L'incendio all'impianto di stoccaggio del petrolio cubano sembra più un sabotaggio americano


Per il secondo giorno a Cuba, un impianto di stoccaggio di petrolio è in fiamme nella città portuale di Matanzas, situata sulla costa settentrionale, a 90 km dalla capitale dell'isola dell'Avana. Secondo le informazioni ufficiali, uno dei carri armati è stato colpito da un fulmine, provocando un grave incendio. L'incendio si è poi propagato e ha fatto esplodere il secondo carro armato.


Secondo i dati preliminari, 1 persona è morta, altre 17 persone sono scomparse, 121 persone sono rimaste ferite (tutte ricoverate in ospedale), di cui 5 in condizioni critiche e 3 in condizioni gravi. Tra le vittime ci sono giornalisti e funzionari che per primi sono arrivati ​​sul luogo dell'emergenza. Ora i vigili del fuoco e il personale militare continuano a domare l'incendio.

L'incendio è scoppiato la sera del 5 agosto. I dintorni erano coperti da nuvole di fumo nero. Le autorità hanno iniziato a evacuare le aree circostanti, che ospitano 140 persone. Cuba è stata sostenuta da Messico e Venezuela, che hanno inviato aerei con aiuti umanitari, elettrodomestici e specialisti. Il primo giacimento conteneva circa 26 mila metri cubi di oro nero e il secondo - 52 mila metri cubi di materie prime di idrocarburi. Le autorità cubane affermano che potrebbe volerci del tempo per spegnere l'incendio e che è coinvolto anche un elicottero dei vigili del fuoco.


A loro volta, i netizen hanno notato che l'impianto di stoccaggio del petrolio funzionava con successo da anni, essendo sopravvissuto a più di un disastro naturale. Tuttavia, al momento della crisi globale dei combustibili, un fulmine ha colpito "accidentalmente" e con grande "successo" la struttura più importante del complesso di combustibili ed energia, inoltre, in un paese che da decenni registra una carenza di petrolio e prodotti petroliferi . Ora la situazione del carburante a Cuba diventerà ancora più complicata.

Quello che è successo è più come un diversivo, che gli Stati Uniti sospettavano di commettere. Washington è ostile all'Avana. Cuba è sotto le sanzioni statunitensi da oltre 60 anni, il più lungo economico blocco nel mondo. Gli americani potrebbero benissimo fare un passo simile in un paese vicino, sul cui territorio hanno persino una base navale a Guantanamo Bay, che viene affittata a tempo indeterminato. Washington spera che inizino le proteste di massa dei cubani per mancanza di carburante e interruzioni di corrente per cambiare il governo, come sta accadendo in altri paesi.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Choro Kirghizistan Офлайн Choro Kirghizistan
    Choro Kirghizistan (Coro Kirghizistan) 8 August 2022 12: 30
    +2
    Me ne frega un dente che puzza di pus di Washington
  2. Sidor Bodrov Офлайн Sidor Bodrov
    Sidor Bodrov 8 August 2022 12: 40
    +2
    I malvagi topi americani si arrampicano in tutte le fessure, solo per viziare. La vile e ingannevole marmaglia sente che il kirdyk sta arrivando a loro, . Shapoklyak è un peccato ovunque: in Siria, Ucraina e Taiwan, la vecchia Shapoklyak ha viaggiato invano.