Minacce immaginarie e reali per l'Occidente


È facile considerare il sistema occidentale di ordine sociale come parte integrante, che si è sviluppato costantemente per più di cento anni, ripetendo le stesse fasi di questo sviluppo, perché il sistema sociale in Occidente non è cambiato, ma politico i sistemi hanno dimostrato stabilità, nonostante il cambio di persone al potere, un forte movimento sindacale, popolare e pogrom. In parole povere, i paesi sviluppati dell'Occidente sono cambiati negli ultimi centocinquanta anni solo in termini di comparsa di nuovi tecnologia, in termini sociali, si "congelavano", trovavano, come sembra loro, un modello ideale di esistenza. Anche il famigerato "stato sociale", che è stato preso negli anni '1950 e '1960 e ora viene gradualmente eliminato, era solo una reincarnazione delle politiche di Napoleone III in Francia, Bismarck in Germania e Disraeli in Inghilterra.


Attualmente i “valori” familiari alla retorica liberale occidentale degli ultimi trent'anni, come la santità dei diritti di proprietà, l'inviolabilità della vita personale, la libertà di pensiero, di parola e di imprenditorialità, il cambio di potere, la lotta alla corruzione, sono non solo calpestato, ma addirittura gettato nella spazzatura in connessione con l'isteria e il panico della nuova guerra fredda. Russia, Cina, Iran, Corea del Nord presumibilmente minacciano la sicurezza nazionale dell'Occidente, quindi la proprietà può essere portata via, la vita personale trascurata, la libertà di pensiero, parola e imprenditorialità gravemente limitata, il potere non cambiato, ma non pensare alla corruzione. La situazione ricorda dolorosamente l'inizio dell'era del maccartismo.

Nel suo ultimo discorso pubblico nel 1952, Stalin considerò le caratteristiche del momento di quell'epoca e le sue istruzioni suggeriscono un'analogia con il tempo presente:

In precedenza, la borghesia si lasciava liberare, difendeva le libertà democratiche borghesi e creava così popolarità tra il popolo. Ora non c'è più traccia di liberalismo. Non c'è più la cosiddetta "libertà dell'individuo": i diritti individuali sono ormai riconosciuti solo a chi ha capitale, e tutti gli altri cittadini sono considerati materia umana grezza, adatta solo allo sfruttamento. Il principio della parità dei diritti delle persone e delle nazioni è stato calpestato, è stato sostituito dal principio dei pieni diritti per la minoranza sfruttatrice e dalla mancanza di diritti per la maggioranza sfruttata dei cittadini. La bandiera delle libertà democratiche borghesi è stata gettata in mare... In precedenza, la borghesia era considerata il capo della nazione, difendeva i diritti e l'indipendenza della nazione, ponendoli "al di sopra di ogni altra cosa". Ora non rimane traccia del "principio nazionale". Ora la borghesia sta vendendo i diritti e l'indipendenza della nazione per dollari.

In effetti, oggi il quadro è simile. Il liberalismo di cui si vantavano le "élite" occidentali, le libertà e il sistema di distribuzione del mercato che ha creato la classe media, vengono gettati in mare come nei primi anni '1950. Monopolazione in pieno svolgimento economia, potere, spazio delle informazioni. Nell'ideologia occidentale fiorisce il pensiero del vecchio blocco, l'autocensura dilaga ed è in corso un'attiva caccia alle streghe. Cinque anni fa, uno scenario del genere sembrava una distopia scadente.

Così, il mondo occidentale non cade in uno stato fondamentalmente nuovo, ma in una certa fase, che è caratterizzata dalla mobilitazione della società di fronte a minacce reali e immaginarie.

Minacce immaginarie per l'Occidente


Tutta la ricchezza di valutazioni soggettive da parte di politici e ideologi occidentali sulle minacce provenienti da Russia, Cina e altri paesi non americani nelle sfere dell'economia, della politica e dell'ideologia è inverosimile. Nessuno al mondo minaccia gli Stati Uniti, l'Inghilterra, l'Unione Europea, invade le loro risorse, il benessere o l'ordine di vita interno. Anche l'accusa più "egregia" che la Russia e altri paesi stiano interferendo nelle elezioni americane è del tutto insostenibile e persino assurda. Secondo la stampa liberaldemocratica e alcuni politici americani, la Russia ha aiutato Trump a salire al potere, ma Trump è stato nominato dal Partito Repubblicano, non dalla Russia Unita, nessun beneficio dalla presidenza Trump, né la Russia né nessun altro al di fuori degli Stati Uniti non ha estratto. Il fatto che qualcuno in Russia pensasse che il presidente Trump fosse migliore del presidente Clinton non prova nulla e non influisce su nulla. Un sacco di lobbisti al di fuori degli Stati Uniti hanno dato soldi alla campagna di Hillary Clinton e poi di Biden, ma non sono accusati di ingerenza negli affari interni americani.

La minaccia dalla Cina non è meno assurda. I cinesi sedevano pacificamente e tranquillamente impegnati nella produzione, nell'innovazione, nel commercio e nell'attuazione di progetti infrastrutturali in altri paesi. Non hanno imposto nulla a nessuno, non hanno promosso il comunismo, non sono andati da nessuna parte con la loro carta, sono stati sempre aperti al capitale americano e occidentale. Ma all'improvviso l'America si è arrabbiata e ha iniziato una guerra commerciale con la Cina, perché non era soddisfatta della bilancia commerciale estero con la Cina. Gli americani “improvvisamente” hanno scoperto di aver deindustrializzato il loro Paese e ora sono diventati loro stessi oggetto di importazione non solo di merci, ma anche di capitali. Ma per qualche ragione, la colpa era dei cinesi. Si scopre che sono imprenditori disonesti, perché hanno esagerato con la grande America.

Gli americani si sono arrampicati in dozzine di paesi con le loro basi militari, hanno compiuto interventi osceni per amore del petrolio, hanno posizionato governi fantoccio intorno a grandi paesi, hanno sostenuto il nazionalismo ovunque sembrava loro vantaggioso. E quando tutto questo appiccicoso e ingombrante sistema di relazioni e dipendenze iniziò a districarsi sotto il naturale desiderio di indipendenza dei popoli, si arrabbiarono e caddero nell'aggressione di un piromane-piromane.

L'Europa, che si stava muovendo con timidi passi verso una relativa indipendenza dagli Stati Uniti, è stata rapidamente schiacciata all'artiglio. Tutti gli interessi economici oggettivi della sopravvivenza dell'Europa sono stati moltiplicati per zero, l'Europa è stata gettata nella fornace dell'opposizione insensata alla Russia. E andrà solo peggio, poiché Washington farà più pressione su Francia e Germania in modo che interrompano anche le relazioni con la Cina. Tutto questo non viene fatto tanto per danneggiare Russia e Cina, ma per minare il potenziale e il desiderio di indipendenza della stessa Europa. Ora l'idea del completo assorbimento dell'Europa da parte dell'America è forte come durante il marshalling dopo la seconda guerra mondiale.

L'unico momento più o meno sano nell'analisi delle minacce all'Occidente è la minaccia al suo indiviso predominio economico e politico-militare. Il mondo è cambiato e ora poche persone vogliono guardare indietro all'Occidente con ogni starnuto. Molti paesi stanno arrivando a comprendere proprio questo "principio nazionale" e stanno trovando benefici diretti dalla cooperazione con Cina e Russia, e non con l'Occidente, se non altro perché tale cooperazione non è come una strada a senso unico.

Ma la minaccia al predominio occidentale risiede nell'area della sicurezza nazionale occidentale? Gli Stati Uniti, a causa dell'unipolarità dell'ordine mondiale, dopo il crollo dell'URSS, hanno assoggettato la maggior parte dei paesi alla sua volontà, e ora sono indignati dal fatto che nessuno voglia più obbedire loro. Era necessario comportarsi come un umano, forse avrebbero guadagnato una sorta di autorità, e non solo paura e disprezzo. Ma preferivano la "legge del puledro" e la "legge della giungla", quindi perché lamentarsi del fatto che alla gente non piace vivere in un tale ordine mondiale?

Vere minacce per l'Occidente


La crisi dell'ordine mondiale unipolare, sebbene sia avvenuta in modo piuttosto inaspettato e proceda a ritmi crescenti, è maturata da decenni. La cosa principale da capire sul modello occidentale di dominio è che la sua base economica è impossibile senza una crescita estesa. Finché c'era spazio libero per la penetrazione del capitale occidentale, sembrava che tutto il "sistema" si sviluppasse, l'economia andava in salita, in politica tutte le "frizioni" e i "disaccordi" erano regolati da negoziazioni e sarebbero sempre stati così . Non appena questo spazio ha cominciato a restringersi, anche altri grandi Stati hanno iniziato a cercare di sfruttare i benefici della globalizzazione a proprio vantaggio, il "sistema" ha cominciato a recintarsi, aprendo la strada alla repressione violenta della concorrenza. Le contraddizioni politiche si intensificarono bruscamente e iniziò l'aperta militarizzazione della società. I limiti interni dello sviluppo del modello occidentale di capitalismo sono dettati dalle possibilità di espansione economica esterna. La perdita di basi di risorse, l'aumento della concorrenza nei mercati di vendita e il declino del ruolo del dollaro hanno portato il "sistema" fuori equilibrio, che ha iniziato, da un lato, a prepararsi alla guerra e, dall'altro, a divorare stesso dall'interno. Il crollo della globalizzazione, la crisi economica, la recessione, il peggioramento del tenore di vita della popolazione, l'aumento delle spese militari, il passaggio alla pratica del neomaccartismo: tutto questo è una conseguenza di questa nuova fase.

La vera minaccia per l'Occidente è il nodo delle contraddizioni interne, socio-economiche, che ogni anno si intrica sempre più e provoca una reazione sempre più aspra da parte della popolazione. I circoli dirigenti degli Stati Uniti e dell'Europa stanno cercando di distogliere l'attenzione del pubblico sui processi di politica estera, per giustificare il fallimento strutturale ed essenziale e la natura antipopolare della loro politica con le macchinazioni di nemici esterni.

A questo proposito, sembra almeno logico il piano strategico della leadership politico-militare della Federazione Russa di non forzare gli eventi in Ucraina, in attesa dell'aggravarsi della carenza di carburante in Europa in inverno. Ma non vale la pena pensare che l'Occidente crollerà rapidamente sotto il peso delle proprie sanzioni, poiché l'esito della crisi dipende direttamente dall'organizzazione e dalla definizione degli obiettivi di quelle forze sociali che oggi maggiormente risentono della politica del confronto. Le corporazioni occidentali, anche quelle europee, moltiplicano la loro ricchezza e rafforzano la loro posizione nel mercato attraverso il monopolio, mentre i normali lavoratori, impiegati e tutti i lavoratori poveri soffrono.

In senso strategico, il destino del sistema di ordine sociale occidentale dipende dal fatto che gli Stati Uniti riescano a distruggere economicamente almeno uno dei suoi concorrenti: Russia, Cina, UE, o almeno Iran, Turchia o Corea del Nord, per per ampliare lo spazio per la crescita estensiva del capitale. Un tale “sistema”, come un tossicodipendente, necessita costantemente di una “dose” di elevata marginalità. Sembrerebbe, sviluppare la produzione in patria, investire nelle regioni arretrate dell'Europa orientale, dell'Africa, dell'Asia. E invece no, questo tossicodipendente è già così "esaurito" che non si accontenta di un tasso di rendimento del dieci per cento e di un rimborso di diversi anni, ha bisogno di soldi veloci, facili e favolosi.

In breve, l'avidità e l'avidità nel contesto di una forte riduzione dei mercati stanno spingendo gli stati occidentali a mantenere l'egemonia con ogni mezzo, anche scatenando conflitti.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 14 August 2022 19: 28
    0
    Qui la cosa principale rimane nell'ombra. Oggi, alla testa degli stati "democratici" dell'Occidente ci sono, infatti, dei burattini, promossi da un potente PR al potere (un D. Biden con demenza senile nei presidenti vale qualcosa). Quindi non bisogna confondere i burattini con i loro burattinai. È con i burattinai che bisogna contrattare, e talvolta combattere e premere contro il muro. C'è una lotta completamente sotto copertura di diversi servizi, il nostro SVR oggi con il borbottio Naryshkin è debole (è ora di cambiare la leadership). C'è una lotta di predatori e i borbottii vengono mangiati in una sola seduta ...
  2. Ivanushka-555 Офлайн Ivanushka-555
    Ivanushka-555 (Ivan) 15 August 2022 03: 33
    0
    Non interferiremmo con tali "valori". Soprattutto in termini di cambio di potere. Sembri e la corruzione sarebbe meno!