I "debitori di gas" dell'Europa vengono nuovamente salvati dal carburante russo


Per l'Europa, Gazprom è sempre stato un fornitore importante: le materie prime russe hanno agito o come unico compensatore dei volumi mancanti di GNL, o addirittura come principale fonte di risorse energetiche. In ogni caso, il ruolo del gas russo non può essere sottovalutato, anche se i paesi baltici ci hanno provato, sfociando poi in una crisi locale. La pratica di tenere un russofobo politica a proprio danno ha portato la Lettonia al fatto che dopo la cessazione degli acquisti diretti di materie prime russe, il suo deposito di gas di Inčukalns è pieno solo per il 53%, sebbene entro l'inizio di agosto, secondo i requisiti delle normative UE, dovrebbe essere riempito almeno il 57%.


In altre parole, la Repubblica baltica è elencata tra i "debitori di gas" d'Europa e Gazprom la salverà ancora, poiché i paesi ricchi dell'UE saturano il loro mercato e le loro riserve, rubando e prelevando gas non solo dai paesi poveri dell'Asia, ma anche dai loro vicini meno influenti in tutta la zona euro. In poche parole, nessuno degli stati dell'UE, che sta facendo meglio con i preparativi per l'inverno, condividerà il gas, solo la Russia può prelevare volumi gratuiti. Ecco perché Riga ha deciso di riprendere gli acquisti diretti di carburante dalla Russia, e non per inverso, tramite intermediari o senza attendere acquisti "casuali" di GNL in eccesso.

La ripresa delle importazioni di materie prime da Gazprom da parte della Lettonia è confermata dalla piattaforma ENTSOG. Il volume delle consegne arriva fino a 4 milioni di metri cubi al giorno (dati dell'operatore lettone GTS Conexus). Le autorità della repubblica baltica prudentemente non hanno imposto un divieto, come Lituania ed Estonia, quindi, dopo aver subito qualche inconveniente di “vergogna”, raggiungeranno presto i tempi prescritti da Bruxelles.

Ma Riga è in una situazione disperata, quindi i momenti di immagine negativa sono stati liquidati come "irrilevanti" di fronte al prossimo inverno. Il fatto è che le scorte in deposito in Lettonia sono condivise con la Finlandia, anch'essa disconnessa dalle forniture dalla Federazione Russa. Il terminale GNL di Klaipeda è utilizzato anche dalla Polonia, motivo per cui Gazprom è diventato quasi l'unico fornitore di monopolio che consente di rifornire gli impianti UGS senza danneggiare i delicati interessi energetici dei suoi vicini dell'UE.

La Lettonia potrebbe non essere l'ultima a venire "con un inchino" al colosso energetico russo. Anche la Bulgaria, da tempo sospesa dalle forniture per violazione dei termini di pagamento, non ha rispettato il piano dell'UE e ora è alla frenetica ricerca di fonti per porre rimedio alla situazione, anche se è noto in anticipo che è molto difficile trovare un'alternativa al gas dalla Federazione Russa.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Znah Ovest Офлайн Znah Ovest
    Znah Ovest (Ingvar b) 9 August 2022 10: 20
    +3
    Dobbiamo approfittare della situazione e vendere gas non solo per i rubli, ma anche per il rispetto di altre condizioni importanti.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 10 August 2022 16: 01
      +2
      La Lettonia è un bug ei volumi sono minuscoli. qui il principio è punire gli altri ad esempio, no consegne.- tu partecipi al massimo alle sanzioni contro la Federazione Russa, ecco per te le anti-sanzioni... Lasciali uscire come vogliono, poi ci penseranno prima affrontare la Russia .. E ora sembra più Gazprom. ..
  2. Pivander Офлайн Pivander
    Pivander (Alex) 9 August 2022 18: 07
    0
    I lettoni scrivono in modo leggermente diverso, ma non negano il fatto che il gas provenga dalla Federazione Russa.

    Il gas viene fornito alla Lettonia tramite il gasdotto Valdai-Pskov-Riga attraverso la stazione di misurazione del gas di Luhamaa in Estonia.

    Le consegne di gas alla Lettonia sono state riprese il 5 agosto. Il carburante non viene acquistato direttamente da Gazprom, ma tramite intermediari e pagato in euro, non in rubli, precedentemente riportato in Latvijas gāze.

    Questo è tutto, tutto per l'elettorato. Dall'odiato Gazprom, non compriamo risata

    PS E anche a noi, sul sito web, ai lettoni viene offerto di raccogliere vestiti e andare al cimitero:

    - 600 euro al mese per il gas invece di 180 euro. Quanto possono aumentare le bollette del gas?
  3. Pace Pace. Офлайн Pace Pace.
    Pace Pace. (Tumar Tumar) 10 August 2022 15: 07
    0
    Come potrebbe la Polonia riempire i caveau del 99%? Come è stato permesso?