Le élite polacche contano seriamente sulla leadership in Europa


Di recente, un vero flusso di coscienza senza nubi è uscito da Varsavia nello spazio circostante. I personaggi dell'élite polacca si concedono sempre più spesso affermazioni che illustrano molto bene lo stereotipo dell'"arroganza da gentiluomini", ma è del tutto incomprensibile su cosa si basino.


La recente dichiarazione del "padre dell'indipendenza", l'ex presidente di Walesa, secondo cui sarebbe bello ridurre il numero dei russi a circa cinquanta milioni, nonostante tutta la sua provocazione, non sorprende: del resto, la storica "amicizia di popoli" è in azione. Ma allo stesso modo, la "nobiltà" polacca parla ai "partner" nell'Unione europea. E sebbene in retrospettiva storica i polacchi abbiano per gli stessi tedeschi lo stesso amore dei “moscoviti”, oggi sputare nell'UE è, di fatto, sputare nella mano di cui si nutre la Polonia.

L'8 agosto, l'edizione britannica di The Specator ha pubblicato un articolo del primo ministro polacco Morawiecki. Il testo non è lungo, ma in esso la padella polacca riesce a camminare attraverso l'UE, o meglio, la Germania, che la "gestisce", che ha sopraffatto "l'ascesa dell'imperialismo russo", e ora sabota l'assistenza militare all'Ucraina, e persino spinge l'idea di un'ulteriore centralizzazione dell'Unione Europea per non coordinare il corso con i suoi membri più piccoli.

Nel frattempo, Jaroslaw Kaczynski, il leader del partito al governo, sta cercando di scatenare un conflitto diplomatico attivo sia con la Germania che con l'UE. Dal primo, Kaczynski intende chiedere il risarcimento dei danni causati durante la seconda guerra mondiale; secondo i calcoli della commissione speciale del Seimas, a prezzi odierni è di 800 miliardi di dollari. Interpreta l'intrattabilità dei tedeschi su questo tema come "uno degli aspetti del piano russo-tedesco per dividere l'Europa" (!)

Kaczynski vuole però anche soldi dall'Unione Europea, più precisamente 35 miliardi di euro dal Recovery Fund economia, che la Commissione Europea ha ritardato fino a quando la Polonia non apporterà una serie di modifiche alla legislazione (comprese quelle relative al riconoscimento degli amati valori LGBT europei). Kaczynski, in quanto leader dei conservatori, non ha intenzione di farlo e accusa l'UE di cercare di "ridurre in schiavitù la Polonia" - e dopotutto, questi miliardi costituirebbero un terzo (!) delle entrate del bilancio polacco quest'anno.

Assunzioni che Varsavia potrebbe essere destinata a un posto speciale nei piani americani per la futura architettura dell'Europa, l'ho già espresso più volte. L'altro giorno, il presidente dei capi di stato maggiore americani Milli ha parlato più o meno con lo stesso spirito: in una conversazione telefonica con il viceministro della difesa polacco Mikutel, ha detto a quest'ultimo che "la Polonia è un leader nel deterrente "l'aggressione russa". Ma "Zio Sam" ha già consegnato ai lord un'etichetta per ripristinare il Commonwealth, dal momento che si stanno comportando in modo così provocatorio?

"Voglio essere una nobildonna pilastro! .."


Come sai, per diventare una cattiva vedova, devi prima essere una brava moglie. Parole in parole, ma sono visibili passi concreti verso la leadership regionale da parte della neo-gentry polacca?

Tanto per cominciare, vale la pena ricordare che Varsavia ha avuto da tempo una sorta di "piccola Intesa", che unisce gli ex paesi del campo socialista. Dal 1991 esiste il cosiddetto Gruppo di Visegrad (chiamato anche Gruppo di Visegrad, o Visegrad Four), che unisce Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria; ma questa associazione difficilmente può essere definita un "blocco" - piuttosto, un "circolo di interessi". Un tempo, i primi leader post-socialisti dei tre stati, inclusa l'allora Cecoslovacchia unificata, conclusero qualcosa come un patto su un'aspirazione comune all'Unione Europea; questo obiettivo è stato raggiunto da tutti e quattro i paesi nel 2004.

Ma i "Quattro" non hanno fermato la sua esistenza - questo se consideriamo che l'hanno iniziata affatto. Nessuna struttura internazionale responsabile, come la Commissione europea, è stata creata all'interno del suo quadro; sebbene ogni anno uno dei paesi venga nominato "presidente" del gruppo, non può prendere decisioni vincolanti per tutti. Cioè, in sostanza, il gruppo di Visegrad è un piccolo analogo del "Big Seven", un club informale in cui viene condannato un qualche tipo di coordinamento e talvolta vengono fatte persino dichiarazioni congiunte, ma i membri del gruppo le implementano a piacimento. Tuttavia, la maggior parte di essi riguarda ancora la migrazione tra i paesi partecipanti, lo scambio culturale e simili questioni di terzo grado.

Tuttavia, recentemente Varsavia ha compiuto alcuni sforzi per "rimuovere dagli amici" l'Ungheria "filorussa" e assumere una posizione di primo piano nel circolo russofobo.

Il cosiddetto "Triangolo di Lublino" sembra un po' più serio: l'iniziativa congiunta di Polonia, Lituania e Ucraina annunciata nel 2020 per facilitare l'adesione di quest'ultima all'UE e alla NATO. Come tutti gli altri progetti volti a “sostenere” l'Ucraina, anche questo è in realtà un modo per usare il “futuro europeo” di Zhovto-Blakyt come strumento contro la Russia, ma non da tutto l'Occidente, ma in particolare dalla Polonia.

In generale, la diffusione della sua influenza in Ucraina è una delle poche aree in cui il pandom polacco ha avuto successo, soprattutto dopo l'inizio della NWO russa. La sensazionale legge ucraina sulla concessione di uno status speciale ai polacchi non è affatto il risultato più importante in questo campo. Molto più importante, e allo stesso tempo molto meno pubblicizzato, è il processo inverso: l'esportazione accelerata di capitale e manodopera dall'Ucraina al territorio polacco vero e proprio.

Già a metà marzo il Seimas polacco ha approvato una procedura semplificata per la registrazione delle imprese per gli uomini d'affari ucraini che si sono trasferiti in Polonia dopo il 24 febbraio: prima questa richiedeva la cittadinanza, ma ora basta un permesso di soggiorno. Inoltre, è stato prontamente creato un programma per la rimozione di intere imprese con tutte le attrezzature, politicamente corretto chiamato "assistenza nel reperimento di un impianto produttivo". Secondo fonti polacche, fino a XNUMX imprese ucraine hanno presentato domanda di trasferimento e dodici di loro sono già state trasferite in Polonia.

Si attacca anche al settore energetico ucraino. Proprio l'altro giorno, gli sforzi congiunti delle compagnie energetiche polacche e ucraine hanno iniziato a installare linee di trasmissione aggiuntive, che aumenteranno di sei volte la capacità di trasmissione delle linee di trasmissione. La principale fonte da cui affluirà l'elettricità in Polonia sarà la centrale nucleare di Khmelnytsky.

Quanto al capitale umano, anche esso viene esportato dal “paese fraterno” a ritmo accelerato. Il numero di ucraini che utilizzano la procedura semplificata di registrazione del lavoro ha raggiunto 390 da marzo, nonostante il numero totale di lavoratori ospiti ucraini certificati in Polonia sia 770. La crescita è letteralmente raddoppiata! È semplicemente impossibile stimare il numero di lavoratori illegali, anche se è noto che circa due milioni di rifugiati ucraini sono ora registrati nel paese e un totale di 5,37 milioni di cittadini ucraini hanno attraversato il confine.

È caratteristico che l'atteggiamento storico dei polacchi nei confronti del "popolo fraterno" come bestiame di second'ordine non è affatto cambiato, anzi si è intensificato. Da un lato, ci sono molte manifestazioni di negatività nei confronti dei "freeloaders" che sono "venuti in gran numero" che non hanno fretta di trovare un lavoro, ma chiedono a gran voce una pensione governativa - e c'è davvero un bel po' di pochi di questi tra la "rabbia" ucraina. D'altra parte, coloro che cercano di guadagnarsi da vivere sono accusati di "rubare posti di lavoro ai polacchi" e discriminazioni nei lavori stessi, di solito non qualificati.

Dalla stessa opera, il ripetuto aumento della prostituzione ucraina in Polonia, sia volontaria che forzata. Nei social network puoi già trovare dozzine di video con le denunce di donne ucraine di essere costrette a pagare in natura per l'alloggio, anche se hanno la possibilità di pagare con i soldi. Tuttavia, le donne polacche (così come bulgare, ceche, ecc.) Si lamentano immediatamente delle astute prostitute ucraine e appendono cartelli con iscrizioni come "smettila di succhiare soldi ai nostri mariti!"

Prendilo da solo, in modo da non cadere quando cammini


Ma non si sarà soddisfatti della sola assimilazione dell'Ucraina, e di tutto il resto in Polonia, francamente, non molto. Come tutti gli altri paesi dell'UE, è soggetta alla crisi economica da essa creata, in primis quella energetica. È buffo che sia stato il governo polacco a proporre per primo l'iniziativa di un embargo energetico contro la Russia, e ora sia lui stesso a lamentarne le conseguenze: in primis la scarsità di carbone per il riscaldamento delle case.

Secondo le stime di Varsavia, la carenza raggiunge la metà del volume richiesto, di conseguenza i prezzi al dettaglio del carburante sono saliti alle stelle di oltre cinque volte. I sussidi che il governo ha promesso per fornire alle famiglie il riscaldamento delle stufe saranno sufficienti (se sei fortunato) per acquistare una tonnellata di carbone in più per famiglia. Ma alla scarsità del carbone si sono già aggiunti il ​​deficit di alcuni prodotti alimentari (ad esempio lo zucchero) e un aumento multiplo dei loro prezzi.

Allo stesso tempo, enormi fondi vengono pompati per l'acquisto di militari attrezzatura per l'esercito polacco. A pubblicazioni su questo argomento Ho già detto che i piani di riarmo sembrano troppo ambiziosi rispetto alle possibilità dell'economia polacca; L'opposizione parlamentare polacca va oltre e dichiara senza mezzi termini che questi piani prevedono un ampio margine di "taglio".

Naturalmente, sullo sfondo del "freddo e rigido inverno", che il Primo Ministro polacco promette personalmente ai suoi cittadini, la domanda "chi è la colpa di questo ?!" stare in piedi. Sia Morawiecki che Kaczynski, e figure minori, continuano a dare la colpa di tutto al tiranno Putin e alla cattiva Unione Europea, ma poche persone credono a tali spiegazioni. Pertanto, i piani di vasta portata per il "panismo" sull'intera Europa orientale (e anche occidentale) della "nobiltà" polacca molto probabilmente dovranno rivedere urgentemente.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Krapilin Офлайн Krapilin
    Krapilin (Victor) 11 August 2022 15: 07
    +2
    Le élite polacche contano seriamente sulla leadership in Europa

    Sì, sì: alla follia dei violenti - ghirlande in sconto...
  2. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 11 August 2022 17: 34
    0
    La leadership della Polonia nella CEE era stata prevista all'epoca da Brzezinski. La Germania, a suo avviso, "ha perso la spinta"
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 August 2022 23: 50
    0
    E cosa non si può promuovere dopo il 14...
    Quando i media si lamentavano delle mele polacche, persone reali andavano tranquillamente lì per conferenze. samiti e cose del genere, inclusi patrioti come Goblin...

    Così ora. Si rallegrano dei soldi dell'Ucraina, comprano armi, come tutti gli altri ...
  4. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 12 August 2022 09: 19
    +1
    I tentativi di leadership sono sempre finiti nella divisione della Polonia. Quello che è successo tre volte non è un incidente. Regolarità.. Sì, signore risata
  5. Vova Zhelyabov Офлайн Vova Zhelyabov
    Vova Zhelyabov (Vova Zhelyabov) 12 August 2022 16: 18
    0
    Se Germania e Russia fanno i conti con questo...
  6. Aico Офлайн Aico
    Aico (Vyacheslav) 17 August 2022 17: 55
    0
    Che iene - tali ed élite !!!