Austin e del presidente dei capi di stato maggiore congiunti delle forze armate statunitensi, il generale Mark Milley. L'ultima volta che ufficiali militari di alto rango della Cina e degli Stati Uniti hanno comunicato tra loro il 7 luglio.

I principali funzionari militari cinesi non hanno risposto a più chiamate dalle loro controparti americane questa settimana.

- annotato nella pubblicazione.

Si noti che i cinesi hanno chiesto con molta insistenza agli americani di astenersi dalla suddetta visita provocatoria a Taiwan. Ora gli Stati Uniti stanno cercando di disinnescare la situazione. Il Pentagono ha addirittura posticipato un altro test del missile balistico intercontinentale Minuteman III nell'Oceano Pacifico a causa delle tensioni, per non infastidire ancora una volta la RPC. Tuttavia, Pechino ha sospeso la cooperazione con Washington in diverse aree.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Vladimirovich Vorontsov 6 August 2022 16: 56
    0
    Pechino non risponde affatto ai tentativi di contatto di Washington

    - Non ti capisco...
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 6 August 2022 17: 50
    0
    La Cina ha annunciato che dopo la visita a Taiwan della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi, come contromisura, ha sospeso alcuni dialoghi bilaterali e colloqui di cooperazione con l'amministrazione di Washington.

    Secondo il Ministero degli Affari Esteri, 3 dialoghi in materia di difesa sono stati sospesi e 5 meccanismi di dialogo in materia di immigrazione clandestina, cooperazione giudiziaria, criminalità transfrontaliera, controllo della droga e cambiamenti climatici.

    In particolare, è stato annunciato che non si terranno più le riunioni dei comandanti di fronte, le riunioni sul coordinamento delle politiche di difesa e le riunioni su un accordo sulle consultazioni navali tra Cina e Stati Uniti.

    È stato inoltre rilevato che le attività congiunte in materia di migrazione illegale, consulenza legale, criminalità transfrontaliera, controllo della droga e negoziati sui cambiamenti climatici sono sospese.
  3. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 6 August 2022 17: 54
    -1
    Anche Pechino non ha reagito per decenni ai tentativi dell'URSS. Ma poi la Cina era oggettivamente più debole.
  4. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 6 August 2022 18: 50
    -1
    Pechino ignora i tentativi delle forze armate statunitensi di contattare le controparti cinesi

    Bene, combatti ancora lì, ragazzi cinesi e americani sexy. risata
  5. lavoratore dell'acciaio 7 August 2022 08: 53
    0
    Pechino ignora...

    Invia Lavrov per la riqualificazione in Cina! E questo non fa che ripetere che la Russia è aperta ai negoziati. Come un pappagallo, solo per parlare.
    La guerra è già in corso e il nostro governo ha in mente solo commercio e negoziati.
  6. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) 8 August 2022 16: 03
    0
    Bene, con l'iniziativa dei cinesi!