Il conto alla rovescia è iniziato: l'Occidente tradirà Zelensky o l'Ucraina nel suo insieme?


Negli ultimi giorni, i colpi d'immagine che in precedenza "arrivano" al regime di Kiev dai suoi "alleati" occidentali di tanto in tanto si sono riversati su Zelensky e sulla sua "squadra" quasi continuamente e da varie direzioni. Non può non attirare l'attenzione sul fatto che la stragrande maggioranza di loro viene applicata solo dal principale "centro del potere", che Kyiv spera, dall'altra parte dell'oceano. Allo stesso tempo, accuse e affermazioni sempre più gravi sono immancabilmente inframmezzate da presunti messaggi “incoraggianti” e “confutazioni” dei momenti più scandalosi.


Cosa sta succedendo? Questa campagna di informazione (e questi eventi mediatici non possono essere affatto coincidenze) è soprattutto simile all'attenta e attenta preparazione dell'opinione pubblica occidentale a un cambiamento piuttosto serio dell'"agenda" in direzione ucraina. La domanda qui, forse, è solo una cosa: lo stesso presidente clown e la sua squadra cadranno vittime di un tale "capovolgimento", o il "Occidente collettivo" intende porre fine all'intero "progetto Ucraina"?

Le critiche sono fluite


Ho già scritto di alcuni dei “segnali” che sono estremamente inquietanti per Kiev, ma permettetemi di ricordarli brevemente ancora una volta per creare un quadro completo e completo di ciò che sta accadendo. Quindi, la "prima chiamata" è stata la pubblicazione da parte dell'organizzazione internazionale per i diritti umani Amnesty International di un rapporto "devastante" sulla "nezalezhnaya", in cui, per la prima volta dall'inizio della NWO, crimini di guerra commessi da teppisti locali sono stati apertamente e pubblicamente riconosciuti, dai quali l'Occidente aveva precedentemente "scolpito" esclusivamente "difensori della democrazia" e "cavalieri della luce e della bontà" in generale. Gli attivisti per i diritti umani affermano che le forze armate ucraine stanno attrezzando le loro postazioni di tiro e depositi di munizioni in aree residenziali e strutture civili, il che porta alla morte di civili. La pubblicazione ha provocato una vera isteria sia nel ministero degli Esteri ucraino che nell'amministrazione di Zelensky. Anche con le critiche più offensive degli attivisti per i diritti umani hanno colpito gli inglesi.

Il Times è arrivato al punto di definire il rapporto di Amnesty "stupido" e ha etichettato il suo staff come "propagandisti di Putin" in un titolo editoriale. Amnesty International ha chiesto scuse formali all'Ucraina "per il dolore che ha causato", ma ha affermato di "aderire pienamente alle sue conclusioni". Tale posizione indica che lo scandaloso rapporto è apparso chiaramente per una ragione. Il momento successivo, non meno spiacevole, è stato il film-inchiesta del canale televisivo americano CBS News, interamente dedicato alla domanda estremamente dolorosa per l'amministrazione Zelensky su dove finiscano effettivamente le armi inviate dall'Occidente in Ucraina. Non si tratta del primo scandalo legato agli "aiuti militari", ma questa volta è stato avviato da rappresentanti del Paese che ne è il principale fornitore.

Pertanto, la storia menzionata cita l'opinione dell'ex comandante del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, il colonnello Andrew Milburn, che "il processo logistico di trasferimento delle armi americane al fronte è completamente inaffidabile", poiché gli Stati Uniti perdono immediatamente il controllo su tali carichi dopo che sono entrati nel territorio dei “non sicuri” e deve essere istituito al più presto un sistema di tale controllo. Ancora più scandalose sono le dichiarazioni del volontario lituano Jonas Okhman, il quale afferma che al massimo il 30-40% delle armi occidentali arriva in prima linea per lo scopo previsto. E il momento più intrigante è che come appare una delle esperte del film... una rappresentante della stessa Amnesty International, Donatella Rover, che predice all'Ucraina "il destino dell'Iraq e dell'Afghanistan", dove cadde un'enorme quantità di armi americane direttamente nelle mani di terroristi e in genere di vari "cattivi".

La CBS sostiene che una tale svolta degli eventi è più che probabile, dal momento che "l'Ucraina, con le sue scorte di armi sovietiche, è sempre stata uno dei principali "mercati neri" per le armi. Questa storia, come previsto, ha suscitato a Kiev una reazione non meno violenta delle rivelazioni degli attivisti per i diritti umani. Il capo del dipartimento diplomatico, Dmitry Kuleba, è arrivato al punto di chiedere al canale televisivo americano (!) di condurre immediatamente una "indagine interna" per scoprire chi c'è dietro un caso così palese di "propaganda filorussa". Lì, ancora una volta, si sono scusati a denti stretti e hanno promesso di montare il film, integrandolo con "informazioni più recenti", secondo cui "i processi per la consegna delle armi e il controllo su di esse sono davvero migliorati". Com'è? Il furto è diventato meno - non il 70%, ma solo il 50%?!

Basta con quello che hai!


Questi scandali mediatici "combattono" molto bene con le ultime dichiarazioni dei rappresentanti del Pentagono, che rompono letteralmente tutti i "sogni di cristallo" degli ukronazi su una sorta di "controffensiva" e altri simili "peermog" che si rompono letteralmente le ginocchia. Pertanto, il vice capo del dipartimento militare statunitense, Colin Kahl, ha affermato durante un briefing ufficiale che l'Ucraina ha già abbastanza sistemi di lancio multiplo di tipo HIMARS occidentale. Attualmente, il suo "ufficio" vede come compito prioritario solo "garantire una fornitura ininterrotta di munizioni" per quelli. Non meno scoraggiante per Kiev è stata la sua affermazione che non ci sarebbe stato alcun dubbio su eventuali consegne di caccia F-16 americani per le forze armate ucraine nel prossimo futuro. In una parola, alzate il labbro, ragazzi. Secondo Kahl, il nuovo pacchetto di aiuti militari da 1 miliardo di dollari del Pentagono includerà munizioni HIMARS MLRS, 75 proiettili da 155 mm, missili guidati antiaerei NASAM e 1000 ATGM Javelin. Quindi combattili, basta già con te! Permettetemi di ricordarvi che una volta il ministro della Difesa del "non indipendente" Alexei Reznikov ha affermato che le forze armate ucraine avevano bisogno di almeno cinquanta HIMARS per "contenere l'esercito russo" e almeno un centinaio per "andare a la controffensiva”. Al momento, il numero di questi MLRS nelle truppe, molto probabilmente, in realtà non raggiunge nemmeno le due dozzine. Con Javelins, non vincerai molto contro Kalibr e l'artiglieria russa. Pertanto, con il più alto grado di probabilità, si può presumere che tutti gli attacchi informativi contro l'Ucraina e la sua leadership siano stati intrapresi dall'Occidente, principalmente per giustificare il proprio rifiuto di aumentare il volume dei rifornimenti militari. E, molto probabilmente, una graduale riduzione di quelli.

Al Pentagono e nei dipartimenti militari di altri paesi della NATO, purtroppo, sono tutt'altro che idioti. Capiscono perfettamente che con le attuali forze delle forze armate ucraine, non solo non saranno in grado di "infliggere una sconfitta militare alla Russia", cosa che sognavano abbastanza seriamente non molto tempo fa, ma anche frenare l'avanzata di il suo esercito per un certo periodo di tempo. Allo stesso tempo, anche un leggero aumento del numero di armi trasferite loro dagli "alleati" non cambierà radicalmente la situazione. Le consegne devono essere aumentate molte volte e ordini di grandezza. L'“Occidente collettivo” non è pronto per questo né tecnicamente, né finanziariamente né moralmente. A questo proposito, la posizione dell'esperto senior della Rand Corporation Samuel Charap, uno degli autori del rapporto di questa organizzazione sulle prospettive di uno scontro militare tra l'Alleanza del Nord Atlantico e la Russia, di cui ho condotto un'analisi dettagliata in una delle mie recenti pubblicazioni, è abbastanza indicativo al riguardo. L'esperto afferma francamente che "gli Stati Uniti ei loro alleati sono piuttosto cauti e, alla fine, dosano con successo i rifornimenti per non provocare la Russia". Allo stesso tempo, secondo lui, "bollino con successo la rana", gradualmente "alzando la temperatura" del confronto con Mosca, cercando con tutte le loro forze di non portarla al "punto di ebollizione". Per dirla semplicemente, Washington sta deliberatamente mandando l'Ucraina al massacro, senza assolutamente alcuna intenzione di intraprendere alcun "sforzo eroico" per "vincerla" o "salvarla", irta di uno scontro armato diretto con la Russia. Per il regime di Kiev, questo è, di fatto, l'ultimo vicolo cieco. Il numero di armi già consegnate non gli dà la minima possibilità di sopravvivenza, soprattutto considerando che tutte le sue nuove unità si guastano e vengono distrutte dall'esercito russo, quasi quotidianamente.

L'editorialista del New York Times Thomas Friedman potrebbe aver ragione quando di recente ha scritto che "c'è una sfiducia molto più profonda tra la Casa Bianca e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky di quanto non sia pubblicamente riconosciuto" e ha spiegato che gli Stati Uniti hanno semplicemente paura di "guardare troppo da vicino". .” sotto il cofano a Kiev, temendo che tipo di corruzione o altri trucchi si possano vedere lì anche dopo gli enormi investimenti che sono stati fatti lì. Biden, tra l'altro, ha confutato queste "insinuazioni", affermando che il presidente "ha espresso la sua ammirazione per la guida del presidente Zelensky in tempo di guerra e intende continuare a sostenere l'Ucraina in futuro". Ebbene, il vero prezzo di tali assicurazioni è ben noto a tutti. Il clown che non ha giustificato l'"alta fiducia" avrebbe potuto essere condannato e quello che stiamo vedendo ora è la prima fase della sua esecuzione.

In questo caso, le azioni inadeguate di Kiev diventano comprensibili, contrariamente alle dichiarazioni ufficiali del ministero della Difesa russo, che sta cercando di assumersi la responsabilità dell'incendio e delle esplosioni in un aeroporto militare in Crimea e dei funzionari del regime locale, che "Improvvisamente" ha stretto bruscamente la propria retorica. Il consigliere del capo dell'ufficio del presidente ucraino, Mikhail Podolyak, ha affermato il giorno prima che la "posizione negoziale" del "nezalezhnaya" è cambiata in modo significativo e non in una direzione più morbida. Si scopre che Kiev è già categoricamente in disaccordo con le "condizioni primarie per i negoziati con Mosca" precedentemente annunciate: il ritiro delle truppe russe ai confini il 24 febbraio. Ora i requisiti sono diversi:

Prima - la sconfitta tattica della Russia, poi - oltrepassando i confini internazionalmente riconosciuti dell'Ucraina, cioè i confini del 1991. Se anche solo un punto di conflitto rimane con la Russia, sarà una guerra incompiuta.

Approssimativamente la stessa “agenda” è stata annunciata poco dopo dallo stesso Zelensky nel suo “videomessaggio alla nazione”, dichiarando:
La regione del Mar Nero non può essere sicura mentre la Crimea è occupata. La guerra deve finire con la liberazione della Crimea!

È chiaro che questi "messaggi" pazzi sono diretti non tanto alla Russia quanto agli Stati Uniti, di fronte ai quali le autorità ucraine dichiarano nuovamente la loro piena disponibilità a combattere fino all'ultimo ucraino e alla distruzione finale del Paese. L'unica domanda è se tali intenzioni coincidano con i piani di Washington e dell'"Occidente collettivo" nel suo insieme.
20 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 10 August 2022 20: 58
    +1
    Le autorità ucraine dichiarano ancora una volta la loro piena disponibilità a combattere fino all'ultimo ucraino e alla distruzione finale del paese. L'unica domanda è se tali intenzioni coincidano con i piani di Washington e dell'"Occidente collettivo" nel suo insieme.

    L'autore!
    Dimentica il mantra del "ovest collettivo" che ti "tenta" costantemente.
    Tutto ciò che sta accadendo ora "in Ucraina" è necessario per i demoni che controllano la "leadership di Washington".
    E alla "leadership di Washington" non importa del mitico "Occidente collettivo", perché i demoni hanno bisogno di distruggere la Russia: anche l'ultimo ucraino, anche l'ultimo europeo, persino l'ultimo americano - non c'è differenza. L'unica domanda è chi c'è dietro chi nella parte posteriore della testa.
  2. Sergey Demin Офлайн Sergey Demin
    Sergey Demin (Sergey Demin) 10 August 2022 21: 06
    +1
    L'Occidente tradirà Zelensky o l'Ucraina nel suo insieme?
    questa è una domanda retorica
    1. ospite Офлайн ospite
      ospite 11 August 2022 01: 05
      +2
      Sono d'accordo, la domanda più importante è quando.
  3. boccata di birra Офлайн boccata di birra
    boccata di birra (Igor Trabkin) 10 August 2022 21: 36
    +1
    Al momento, i principali incendiari sono gli inglesi. Gli Stati Uniti stanno agitando e l'UE (Germania e Francia circondate da piccoli) è al guinzaglio. Ecco questo "ovest collettivo".
    1. Smilodon terribilis nimis 11 August 2022 13: 24
      0
      Sì, ma i britannici sono il barboncino tascabile degli Stati Uniti.
  4. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 10 August 2022 21: 39
    +1
    L'Occidente preferirebbe cavarsi un occhio con una forchetta o estrarre un dente con le pinze. La frenesia, la frenesia e l'ossessione dell'Occidente non possono essere sconfitte con un'arma.
  5. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 10 August 2022 21: 54
    -2
    Il conto alla rovescia è iniziato

    L'autore!
    In inverno, in Europa inizierà una "ribellione" di tutti contro tutti per "cibo e gas", non meno insensata e non meno spietata del classico detto sulle rivolte nella storia della Russia.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 10 August 2022 22: 12
    0
    Il conto alla rovescia è iniziato: l'Occidente tradirà Zelensky o l'Ucraina nel suo insieme?

    Secondo i media, l'Occidente sta tradendo l'Ucraina, ecc. una volta a settimana.
    zhdems
  7. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) 10 August 2022 22: 15
    0
    Il cosiddetto popolo ucraino - che tutti i sondaggi sono dei completi idioti e non capiscono cosa sta succedendo al loro cosiddetto paese, alla loro gente ??
  8. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 11 August 2022 01: 51
    +1
    Perché le forze armate ucraine stanno bombardando Donetsk, spargendo petali? Perché stanno bombardando il territorio della Federazione Russa? Perché colpire la centrale nucleare? Da un punto di vista militare, questo non è redditizio per le forze armate ucraine, perché. aumenta il morale di combattimento nelle forze alleate e giustifica l'SVO agli occhi dei russi e del mondo intero. Perché Zelensky e così via. dicono che la guerra durerà fino alla "fine della vittoria", fino alla presa della Crimea?

    Come tutti i 2-3 mesi precedenti, Kiev (USA e UE) stanno cercando di provocare la Russia fino all'ultimo colpo - un'offensiva decisa e rapida che coinvolge il numero massimo di truppe, le Forze Aerospaziali, per occupare rapidamente territori, accerchiare - bloccare le grandi città, in generale, il completamento del NWO per via militare.

    È molto importante per le forze armate ucraine che la Russia lanci un'offensiva su larga scala in questo momento. E non si tratta solo di verde, la capacità di scavare rapidamente in un terreno soffice o di una logistica estiva più conveniente. Ora le forze armate dell'Ucraina non hanno riserve. Ci sono attrezzature pesanti in quantità decenti. Stock di munizioni. Se le forze armate dell'Ucraina scelgono la battaglia finale ora, o in ottobre, novembre, dicembre, allora è ovvio che ora ci sono più possibilità.

    Ogni giorno, le forze armate RF distruggono magazzini, attrezzature e personale. Anche le forze armate ucraine sono costrette a frenare le offensive in corso, le perdite giornaliere sono molto ingenti. Anche considerando che le Forze armate ucraine stanno cercando di unire prima di tutto i coscritti, mantenendo uno staff esperto per la battaglia finale, sono comunque costretti a contrastare l'offensiva delle forze alleate, non sapendo quando può trasformarsi in qualcosa di più ambizioso. Cioè, le forze armate dell'Ucraina sostituiscono con forza le unità sperimentali per la distribuzione, perché costretti a tenerli non così lontani dal fronte per avere il tempo di respingere qualcosa di più grande e veloce.

    Le consegne di munizioni e armi sono in corso, ma il consumo attuale e le perdite dovute agli scioperi non consentono alle forze armate ucraine di accumulare riserve di munizioni e armi. Nelle ultime settimane, l'artiglieria delle Forze armate ucraine ha "salvato" munizioni (come per il fatto che l'artiglieria è stata superata per l'attacco a Kherson, ora saranno respinte, come). In effetti, stanno stupidamente salvando, che ha già provocato una raffica di urla dal fronte "ci stiamo solo stirando, dov'è la nostra arte?".

    Ma il motivo più basilare per cui il regime di Kiev e l'Occidente hanno bisogno di una battaglia finale ora è l'economia. Kiev sta finendo i soldi, manca il gas per la stagione di riscaldamento (e sarà necessario riscaldare tutti i territori controllati da Kiev...). Zaparozhskaya NPP passa alla fornitura della Russia. L'Ucraina sta distribuendo società statali, ma non ci sono ancora abbastanza soldi. Qualunque cosa si possa dire, gli stati d'animo della popolazione ucraina ora e tra 2-3 mesi saranno diversi come il giorno e la notte. E questo influenzerà anche la battaglia finale: un conto è che lo Stato è più o meno forte, tutto è sotto controllo, le persone sopportano e sognano controffensive, e un altro è il crollo dell'economia, la crisi energetica, le masse in le strade, un'esplosione sociale, lo stato praticamente non esiste più. E lì l'accordo finale delle Forze Armate RF avrà prospettive completamente diverse.

    L'UE ha bisogno di qualcosa perché Kiev muoia finalmente. Lo sognano, già pregano per questo. Questo regime sarebbe presto crollato. Dall'UE, Kiev non riceverà nulla di più significativo di dispense simboliche. Sì, potrebbero porsi l'obiettivo di "allungare" l'Ucraina durante l'inverno. Ma un simile obiettivo è troppo ambizioso per l'UE. Sullo sfondo della prevista insoddisfazione dei borghesi, pompare denaro, armi e gas in Ucraina potrebbe finire male.

    Gli Stati Uniti non possono permettersi di abbandonare un alleato. A novembre, le elezioni e si adattano decisamente al sostegno dell'Ucraina, anche Biden non può.

    Pertanto, non dovresti preoccuparti del fatto che il NWO si sta trasformando in una guerra di posizione, che qualcosa in qualche modo sta lentamente accadendo. Tutto accadrà a tempo debito.
    1. Chukchi lavoratore agricolo (lavoratore agricolo Chukchi) 11 August 2022 09: 21
      +1
      Hai una mente sana. Approssimativamente questo è ciò che accade.
      Resta da aggiungere che l'Ucraina GIÀ non ha soldi, quasi l'intera economia in Ucraina è americana - i loro soldi, questo è comprensibile. La popolazione e gli ambienti economici d'Europa disprezzano l'Ucraina. Questo paese non è mai stato riconosciuto come uguale, ma era un luogo conveniente per il riciclaggio di denaro, un comodo centro di contrabbando ed era famoso per il turismo sessuale a basso costo. Come si è scoperto, gli ucraini non sono solo lavoratori a basso costo e prostitute incontaminate, ma anche militanti ideologici pronti a morire. Una colonia ideale per gli USA. Sì, in Ucraina credono che gli Stati Uniti li aiuteranno. Credono sinceramente e con tutto il cuore, come si addice ai paesani senza scrupoli e senza scrupoli. Tutto è già stato nella storia. È stato più o meno lo stesso in Corea e Vietnam, Afghanistan, Somalia, Cuba e altri paesi che consideravano gli americani amici. L'Ucraina non è la prima e molto probabilmente non l'ultima ad essere fatta a pezzi e successivamente dimenticata.
      Il problema dell'Ucraina è che il regime che occupava questo "paese" ha cominciato a creare problemi alla Russia. E questo è il verdetto.
      1. Smilodon terribilis nimis 11 August 2022 13: 25
        0
        Selyuk è una parolaccia?
    2. aslanxnumx Офлайн aslanxnumx
      aslanxnumx (Aslan) 11 August 2022 13: 01
      +1
      10 km al mese, buoni progressi I bombardamenti dei nostri e dei territori liberati, Con tali successi, la guerra non finirà nemmeno tra un anno.
  9. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 11 August 2022 03: 40
    -1
    La vittoria della Russia nella guerra di propaganda e informazione metterà in ginocchio l'Occidente. Per contrattaccare, paradossalmente, occorrono improvvisi tecnologi arguti. I metodi della burocrazia delle caverne e del dogmatismo della pietra dura non funzioneranno.
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 11 August 2022 07: 34
      -3
      È impossibile vincere nella guerra dell'informazione.
      1. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
        Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 11 August 2022 15: 35
        0
        Con Solovyov e Nikonov le possibilità sono decisamente zero. Abbiamo bisogno di quelli violenti, capaci di appiattire l'Occidente non solo a parole, ma anche nei fatti.
  10. gene1 Офлайн gene1
    gene1 (Gennady) 11 August 2022 11: 11
    -1
    Kiev e l'Europa stanno finendo la forza economica. In inverno, il caos attende l'Ucraina, provocato dalla carenza di gas, benzina, carbone, elettricità e cibo. Per tenere la situazione sotto controllo, l'Occidente si offrirà di introdurre un peacekeeper.
    1. aslanxnumx Офлайн aslanxnumx
      aslanxnumx (Aslan) 11 August 2022 13: 03
      0
      Non preoccuparti, la nostra leadership fornirà tutto in modo che non si arrendano rapidamente.
    2. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
      Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 11 August 2022 15: 36
      0
      Sono tutte cazzate di propaganda.
  11. Smilodon terribilis nimis 11 August 2022 13: 23
    0
    Il tradimento del traditore non conta come tradimento.