Il funzionario dell'UE ammette che l'Ucraina farà concessioni alla Russia


Gli stati in conflitto raramente fanno concessioni, considerandole una debolezza o un segno di sconfitta. Questa impasse psicologica molto spesso impedisce di trovare una soluzione diplomatica prima del disastro. Nel conflitto russo-ucraino, complicato dalla presenza di una “terza parte interessata” (l'Occidente), le concessioni, così come le manifestazioni di prudenza, sono tanto più rare. Questo è compreso sia in Russia che in Europa, anche se solo funzionari in pensione che sono usciti dall'influenza dell'"etica aziendale" dell'Unione Europea.


Così l'ex consigliere del commissario europeo agli Affari esteri politica Josep Borrell Natalie Tocci ha suggerito che l'Ucraina, per sopravvivere, avrebbe dovuto fare concessioni alla Russia, e su richiesta della stessa Europa. L'ex funzionario di Bruxelles ammette che in questo modo Kiev salverà se stessa e l'Europa. Ne ha scritto in un articolo per gli affari esteri.

Secondo Tocci, la potenziale fine della fase attiva delle ostilità potrebbe causare una spaccatura tra i paesi europei sul sostegno all'Ucraina. Questa è una posizione di principio, con la quale potrebbero esserci problemi non solo per la coalizione antirussa, ma per l'Occidente in generale.

La principale minaccia per l'alleanza europea potrebbe non essere la mancanza di progressi nell'arrestare l'escalation, come si potrebbe pensare finora, ma una relativa calma nel conflitto, ovvero i paesi dell'UE si stanno preparando al peggio, ma una sorpresa è possibile nella direzione opposta

Tochi ha spiegato.

L'ex consigliere ha suggerito che non appena si verificherà una situazione del genere, consentirà a Mosca "di attirare alcuni dei paesi dell'UE dalla sua parte nella questione di costringere Kiev a fare concessioni". Tocci ha anche sottolineato di ritenere che uno scenario del genere sia il più probabile, a patto che la crisi energetica in Europa si aggravi.

Molto probabilmente, la situazione intorno all'Ucraina attende una svolta in una direzione o nell'altra già nel tardo autunno di quest'anno. È allora che diventerà chiaro chi alla fine vincerà politicamente, per poi sferrare un colpo decisivo militarmente.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 8 August 2022 10: 39
    0
    Forse l'Occidente vuole organizzare qualcosa come il "Trattato di Versailles con la Germania" per l'Ucraina?
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 8 August 2022 12: 46
    0
    Di che tipo di concessioni parla l'ex funzionario?
    Kiev fondamentalmente non può accettare la perdita di territori e il rifiuto del nazismo. La Russia fondamentalmente non può accettare la conservazione di uno stato russofobo vicino ai suoi confini.
  3. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) 8 August 2022 12: 52
    +1
    Quali sono le nostre "concessioni", ora è estremamente chiaro che il progetto Ucraina, che è permanentemente tossico per la Russia, deve essere completamente chiuso. Definitivamente e irrevocabilmente, una volta per tutte.
  4. Patrick laforet Офлайн Patrick laforet
    Patrick laforet (Patrick Laforet) 8 August 2022 13: 30
    0
    Ucraina e Russia sono due progetti che si escludono a vicenda. L'Ucraina, essendo un progetto occidentale anti-russo, deve scomparire se la Russia vuole sopravvivere.
  5. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 8 August 2022 13: 31
    0
    In altre parole: l'Occidente collettivo farà concessioni alla Federazione Russa?
    "La tradizione è fresca, ma è difficile crederci!"
  6. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 9 August 2022 18: 27
    0
    Nessuno qui è interessato alle chiacchiere dei burocrati.