Il CIO ha deciso di finire la Russia ai Giochi del 2018

Nonostante il fatto che la Russia abbia soddisfatto tutte le condizioni umilianti del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), abbia accettato di pagare una multa multimilionaria per accuse non dimostrate, la discriminazione continua. Il CIO ha rifiutato di ripristinare l'appartenenza al Comitato Olimpico Russo (ROC), anche se c'erano poche speranze che ciò accadesse prima della fine delle Olimpiadi di Pyeongchang. Ciò significa che gli atleti russi, nonostante tutte le loro vittorie, saranno privati ​​dell'opportunità di partecipare alla cerimonia di chiusura dei Giochi Olimpici sotto la bandiera della Russia.




Come ha detto il capo del CIO Thomas Bach durante la 132a sessione di questa organizzazione, il Comitato Esecutivo del Comitato ha raccomandato di non ripristinare i diritti del ROC. E questo nonostante l'adempimento dei requisiti draconiani presentati alla Russia nel dicembre dello scorso anno.

Nicole Hoeverts, a capo della Commissione per il lavoro con gli atleti russi alle Olimpiadi del 2018, ha sottolineato che il ROC può essere ripristinato solo dopo aver completato l'analisi di tutti i campioni dopanti dei russi.

Nella sua conferenza stampa, Thomas Bach ha osservato che gli olimpionici russi hanno sentito la pressione su se stessi:

Ovviamente la pressione si è fatta sentire. È stato sentito dagli stessi atleti a queste Olimpiadi. Per loro tutto questo non è stato così facile e semplice, anche da parte dell'opinione pubblica russa, anche per quanto riguarda la situazione nel villaggio olimpico, non sapevano come gli altri atleti li avrebbero incontrati.


Ha anche affermato che gli atleti russi continueranno a essere testati per il doping più spesso di tutti gli altri. "Questa tendenza continuerà", ha detto.

Pertanto, il presidente del CIO ha ammesso un atteggiamento deliberatamente prevenuto nei confronti dei russi. Si dovrebbe notare che politico и economico le molestie nei confronti della Russia sulla scena internazionale coincidono "miracolosamente" con le molestie in altri ambiti, compreso lo sport. Sebbene l'essenza stessa dei Giochi Olimpici contraddica questo approccio.

La decisione del CIO è stata influenzata da due casi di rilevamento del doping: al bigodino Alexander Krushelnitsky e al bob Nadezhda Sergeeva durante le attuali Olimpiadi. La domanda rimane: gli atleti russi sono così sciocchi da prendere il doping in questa situazione? È molto più logico assumere manipolazioni senza scrupoli con analisi o l'aggiunta di doping al cibo e alle bevande degli atleti a loro insaputa.

Le Olimpiadi si chiuderanno oggi, 25 febbraio. La Russia ha ottenuto il 13 ° posto nella classifica generale delle medaglie. In primo luogo è la Norvegia. Ma una delle medaglie ricevute da questo paese è stata effettivamente vinta da un duo di curling russo. Doveva essere restituita a causa di una strana manipolazione dei test antidoping.

In questo cupo sfondo di bene notizie è che i giocatori di hockey russi per la prima volta in 26 anni hanno vinto una medaglia d'oro, battendo la Germania con un punteggio di 4: 3. Come segno della loro vittoria, hanno cantato l'inno russo durante la cerimonia di premiazione. Come scrivono gli utenti dei social network, valeva la pena andarci solo per il gusto di farlo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.